Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La telemedicina, un metodo che resiste

Nell’ambito del Mese mondiale della sanità, l’Organizzazione mondiale della sanità ha preparato un elenco delle principali sfide che il settore sanitario dovrà affrontare durante questo decennio, in cui si evidenzia l’uso positivo delle nuove tecnologie. In questo senso è importante evidenziare il peso delle tendenze emerse a seguito del distanziamento sociale dovuto alla pandemia, ma che sono perdurate oggi e sono entrate a far parte della nostra routine.

“La modernizzazione del settore sanitario ha un enorme impatto positivo, non solo sui pazienti, ma su tutti gli operatori sanitari. Tuttavia, l’implementazione della tecnologia comporta anche nuove domande e sfide su cui è necessario lavorare con il settore”, osserva Andres Avila, Direttore marketing del settore sanitario presso Zebra Technologies in America Latina. Nel suo studio sul futuro dell’assistenza sanitaria , l’azienda ha spiegato che c’è una crescente domanda di servizi e che gli ospedali si stanno rivolgendo alla tecnologia e all’automazione per ridurre il carico di un sistema che affronta ogni giorno una miriade di sfide. Pertanto, sia il monitoraggio remoto dei pazienti che la telemedicina sono diventati due tendenze tecniche che hanno cambiato il settore sanitario, con un impatto positivo sulla qualità dell’assistenza ai pazienti e riducendo i costi relativi alle cure mediche.


L’assistenza virtuale come nuova priorità


L’avvento della telemedicina durante la pandemia ha confermato che l’assistenza virtuale rimane di qualità. Inoltre, questo nuovo metodo ha aumentato la comodità e il comfort dell’assistenza per i pazienti ovunque. Le persone non devono più recarsi in ospedale ad ogni appuntamento o preoccuparsi di lunghe attese o tempi di guida: Hanno solo bisogno di chiamare il telefono o il computer per fissare l’appuntamento programmato, che può essere molto più breve e conciso rispetto a quando vanno in ospedale.

READ  La migliore notte di agosto per vedere piogge di meteoriti

Sebbene la maggior parte delle persone consideri la telemedicina come un fornitore che si consulta con un paziente a casa, nel corso dell’anno è prevista anche una maggiore supervisione ospedaliera attraverso questo metodo. In entrambi gli scenari, l’uso della telemedicina aumenterà la complessità del caso d’uso, combinando comunicazioni video asincrone, monitoraggio e persino applicazioni di intelligenza artificiale.


L’uso diffuso dei dispositivi mobili nella gestione ospedaliera


Secondo gli esperti Zebra, il 70% degli errori medici può essere attribuito alla disconnessione. Per questo motivo, 9 decisori ospedalieri su 10 aumenteranno la spesa per la mobilità clinica, espanderanno l’uso di dispositivi mobili con l’obiettivo di ottenere visibilità delle informazioni in tempo reale, convalidare i dati, generare comunicazioni più chiare e aumentare la produttività della forza lavoro.

Allo stesso modo, questo settore investirà di più in strumenti di comunicazione per i team di assistenza ai pazienti, Oltre ai sistemi di allarme portatili, che saranno più facili da implementare, gestire e utilizzare con smartphone clinici di livello aziendale, dispongono di funzionalità incentrate sulla sicurezza e sulla privacy dei dati dei pazienti e forniscono funzionalità di gestione remota.


Miglioramento del processo


Di fronte alla carenza di forniture e attrezzature mediche, gli operatori sanitari devono affrontare una nuova sfida: ottenere un maggiore controllo sui pazienti e sulle forniture che utilizzano quotidianamente. Per questo gli ospedali adottano sistemi di monitoraggio remoto come RFID e Bluetooth oltre al mobile computing, in modo da tracciare automaticamente la geolocalizzazione in tempo reale di tutto; di attrezzature, forniture e medicinali per pazienti e personale. Queste stesse soluzioni aiuteranno anche gli operatori sanitari a ottimizzare l’utilizzo delle risorse, migliorare il monitoraggio del controllo delle infezioni e aumentare l’efficienza operativa del personale fino al 97%. Gli infermieri percorrono circa 8 chilometri al giorno con un turno di 12 ore, quindi è importante avere accesso ai dati e alle informazioni dei loro pazienti in qualsiasi momento in modo che possano fornire la migliore assistenza possibile. Utilizzando i dispositivi mobili, il personale medico può rivedere gli ordini, la storia del paziente e i farmaci somministrati, tra molti altri dati.

READ  I frattali sono molto più di un cavolfiore

I pazienti diventano partecipanti attivi nella loro assistenza sanitaria


Per fornire cure migliori, gli ospedali devono tenere conto delle abitudini dei pazienti, che vivono connessi a uno smartphone e, quindi, cercano la stessa tecnologia per essere presenti nelle loro cure mediche. Il 77% dei pazienti ha un’opinione positiva sull’uso della tecnologia mobile all’interno degli ospedali. Allo stesso modo, fornisce un quadro positivo dell’assistenza, poiché il 95% dei pazienti è disposto a condividere informazioni con il personale medico se ha in mano dispositivi portatili.

L’adozione della tecnologia da parte della società sta guidando la digitalizzazione dei servizi ospedalieri e, insieme a ciò, sta emergendo una nuova preoccupazione, ovvero la protezione e la sicurezza dei dati dei pazienti. Attualmente, solo il 65% degli ospedali ha una policy per i dispositivi mobili e il 53% specifica dati specifici e requisiti di autenticazione. Tuttavia, il 42% degli ospedali prevede di implementare l’uso di computer portatili attraverso i quali possono crittografare i dati e avere l’opzione di scansione remota per fornire una maggiore sicurezza ai pazienti sull’uso delle loro informazioni.

Le applicazioni tecnologiche in termini di efficienza, sicurezza, privacy e facilità d’uso possono ora essere considerate il modo migliore per migliorare l’assistenza medica e quindi modificare la qualità dell’assistenza ai pazienti. La pandemia ha messo sul tavolo le esigenze di modernizzazione del settore sanitario e, fortunatamente, non solo ha sollecitato una rapida risposta alla crisi sanitaria, ma ha anche rivelato un futuro più favorevole per la salute dei pazienti e dei lavoratori supportati dalla tecnologia. L’acqua è più calma.