Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il CEO critica la lenta attuazione dei fondi europei

Il denaro europeo è la grande speranza bianca dell’economia spagnola. Non si tratta di boxe, ma di corretto utilizzo del meraviglioso strumento che l’Unione Europea ha messo questa volta a disposizione dei Paesi più colpiti dall’epidemia, come la Spagna.

Se l’economia spagnola è crollata durante la crisi finanziaria del 2010 e ci sono voluti anni per uscire dal piatto, ora i fondi approvati artificialmente come Next Generation sono una grande opportunità che gli imprenditori avvertono di non utilizzare come dovrebbero.

Gli imprenditori considerano questa grande opportunità sottoutilizzata

In particolare, l’amministratore delegato ha denunciato la lenta attuazione di questi fondi e mette in guardia dai rischi di spostare gli investimenti in altri paesi che sono più rapidi nel fornire aiuti sul campo. Nel primo rapporto realizzato dal datore di lavoro su questo aiuto europeo si nota che nel 2021 sono stati pubblicati bandi e bandi per 9.300 milioni di euro, il 48% dei fondi ricevuti finora, ma i pagamenti reali sono molto lontani da questo. la forma. Una parte dei fondi non è giunta alle aziende perché in molti casi le scadenze per la presentazione dei progetti erano ancora aperte a fine anno.

Inoltre, l’AD precisa che il concetto di stanziamento o impegno di fondi non coincide con quello di attuazione, e che “l’erogazione di fondi solo a società ed enti che non fanno parte del settore pubblico ha un impatto reale sull’economia”. È qui che i datori di lavoro presentano la loro denuncia.

Per fare ciò, si basa sui dati di agosto del Comptroller dell’Amministrazione generale dello Stato (IGAE), giustificandolo come l’ultima versione disponibile per l’implementazione. Secondo questi dati, le imprese private a quella data ammontavano a soli 104 milioni di euro sui 5.000 che avevano impegnato in quel momento, il 2% del totale.

READ  Gli 11 giocatori più anziani a saltare la Coppa del Mondo

I bandi con durata ridotta e cofinanziamento del 30% lasciano due PMI su tre

Le fonti di tesoreria collocano i fondi autorizzati a 19.013 milioni di euro (78% dei 24.198 milioni di euro previsti per il 2021) e quelli impegnati a 17.228 (71%), senza specificare gli importi implementati.

La Spagna è stato il primo Paese il cui piano di risanamento è stato approvato e anche il primo Paese a ricevere il primo pagamento di 9.000 milioni, che si sono aggiunti ai 10.000 anticipati al momento dell’approvazione del piano. Ora, la prossima spesa, 12mila milioni in primavera, dipende da condizioni come la riforma del lavoro e la prima parte della riforma delle pensioni, che l’esecutivo è riuscito a chiudere in tempo a fine anno. È quanto esaminerà la Commissione Europea per approvare il nuovo pagamento.

In ogni caso, esorta i datori di lavoro ad accelerare l’attuazione dei fondi per massimizzare il loro impatto sul recupero e allertare il rischio di delocalizzazione. “Nelle regioni in cui ci sono meno operatori di trattori multinazionali, i ritardi nell’implementazione delle chiamate comportano un rischio maggiore di trasferire gli investimenti in altri paesi più rapidamente da implementare”, afferma il rapporto CEOE.

Per evitare questi rischi, chiede più ritmo nella diffusione degli inviti da parte dell’intero settore pubblico, in particolare da parte delle società indipendenti, che hanno lanciato solo inviti per un valore di 1.000 milioni di euro. Inoltre, poiché la maggior parte dell’assistenza gestita dalla comunità è progettata e approvata a livello statale, la capacità di adattare le chiamate alle realtà di ciascuna area è ridotta.

READ  Catalogna, territorio NATO al cento per cento, di Enrique Giuliana

Un altro elemento in cui l’imprenditore è particolarmente importante sono i bandi di progettazione, con termini ridotti, che solitamente sono di tre o quattro settimane, ma in alcuni casi limitati a 10 giorni lavorativi, e un cofinanziamento medio del 30% che impedisce l’accesso ai fondi per piccole e medie imprese e lavoratori autonomi. In questo senso, un recente rapporto Cepyme ha indicato che il 65% delle PMI ritiene che non potrà partecipare a investimenti o ricevere sussidi legati ai fondi europei. Comporta le dimissioni di due PMI su tre.

Un caso specifico citato come esempio lampante è l’assistenza Connected Industry 4.0, per facilitare la trasformazione digitale delle imprese, lanciata ad agosto dal Segretariato generale per l’Industria e le PMI e a cui sono stati concessi solo 8 giorni lavorativi per presentarsi. Il risultato è stato che solo 9,9 milioni dei 95 totali sono stati giustiziati, ovvero il 10,4%.

Il datore di lavoro afferma di accelerare i pagamenti alle aziende per rivitalizzare l’economia

Nel confronto fatto dallo studio con altri Paesi, spicca il caso della Francia, con un’erogazione di quasi il 30% e dotata di un sistema di monitoraggio e valutazione che comprende un gran numero di agenti diversi dal governo stesso; Così è l’Italia, Paese che ha adottato la competizione competitiva come formula per l’assegnazione dei fondi agli enti locali, e che ha temporaneamente potenziato il personale della pubblica amministrazione per affrontare i progetti con maggiore flessibilità.

È stato citato anche il caso del Portogallo, che ha pubblicato un bando e appalti per il 28% delle sovvenzioni per il 2021.

READ  CEOE vede un accordo su nuovi ERTE "complessi" | Economia