Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alcuni paesi dovrebbero cessare di esistere?

Lavorare sulla disuguaglianza globale ti fa porsi domande che non ti faresti mai, semplicemente perché non ti passerebbero per la mente. È come passare da un mondo bidimensionale a un mondo tridimensionale: anche il familiare sembra improvvisamente insolito.

Prendiamo, ad esempio, l’economia della convergenza. Nella teoria della crescita basata sulla convergenza, i paesi più poveri tendono a crescere più velocemente dei più ricchi perché possono utilizzare tutte le conoscenze e le innovazioni che i più ricchi hanno già prodotto. In breve, quando sei alla frontiera della tecnologia, devi inventare sempre qualcosa di nuovo e puoi crescere, diciamo, a un tasso dell’1 o dell’1,5% all’anno. Ma quando è sotto il confine, un paese povero può imitare i ricchi e crescere a un ritmo più alto. (Naturalmente, gli economisti parlano di “convergenza condizionata” perché la teoria presuppone che tutti gli altri fattori, che di fatto differiscono tra paesi ricchi e paesi poveri, siano gli stessi.) Tuttavia, vi sono prove di convergenza condizionale negli studi. Ragioni, è visto come una buona cosa.

Ora, guardando da vicino, ci si rende conto che la convergenza è studiata dal punto di vista dei paesi, ma in realtà si tratta della convergenza degli standard di vita tra gli individui. Diciamo che un paese più povero raggiunge un paese più ricco perché siamo così abituati a guardare l’economia in termini di stati-nazione e implicitamente presumendo che non ci sia movimento di persone tra i paesi. Ma in realtà, la convergenza non è altro che una riduzione della disuguaglianza di reddito tra tutti gli individui nel mondo.

Allora qual è il modo migliore per ottenere questa riduzione della disuguaglianza tra le persone? La teoria economica, il buon senso e gli esercizi di simulazione mostrano chiaramente che il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è consentire la libera circolazione delle persone. Una tale politica aumenterebbe il reddito mondiale (come dovrebbe in linea di principio per qualsiasi libera circolazione dei fattori di produzione) e ridurrebbe la povertà globale e la disuguaglianza nel mondo. In una prospettiva globale, non è importante che di conseguenza la convergenza dei paesi rallenti (come evidenziato da alcuni recenti risultati dell’Unione Europea) perché i paesi, come abbiamo appena visto, non sono le entità rilevanti nel mondo economia: i soggetti interessati sono gli individui e i loro livelli di benessere. Se i redditi delle persone sono più uguali, non è assolutamente importante che la differenza tra i redditi medi di A e B aumenti.

READ  Spagna, il paese europeo in cui i marchi offrono i maggiori sconti sulle vendite di auto

Per capirlo, considera termini familiari come lo stato-nazione: nessuno sano di mente sosterrebbe che la popolazione degli Appalachi degli Stati Uniti non potrebbe essere autorizzata a trasferirsi in California perché il reddito medio degli Appalachi potrebbe diminuire. In effetti, i redditi medi possono diminuire sia in California che negli Appalachi, e le disuguaglianze possono aumentare sia negli Appalachi che in California, eppure il reddito globale dell’America aumenterà e la disuguaglianza dell’America aumenterà, e sarà inferiore.

L’argomento è lo stesso per tutti: trasferire un nigeriano altamente qualificato negli Stati Uniti può abbassare il reddito medio nigeriano (e può anche abbassare il reddito medio statunitense), e può anche causare disuguaglianza, senza però che il PIL globale sia più alto e globale la disuguaglianza sarà minore. Insomma, il mondo sarebbe un posto migliore. Obiezioni all’immigrazione, che può abbassare i redditi medi nei paesi ospitanti, sollevate da Paul Collier nel suo libro DislocamentoNon è rilevante perché il vero oggetto della nostra analisi non è lo stato-nazione ma l’individuo.

Finora l’argomento mi sembra del tutto inconfutabile. Ma poi le cose si complicano. Andando oltre questo ragionamento, e utilizzando i risultati di un sondaggio Gallup che ha mostrato la percentuale di persone che vorrebbe lasciare i propri paesi, troviamo che in caso di migrazione globale senza ostacoli, alcuni paesi potrebbero perdere fino al 90% del loro popolazione. Può andare via: se ne andranno tutte tranne qualche migliaio di persone. Anche i pochi che sono rimasti inizialmente troveranno presto la loro vita insopportabile, soprattutto perché fornire beni pubblici a un numero molto ristretto della popolazione può essere molto costoso.

READ  Nuove regole fiscali supporteranno la Banca Centrale Europea nella lotta all'inflazione

“Va bene, e allora?” Potresti chiederti. Se Chad, Liberia e Mauritania non esistono più perché tutti vogliono andare in Italia e in Francia, perché dovremmo preoccuparci? La gente ha scelto liberamente di stare meglio in Italia e in Francia, e basta. Ma allora, ci si potrebbe chiedere, la scomparsa di paesi significa anche la scomparsa di culture, lingue e religioni diverse? Sì, ma se alle persone non interessano queste culture, lingue e religioni, perché dovrebbero essere preservate?

La distruzione di una varietà di tradizioni umane non è gratuita e posso capire che c’è qualcuno che crede che preservare le lingue e le culture sia importante quanto preservare la diversità di piante e animali nel mondo, ma mi chiedo chi dovrebbe assumere responsabilità. il suo costo. La gente del Mali dovrebbe essere costretta a vivere in Mali perché qualcuno a Londra crede che un certo tipo di esistenza umana andrà perduto se tutti si trasferiscono a Londra?

Non sono del tutto insensibile a questo argomento, ma penso che sarebbe onesto dire francamente che il costo della conservazione di questo “patrimonio mondiale” non è sostenuto da coloro che lo difendono in teoria, ma da coloro che sono in Mali e non possono ottenere fuori.

C’è un chiaro compromesso tra preservare la diversità delle tradizioni culturali e la libertà degli individui di fare ciò che vogliono. Sarei più felice se non ci fossero compromessi, ma è così. E se dovessi scegliere tra i due, sceglierei la libertà umana anche a costo di perdere la tradizione. Dopotutto, vale la pena preservare tradizioni di cui nessuno si preoccupa? Il mondo ha perso Markman, Fratelli, Sarmati, Visigoti, Alani, Vandali, avari e migliaia di altri. Sono scomparsi con la scomparsa delle loro lingue, culture e tradizioni. Ci mancano davvero oggi?

READ  L'Italia ha rifiutato di estradare in Venezuela Rafael Ramirez, un ex ministro chavista che è diventato una delle voci più critiche del regime.

Traduzione dall’inglese Ricardo Duda.

Postato originariamente su Substack Autore.