Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il discorso di Alberto Fernandez ai governatori degli Stati indurisce la posizione degli Stati Uniti e tolta la possibilità di un accordo con il Fondo monetario internazionale

Alberto Fernandez e Joseph Biden al Democracy Summit organizzato dagli Stati Uniti

La Casa Bianca e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) sono stati informati della presentazione che Alberto Fernandez e Martin Guzman faranno ai governatori Per rendere trasparenti le trattative che stanno conducendo con Kristalina Georgieva con l’obiettivo di rifinanziare i 44mila milioni di dollari che Mauricio Macri ha contratto quando occupava il 50esimo seggio.

Il presidente e il ministro dell’Economia hanno criticato aspramente il FMI e Axel Kiselov ha chiuso il cerchio quando è stato il suo turno di parlare Davanti al pubblico che ha mostrato l’assenza dei vertici provinciali appartenenti a Juntos por el Cambio: “Gli Stati Uniti” e “La strategia va riconsiderata”, Il governatore di Buenos Aires è scivolato.

Questi due concetti Kicillof –Stati Uniti e La strategia deve essere rivista: hanno causato una reazione a catena che è andata dal Segretario del Tesoro degli Stati Uniti alla Casa Bianca. A Washington, pensano che Kiselov sia il principale consigliere economico di Cristina Fernández de Kirchner, e ieri hanno valutato che il suo discorso conteneva una potenziale strategia negoziale che Alberto Fernández e Guzmán avevano sempre rifiutato.

Il presidente ha negato il concetto di emendamentoGuzmán ha ritrattato che i colloqui sono stati ostacolati dalla prospettiva degli Stati Uniti sul programma fallito attuato da Macri. Kiselov ha proseguito la parabola riferendosi al Segretario del Tesoro e avvertendo della possibilità di un cambio di strategia.

In queste circostanze, Alberto Fernandez troverà molto difficile concludere un accordo con il consenso degli Stati Uniti. Senza il sostegno di Joseph Biden, l’Argentina è diretta verso un default del debito sovrano.

READ  La Gran Bretagna intende ripristinare la domanda internazionale

Yant Yellen, il segretario al Tesoro, che fa parte del consiglio del FMI su ordine di Biden, e ha già chiarito alla Casa Bianca e alla stessa Georgieva, che il piano presentato da Guzmán necessita di una riduzione più forte del deficit fiscale. Questa richiesta di Yellen significa per Alberto Fernandez un aggiustamento economico che non vuole realizzare.

Il capo dello Stato ha parlato davanti ai governatori dei suoi successi diplomatici del G-20 a Roma, Ma resta chiaro che è stata rivelata una cospirazione segreta che spiega la riluttanza del FMI ad approvarla nel suo consiglio. Gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone e l’Australia non hanno voluto accettare di ridurre i supplementie Dubitano che l’Argentina possa beneficiare del trasferimento di milioni di dollari in Diritti Speciali di Prelievo (DSP) appartenenti ai paesi centrali.

La riluttanza di Biden e dei suoi storici alleati fu superata dalle pressioni di Cina, Russia, Messico e alcuni paesi africani e mediorientali a favore dell’Argentina. poi, Il G-20 di Roma è riuscito a rilasciare la sua dichiarazione conclusiva e Alberto Fernandez è riuscito a ottenere una vittoria diplomatica in questo forum multilaterale.

Ma la Casa Bianca non ha dimenticato la sconfitta in Italia e ha pagato bene a Washington. Ha escluso la riduzione delle commissioni aggiuntive nell’ultima sessione del Consiglio direttivo, collegando un rapporto del Fondo monetario internazionale che ha rivelato carenze nel programma presentato da Macri e non sosterrà Balcarce 50 fino a quando il governo non accetterà il piano di aggiustamento economico.

Questa trama segreta di Alberto Fernandez non è mai stata rivelata. Il suo contenuto nel tempo e nello spazio ci permette di capire perché la mostra di Guzmán al Museo del Bicentenario ha fatto scattare tutti gli allarmi a Washington.

READ  Dal Marocco e Algeria "sottomarini" e consegne

Non è una questione ideologica. È una questione geopolitica: gli Stati Uniti ei suoi partner intendono raccogliere i 44 miliardi di dollari che Macri ha contratto, e non vogliono che l’Argentina faciliti l’influenza della Cina in America Latina.

Oltre all’insistenza di Alberto Fernandez per assumere la presidenza della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC) Sottomettere l’influenza regionale dell’Organizzazione degli Stati americani (OAS), che è molto critica nei confronti dei regimi autoritari di Cuba, Venezuela e Nicaragua.

(Senso orario).  Yanet Yellen, Segretario del Tesoro degli Stati Uniti;  David Lipton, ex capo del Fondo monetario internazionale e consigliere senior di Yellen;  Gustavo Pelez, Segretario per gli Affari Strategici;  Traduttore presidenziale.  Il ministro dell'Economia Martin Guzman e Alberto Fernandez durante un incontro informale al G20 di Roma
(Senso orario). Yanet Yellen, Segretario del Tesoro degli Stati Uniti; David Lipton, ex capo del Fondo monetario internazionale e consigliere senior di Yellen; Gustavo Pelez, Segretario per gli Affari Strategici; Traduttore presidenziale. Il ministro dell’Economia Martin Guzman e Alberto Fernandez durante un incontro informale al G20 di Roma

Georgieva ha suggerito ad Alberto Fernandez di recitare in un’indiscutibile dimostrazione di potere istituzionale Rassicurare le nazioni più riluttanti del consiglio che la loro strategia negoziale è stata supportata dai leader chiave della politica interna.

Il capo dello stato ha accettato l’ipotesi di Georgieva e ha ritenuto che la sanzione per il bilancio 2022 fosse conforme alla raccomandazione del direttore generale. Ma il discorso di Maximo Kirchner ha seppellito questa possibilità e Alberto Fernandez ha trovato una valida alternativa nella presentazione ufficiale di Guzmán davanti a 24 governatori.

Questa alternativa istituzionale è stata influenzata dall’assenza di Horacio Rodríguez Laretta (la Capitale Federale), Gerardo Morales (Jujuy), Rodolfo Suárez (Mendoza) e Gustavo Valdes (Correntes), che non sempre si fidano delle motivazioni politiche del presidente.

Guzmán ha sempre capito la necessità di avere Rodriguez Larita, Morales, Suarez e Valdes alla presentazione, e ha finalmente giocato un’icona inviando ieri WhatsApp ai loro cellulari personali. Sfortunato, il leader fedele non ha risposto.

READ  PAC compie 60 anni in un momento difficile per la campagna

Tuttavia, nel breve periodo, la principale difficoltà per Alberto Fernandez e il suo ministro non sarà una nuova porta di Insieme per il cambiamento per l’atto compiuto ieri al Museo del Bicentenario..

Il problema principale che devono affrontare il presidente e Guzmán ora è che gli Stati Uniti hanno convalidato il loro scetticismo sulla proposta che l’Argentina ha fatto al personale del FMI.. E questi dubbi, dopo i discorsi del ministro dell’Economia e di Kisilov, Alberto Fernandez, saranno difficili da sciogliere in soli 75 giorni.

Il 22 marzo è necessario pagare circa tremila milioni di dollari che non sono nelle riserve della Banca Centrale. Senza l’accordo come vuole Biden, ci sarà un default quando inizierà la caduta.