Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli ultimi giorni di Sigmund Freud: il corpo torturato, l’odore delle sue ferite e il patto con il suo medico non soffre

Sigmund Freud (1856-1939) nel suo studio a Vienna, Austria, 1930 (Authenticated News/Getty Images)

Non si è negato il ridicolo. Il cancro lo divorò, rendendosi conto che questi erano i suoi ultimi giorni, lontano dalla città e dalla campagna in cui aveva vissuto settantanove anni, Sigmund Freud Sono andato vicino alla sua morte, francamente insolito E con una punta di amara ironia da parte dei nazisti che lo perseguitavano, lo rese nemico giurato del Reich fino a quando non lo cacciarono dall’Austria.

Freud morì il 23 settembre 193982 anni fa, esaurimento per cancro alla gola, gravi sintomi settici e quando il suo medico Max Schur ha onorato un accordo tra loro: applicare la morfina quando arriva l’inevitabile. Ormai erano passati venti giorni da allora Adolf Hitler Aveva deciso di conquistare il mondo, scatenando la seconda guerra mondiale per incoronare il Reich millenario e sei anni.

Prima della guerra, Freud andò in esilio con un senso dell’umorismo. Dopo l’annessione dell’Austria da parte dei nazisti, Freud era uno dei principali nemici e oppositori di Hitler. Ebreo e fondatore della scuola di psicoanalisi, la sua figura nota al mondo, rese impopolare il suo assassinio: Reich fece pressioni affinché venisse espulso. I suoi libri sono stati bruciati in enormi falò pubblici In cui ardevano gli intellettuali, l’arte e la scienza di quella Germania, faro della cultura in Europa.

Sigmund Freud e Martha Bernays a Berlino, 1885, quando ancora si frequentavano (Bettmann/Getty Images)
Sigmund Freud e Martha Bernays a Berlino, 1885, quando ancora si frequentavano (Bettmann/Getty Images)

Freud non aveva intenzione di andarsene, così I nazisti gli parlarono del pericolo per la sua famiglia. In un raid nell’edificio in cui operava la Casa Editrice Psicoanalitica, che era anche la sua casa, i nazisti presero suo figlio MartinLo interrogarono per una lunga giornata e lo rilasciarono. Una settimana dopo, hanno fatto lo stesso con la loro figlia ioImprigionato presso la sede della Gestapo viennese. Questo convinse Freud della necessità di andarsene.

Le sue quattro sorelle, rimaste a Vienna, morirono dopo anni nei campi di sterminio nazisti. “Anna nella Gestapo”, scrisse Freud nelle sue memorie come una raccolta di quelli che potrebbero essere stati i giorni più bui della sua vita.

Il 4 giugno 1938, Freud, con sua moglie, Martha Bernays, e la loro figlia, iniziò il suo viaggio nell’esilio, malato, traballante, vecchio e fragile. In precedenza, aveva dovuto firmare un documento redatto dai nazisti che diceva: “Io, professor Freud, confermo qui che dopo l’annessione dell’Austria al Reich, sono stato trattato dalle autorità tedesche, e in particolare dalla Gestapo, con tutto il rispetto e la stima dovuti per la mia fama di studioso, che ho potuto vivere e lavorare in piena libertà, e anche continuare la mia attività in tutti i modi che desideravo, che ho ricevuto il pieno appoggio di tutti coloro che sono intervenuti in a questo proposito, e non ho il minimo motivo di lamentarmi”. Niente era vero. Allora Freud chiese se poteva aggiungere una frase al testo, e scrisse: “Posso onestamente raccomandare la Gestapo a chiunque.”

Freud con la sua famiglia, inclusa sua figlia Anna che in seguito lo accompagnò in esilio (Library of Congress/Corbis/VCG via Getty Images)
Freud con la sua famiglia, inclusa sua figlia Anna che in seguito lo accompagnò in esilio (Library of Congress/Corbis/VCG via Getty Images)

Alle 3 del mattino del 5 giugno Freud e la sua famiglia hanno attraversato il confine per Parigi sull’Orient Express. Arrivarono a Dover in traghetto, con tanto di salute piuttosto illustre del paziente, migliore di quanto lui stesso si fosse aspettato, dosi anticipate di trientrina e stricnina per superare lo sforzo.

READ  Scandalo in Brasile: Senovac dice al governo Bolsonaro di non criticare più la Cina in cambio dell'adempimento dei contratti sui vaccini

Freud fece un sogno su quel volo notturno tra Parigi e Dover. Ha detto a suo figlio giorni dopo. Sognò di sbarcare a Pavensi, il porto dove sbarcò Guillermo il Conquistatore nel 1066. Freud era felice a Londra. Al suo arrivo, passò davanti a Buckingham Palace, Burlington House, Piccadilly Circus, Regent Street e tutti i luoghi che identificava così fortemente. Si stabilì a 39 Elsworthy Road, una casa con giardino che era la sua casa di transizione. Freud entrò nel giardino di casa e pubblicò il suo secondo paradosso in tre giorni: “Ho quasi urlato Heil Hitler”.

Sigmund Freud con sua figlia Anna e il dottor Ernst Jones alla porta della nuova casa del padre della psicoanalisi in Ellsworth Road, Hempstead (Bateman)
Sigmund Freud con sua figlia Anna e il dottor Ernst Jones alla porta della nuova casa del padre della psicoanalisi in Ellsworth Road, Hempstead (Bateman)

Visse l’anno e due mesi prima di lui con una certa severità. E qualche curiosità: ricevere visite da loro HG Wells, lo storico ebreo Giuseppe Yehuda, Scrittore Stefan Zweig Soprattutto Freud ha ricevuto calorosamente Jim WisemanIl famoso leader sionista che aveva un affetto speciale.

La cosa divertente: il 19 luglio, Stefan Zweig è andato a trovarlo con un personaggio che era già unico all’epoca: Salvador Dalì Questo, subito, Ha fatto uno schizzo di Freud e ha affermato che il suo cranio gli ricordava l’immagine di una lumaca. Freud in seguito scrisse a Zweig: “Devo davvero ringraziarti per aver portato il visitatore di ieri. Finora sono stato propenso a considerare i surrealisti, che a quanto pare mi hanno adottato come loro santo, come dei pazzi assoluti, diciamo il novantacinque per cento. , come con l’alcol.”. Questo giovane spagnolo, con i suoi candidi occhi fanatici e l’innegabile padronanza dell’arte, è riuscito a cambiare la mia valutazione. Non c’è dubbio che sarebbe interessante indagare analiticamente come sia riuscito a rovinare quel dipinto”.

READ  Nuova protesta di massa contro Jair Bolsonaro in tutto il Brasile | Il rifiuto grossolano dell'amministrazione e la richiesta di licenziamento

Alla fine dell’anno, Freud si era ripreso abbastanza da curare quattro pazienti, con così poche interruzioni, che fu fermato dal male, vicino alla morte. Il cancro lo perseguitava molto lentamente e nel marzo 1939 divenne inaccessibile ai chirurghi. A chi è già stato operato trentatré volte, si è fatta asportare parte della mandibola e ha vissuto il resto dei suoi giorni con una protesi: Così Freud lodò la sua dipendenza dal tabaccoEra un accanito fumatore da quando aveva 20 anni, senza mai prestare attenzione ai consigli medici e aveva fumato fino a poco dopo la sua morte.

Freud inganna i cani di Beerus Pippo e Lonza (Imagno/Getty Images)
Freud inganna i cani di Beerus Pippo e Lonza (Imagno/Getty Images)

Nel marzo 1939, già quasi depresso dal male, inviò un saluto alla Società Psicoanalitica da lui fondata E stava festeggiando il suo nuovo compleanno. Ha inviato una lettera al suo studente e amico, Ernest Jones, che ha anche scritto un’impressionante autobiografia che è servita come fonte per queste righe. Freud si lamentava che, anche vicino alla società, non poteva essere in festa: “(…) ma, poiché siamo impotenti di fronte al destino, dobbiamo accettare ciò che ha in serbo per noi. Per questo motivo. Devo accontentiamoci di inviare alla società che festeggia il suo compleanno – e da lontano, molto presto – un cordiale saluto e gli auguri (…)”

astenersi dall’assumere farmaci, “Preferirei pensare in agonia piuttosto che non essere in grado di pensare chiaramente.”Lo accettava come unico analgesico e, di tanto in tanto, prendeva l’aspirina. Nell’agosto 1939 crollò. Le sue ferite emanavano un fetore fetido e la sua debolezza crebbe: non poteva più camminare in giardino e passava ore a guardare i suoi fiori preferiti dalla finestra del suo ufficio, che erano il suo rifugio per i malati.

READ  Il record storico del prezzo dell'elettricità in Spagna ruota attorno al governo di Pedro Sanchez

Jones ricorda: “Il cancro si è fatto strada attraverso la guancia fino alla superficie esterna e la sepsi è aumentata. L’esaurimento era grave e la sofferenza era indicibile”.

Il 19 settembre, quattro giorni prima della fine, Jones è stato chiamato per dire addio al suo mentore. “L’ho chiamato per nome mentre era nuvoloso. Ha aperto gli occhi e mi ha riconosciuto, ha alzato la mano e poi l’ha lasciata cadere con un gesto molto espressivo che conteneva un mondo di significato: saluti, auguri, resa. Non ce n’era bisogno per cambiare una parola.

L'urna greca contenente le ceneri di Freud e di sua moglie Martha Bernays (Jim Dyson/Getty Images)
L’urna greca contenente le ceneri di Freud e di sua moglie Martha Bernays (Jim Dyson/Getty Images)

Il 21, Freud disse al suo medico: “Caro Schur, ricorderai la nostra prima conversazione. Mi hai promesso che mi avresti aiutato quando non ne potevo più. Ora è solo una tortura e non ha alcun senso”. Il dottore le strinse la mano e promise di darle i sedativi necessari. Freud la ringraziò e disse: “Racconta ad Anna della nostra conversazione”. Jones dice che non c’era né emozione né autocommiserazione in questa scena indimenticabile: “Solo un dato di fatto.”

app di riva dose di morfinaIl paziente sospirò e cadde in un sonno profondo. Morì poco prima della mezzanotte del 23. Il suo corpo fu cremato nel cimitero di Golders Green la mattina del 26. Depose le sue ceneri in un’anfora grecaUna delle sue cose preferite. Là riposano oggi con i resti di sua moglie, Martha Bernays.

Continuare a leggere: