Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Brasile: gli ultimi comizi prima delle elezioni | Mentre Lula percorre Avenida Paulista, Bolsonaro guiderà un convoglio di motociclette

da San Paolo

Oggi la città sarà dominata da due mobilitazioni che coesisteranno quasi contemporaneamente Un assaggio di cosa potrebbe accadere domani, ma dopo l’esito delle elezioni presidenziali. da un lato, Bolsonaro ciclisticon il loro leader in testa Motociclo – Ecco perché qui chiamano lo spettacolo preferito del presidente – si incontreranno a Campo de Bagatelle, nel quartiere di Santana. Quasi alle ore obiettivo militare. A partire dalle 7 del mattino.

A sette chilometri da quello spazio verde, dove si trova un monumento al Santos Dumont 14 Pace, i sostenitori di Lula si riuniranno al 2100 di Paulista Avenue, all’angolo di Augusta Street. Si uniranno alla marcia d’azione che sarà presieduta dal leader supremo del Partito dei Lavoratori, dal candidato a governatore dello stato di San Paolo ed ex candidato alla presidenza Fernando Haddad, e dal medico che completa la formula presentata come vincitore. In tutti i sondaggi, Geraldo Alckmin.

La paura nelle strade

Si teme che ci saranno incroci tra i sostenitori del presidente motociclista, laburista e la sinistra. Il rally ufficiale automatizzato inizierà alle 10:22. Perché in quel momento strano? Perché l’elenco dei militari 22. Follia nel linguaggio della benedizione. Accompagnerà il politico di estrema destra Tarcisio de Freitasun fabbro rivale del governatore di San Paolo – e un astronauta Marco Pontes, Due ex ministri di Bolsonaro. Le moto, quasi una parodia di una parata militare, andranno a fare un giro in un’altra piazza, Armando de Salles Oliveira, vicino al Parco Ibirapuera, il più grande polmone verde di questa capitale. L’agenda di Bolsonaro proseguirà a Joinville a partire da mezzogiorno, città nello stato di Santa Catarina, dove l’attuale presidente dovrà cambiare mezzo di trasporto. San Paolo si trova a 520 km da questa città del sud.

Meno ambiziose sarebbero le carriere dei candidati laburisti e dei loro alleati. Coesisteranno tra la gente, ciascuno faccia a faccia, come si è visto in questi giorni prima delle elezioni, in campagna ea piedi. Uno degli alleati di Lula, Guilherme PaulsIl maresciallo di sinistra del Psol (Partito dei Socialisti e della Libertà) ha firmato autografi e scattato foto ai cancelli dell’Università Casper Libero, sempre a Paulista, giovedì a mezzogiorno. Oggi tutti si ritroveranno alle 10 in un punto più centrale, teatro delle grandi marce pro e contro Bolsonaro in questi quattro anni di mandato paramilitare. Qui si dice “sono fatu”. o fatti. E uno solo è sufficiente per confermarlo. Il presidente ha colonizzato i vari livelli dello stato con personale militare in posizioni chiave fino a raggiungere i 6.175 nel 2021. I dati provengono dalla Corte dei conti dell’Unione (TCU).

tendenze

Alle 18:00 sarà pubblicato l’ultimo sondaggio di IPEC, la società di consulenza distribuita da Globo Group. Se continua il trend dei sondaggi precedenti, anche con piccole variazioni percentuali, tutto indica che permangono le possibilità che Lula vinca al primo turno. In ogni caso, con o senza scrutinio previsto per il 30 ottobre, l’incertezza delle elezioni si è trasferita sulle conseguenze del suo esito. Le votazioni terminano domani alle 17:00 e i risultati dovrebbero essere disponibili alle 20:00. o al massimo 21.

Gli specialisti della campagna consultati da questo storico sottolineano che può ritardare la risoluzione di un problema critico nei sondaggi elettronici. Se il futuro politico di Bolsonaro finisce la seconda domenica o se continua fino a fine mese. Sono molto fiduciosi in Labour che il primo accadrà. Diversi elementi possono definire questo esempio. Il numero dei voti validi, le percentuali di astensioni, ma soprattutto la paura installata in una società consapevole di come è cambiato l’aspetto delle strade. Oggi sono molto più violenti. I recenti omicidi politici, purtroppo, lo dimostrano.

READ  L'Unione Europea ha sostenuto l'Argentina nei negoziati con il Fondo Monetario Internazionale