Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fernando Roig: “La ceramica deve alzare i prezzi perché non scompaiano”

In che modo l’aumento dei costi del gas e dell’elettricità influisce sul Gruppo Bamsa?

I numeri sono catastrofici. Nel primo trimestre di quest’anno abbiamo pagato tra i sette e gli otto milioni di euro al mese per il gas, e chiuderemo l’anno con un pagamento di 25-30 milioni. Sono 20 differenza, logicamente, andranno a conto economico. L’ultimo trimestre sarà disastroso, con perdite economiche significative.

Prima di questo aumento dei prezzi, la previsione del gruppo era di chiudere l’anno con un fatturato di 1.100 milioni e un profitto di 100. Mantieni la valutazione?

Le vendite vengono mantenute e penso che ce la faremo perché i primi mesi sono stati buoni. Ma l’ultimo trimestre sarà in deficit e non otterremo i benefici che ci siamo prefissati.

Quando pensi che questa situazione migliorerà?

Per ora non si fermerà. Il gas rimarrà molto alto nei prossimi mesi, come vediamo nei mercati dei futures. Il primo trimestre del 2022 sarà lo stesso dell’ultimo trimestre del 2021, che ci regalerà sei mesi di difficoltà.

Quali sono le misure adottate dal Gruppo Bamsa per far fronte a questa crisi energetica?

Il settore sta attraversando un periodo difficile e BAMSA adotterà le misure necessarie per preservare i 4.000 posti di lavoro. Il fattore principale è l’immediato e consistente aumento dei prezzi.

In quali percentuali si muoveranno questi aumenti di prezzo?

La parte più bassa sarà superiore al 20% e la più alta sarà superiore al 15%. Se lo traduciamo un euro al metro quadro. È uno sballo solido, ma l’aumento del gas è cinque volte più alto. Non c’è altra scelta che spostarlo sul prezzo. Inoltre, all’atomizzato, da novembre, regaleremo ai nostri clienti circa 15 euro a tonnellata.

READ  Spagna, il paese europeo in cui i marchi offrono i maggiori sconti sulle vendite di auto

Ci sono altre decisioni per ridurre i costi?

Per quanto riguarda le materie prime, stiamo aspettando i permessi nell’area di Alcora e c’è una nuova miniera in pista a Estercuel, a Teruel. In questo modo risparmiamo costi aggiuntivi per l’importazione dei materiali. A causa della politica di risparmio, abbiamo deciso di non partecipare alla prossima edizione di Cevisama.

Durante la presentazione dei risultati 2020, hai sollevato la tua lamentela sugli ostacoli all’avere una miniera a El Puig. Risolto?

Ci sono parole gentili e un piccolo gesto. Non sappiamo se sia per mancanza di funzionari, tecnici o decisione politica, se la colpa sia del ministero dell’Ambiente, del consiglio comunale o del sistema stesso. Ma non possiamo aspettare otto anni per una risposta. Se avessimo questa miniera, risparmieremmo 360mila chilometri al mese di traffico di camion. Anche se non abbiamo tutti i permessi, funziona meglio a Teruel.

Quale futuro vede per questo settore?

Non vedo altra via d’uscita. Il settore deve aumentare i prezzi per sopravvivere. Perderemo competitività, soprattutto con l’Italia, ma dipenderà da come si comporteranno i mercati internazionali. La prima cosa sarà la resistenza, poi il miglioramento della competitività con migliori materie prime, l’approssimazione delle miniere che riducano i costi in questo reparto, miglior design, migliore qualità e fatica.

Pensi che tutte le aziende del settore aumenteranno il prezzo dei loro prodotti?

Lo spero e vi incoraggio a farlo. Bamsa lo farà con un sì o un sì. Le piccole imprese non avranno maggiori possibilità di sopravvivenza, quindi risentono dell’aumento dei costi. Devi farlo ora e non aspettare l’inizio del prossimo anno. Naturalmente, nonostante tutte le difficoltà, il settore non dovrebbe scomparire. Ci sono oltre 15.000 posti di lavoro diretti e molti altri posti di lavoro indiretti in gioco.

READ  Angela Merkel: L'eredità di 16 anni al potere in Germania | internazionale

Il problema attuale è peggiore dell’arresto forzato della produzione nel 2020?

Molto peggio. Non possiamo controllare il virus, ci ha sorpresi tutti, e all’epoca non ne sapevamo quasi nulla. Ma sappiamo come funziona il mercato del gas e quali misure devono essere prese per controllare i prezzi.

C’è un modo per abbassare il prezzo del gas?

Il prezzo sarà più basso se c’è meno domanda. Oltre il 36% della produzione di elettricità della Spagna proviene dal gas, a differenza della Francia che ha la maggioranza della produzione di energia nucleare, o della Germania con il 39% di carbone. Se non usiamo molto gas in Spagna per generare elettricità, la pressione sull’industria sarà minore. Abbiamo sostituito un fossile spagnolo come il carbone con un fossile importato come il gas per produrre elettricità. E non abbiamo accelerato percorsi rinnovabili come l’eolico o il solare.

Cosa dovrebbero fare i politici per ripristinare i prezzi dell’elettricità e del gas qualche mese fa?

Siamo in un’economia di guerra e i politici devono lavorare insieme. I progetti devono essere accelerati. Non chiedo benefici, ma piuttosto lasciami lavorare. Un esempio è l’energia eolica. So che il presidente della Generalitat, Ximo Puig, ha messo in atto misure di emergenza, ma per me sono lente. Non può essere che il permesso per mettere una singola turbina eolica, che genera cinque megawatt, richieda cinque anni. Altre Comunità Autonome stanno accelerando in questo campo e dobbiamo chiedere una decisione alla Generalitat.

Ci sono altri costi che contano per loro, come i diritti sulle emissioni di anidride carbonica.

Abbiamo pagato 30 euro all’inizio dell’anno e ora più di 60 euro. Questo è dovuto alla speculazione, al lavoro di persone che lavorano poco e speculano molto. Non sappiamo dove vadano a finire i soldi di ciò che contribuiamo alle emissioni di anidride carbonica. I dipartimenti devono prendere provvedimenti in merito.

READ  Il G20 è d'accordo sui progressi nella trasformazione ambientale ma non è d'accordo sulla decarbonizzazione