Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pedro Sanchez progetta un aggiustamento del disavanzo senza precedenti senza tagli in quattro anni | Economia

Capo del governo, Pedro Sánchez, e secondo vice primo ministro e ministro del lavoro e dell’economia sociale, Yolanda Diaz, a La MoncloaJavier Lizon (EFE)

Gli atleti ottengono il punteggio migliore quando il vento è a loro favore. Distanziamento, questo è l’effetto che il governo intende utilizzare, per sfruttare il clima economico favorevole per ridurre il gap di bilancio nei prossimi anni ed evitare tagli dolorosi come quelli operati dall’ex amministratore delegato Mariano Rajoy durante la Grande Recessione. .

Il ministro delle Finanze Maria Jesus Montero è fiducioso che l’inasprimento del ciclo positivo dopo l’impatto della pandemia previsto dalle organizzazioni internazionali nei prossimi anni aiuterà i conti pubblici ad aggiustarsi quasi automaticamente. Ciò si è riflesso nel progetto di bilancio dello Stato per il 2022. Il documento contiene un percorso rotativo di riduzione del deficit pubblico: dal 10,95% del PIL nel 2020, quasi il divario più grande della storia, al 3,4% alla fine. nel 2024. Se sarà rispettato – non dimenticare ciò che ha detto l’economista britannico John M Keynes: “A lungo termine, sono tutti morti” – il più grande e rapido aggiustamento di bilancio nella storia moderna sarà, senza dubbio, meno doloroso rispetto alla crisi precedente.

La recessione causata dalla pandemia ha spinto l’economia spagnola in un territorio inesplorato. Il tumulto dell’anno scorso è stato senza precedenti in questo secolo e non ci sarà ripresa l’anno prossimo. Il direttore esecutivo presenterà alla Commissione europea la prossima settimana il piano di bilancio per la Spagna, che includerà alcuni dettagli aggiuntivi sulla tabella di marcia per il consolidamento fiscale. Nel frattempo, i budget 2022 non includono alcuna misura di aggiustamento per aiutare ad affrontare gli squilibri nei conti pubblici, dove le spese superano di gran lunga le entrate. Questo ritardo contribuirà ad aumentare il debito pubblico al 119,5% del PIL alla fine di quest’anno, che è uno dei tassi di debito più alti dell’Unione europea, dopo Grecia, Italia o Francia.

READ  Il brasiliano che ha vinto la lotteria in Italia due volte in 20 giorni (e perché è stato indagato)

Nonostante il deficit pubblico quest’anno chiuderà su valori storicamente alti (all’8,4%), il rapporto debito/PIL scenderà grazie alla forte spinta dell’attività economica, un effetto vento sulle spalle dei corridori, che mitigherà l’effetto dell’accumulo di numeri rossi Per i conti generali sull’indebitamento.

Anche la Spagna beneficerà del clima politico di Bruxelles. Un decennio fa, i burocrati prescrivevano l’austerità per qualsiasi raffreddore. I tagli in eccesso hanno preso il sopravvento sull’economia spagnola maltrattata, che ha lottato per uscire dalla crisi.

Ora, con il Covid, le regole finanziarie sono state sospese. Il comitato chiude un occhio sugli squilibri. Ma dal 2023 ripristinerà il rigido quadro di bilancio e i venti potrebbero cambiare. Tuttavia, un cambio di governo in Germania, dove il socialdemocratico Olaf Schultz è alla ricerca di un nuovo cancelliere, e l’esperienza della precedente crisi finanziaria possono aiutare ad alleviare le richieste all’interno dell’UE.

Per confrontare i due binari seguiti dall’esecutivo di Rajoy e da quello di Sanchez, basta rivolgersi ai fogli di calcolo dell’esecuzione del bilancio negli ultimi anni forniti dal ministero delle Finanze. Nel 2009, l’anno più difficile della recessione causata dallo sfruttamento finanziario, il disavanzo pubblico è salito all’11,28% del PIL. Il governo del Partito popolare ha impiegato otto anni per riparare il difetto. Erano tempi di tagli ai beni di prima necessità dello stato sociale, poiché la salute, l’istruzione e gli investimenti ne soffrivano. Anni in cui i conti pubblici sono stati congelati a metà anno perché i numeri in rosso non aumentassero.

D’altra parte, Sanchez prevede di percorrere questa strada in metà del tempo. Si aspettava, secondo la bozza di bilancio, che lo squilibrio fiscale salisse dal 10,95% registrato nel 2020, anno della diffusione del virus, al 3,4% nel 2024. Questo senza ricorrere a tagli spaventosi o a forti aumenti delle tasse.

READ  Draghi ha un piano di ripresa italiano

I corridori sfruttano il vento per migliorare i loro tempi, ma quando le piste colpiscono, quell’aiuto in più non c’è più. Affinché Sanchez soddisfi le sue aspettative, dovremo aspettare che i venti rimangano favorevoli e non compaiano nuovi ostacoli all’orizzonte.