Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anif ha chiesto al governo di abolire l’uso obbligatorio delle mascherine all’aperto

L’Associazione nazionale delle istituzioni finanziarie, ANIF, ha chiesto al governo nazionale di valutare la possibilità di abolire l’uso obbligatorio delle mascherine all’aperto nel Paese.

Anif ha sostenuto che gli indicatori epidemiologici sono rimasti bassi e che il movimento dei cittadini non ha portato a un nuovo focolaio dell’epidemia.

“Continuiamo a sottolineare che l’andamento della mobilità mostra una forte correlazione con le dinamiche del mercato del lavoro. Allo stesso tempo, rileviamo che non esiste una relazione negativa tra il ritorno ai livelli di mobilità pre-quarantena ed eventuali focolai epidemiologici, anzi, come gli indicatori epidemiologici sono rimasti in declino e stabilità.Questo dovrebbe portare a una rivalutazione del rapporto costo/efficacia che i vincoli di mobilità rappresentano”, ha affermato l’entità nella sua recente analisi.

“In linea con quanto osservato, raccomandiamo di ampliare la flessibilità delle misure restrittive. Ad esempio, ampliando la capacità e considerando il ritiro dell’uso obbligatorio delle mascherine all’aperto”, ha aggiunto Anif guidato da Mauricio Santamaria.

Per l’associazione è molto probabile che entro la fine di dicembre il 70% della popolazione con più di 12 anni disponga di programmi vaccinali completi.

Attualmente, nessun funzionario del governo nazionale ha menzionato la proposta di Anif. Tuttavia, il presidente della Repubblica, Ivan Duque, ha recentemente confermato che fino a quando sarà in vigore lo stato di emergenza sanitaria, l’uso della mascherina resterà obbligatorio.

paesi come Argentina, Spagna, Francia, Italia, Regno Unito, Australia, Polonia e Germania hanno già deciso di non obbligare i propri cittadini a indossare mascherine all’aperto.

READ  Esposizione dei prodotti agricoli vietnamiti alla fiera internazionale in Italia | Economia