Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Polonia scommette su 25 miliardi di euro di assistenza comunitaria se lascia l’UE | Economia

Il conflitto tra l’UE e la Polonia potrebbe significare che il paese perderà tutte le risorse della prossima generazione ei fondi UE REACT. Circa 25.000 milioni di euro di assistenza comunitaria sono stati utilizzati a seguito della decisione della Corte costituzionale polacca, per decretare l’incostituzionalità di alcuni articoli dei trattati UE.

Finora Varsavia mantiene il suo desiderio di rimanere nell’Unione europea, ha ammesso venerdì il primo ministro Mateusz Morawiecki. Ma la bomba legale arriva in un momento di accresciuta tensione tra Bruxelles e la Polonia, e sta mettendo il paese sull’orlo di una rottura legale con il blocco sociale, qualcosa che la Commissione Europea non è disposta a sopportare. Ursula von der Leyen ha emesso oggi il primo avvertimento rilevando che “tutte le sentenze della Corte di giustizia dell’Unione europea sono vincolanti per le autorità di tutti gli Stati membri, compresi i tribunali nazionali”.

Sebbene non abbia fatto riferimento direttamente all’assistenza comunitaria, la presidente ha affermato con enfasi che i cittadini dell’UE e le imprese che operano in Polonia hanno bisogno della certezza giuridica che le norme comunitarie siano applicate nel territorio. Una posizione simile è stata presa dal presidente del Parlamento europeo David Sassoli, che ha messo in guardia dalla “inflessibilità” che il blocco avrebbe nei confronti del governo ultraconservatore di Andrzej Duda se insistesse nel violare le leggi fondamentali del partito. Trattati.

La Commissione europea ha chiarito che è pronta a usare tutti i suoi “poteri” per difendere lo stato di diritto europeo in Polonia, e questo significa limitarlo a milioni di dollari in fondi di recupero, come ha affermato lo stesso commissario Ue alla Giustizia, Didier Reynders , ha indicato durante una dichiarazione alla stampa venerdì, che esistono strumenti sia legali che finanziari per far rispettare i trattati.

READ  La mancanza di microchip potrebbe aumentare i prezzi delle auto del 10%

Germania e Francia, i due grandi leader del gruppo, hanno anche avvertito la Polonia del pericolo di ignorare la giurisprudenza europea. “La Commissione ci sostiene pienamente nell’attuazione del diritto dell’UE”, ha affermato il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas. Da parte sua, il ministro per gli affari europei, Clement Bonn, ha osservato che la sentenza della corte polacca è un “attacco all’Unione europea” e ha fatto arrabbiare il governo polacco per non aver rispettato i diritti delle donne e delle minoranze. Così come l’indipendenza della magistratura e dei media.

La Polonia è il quinto Paese a beneficiare maggiormente degli aiuti europei, dopo Spagna, Italia, Francia e Germania. Per la sua economia, il mantenimento dei fondi è essenziale, poiché equivale a oltre il 50% del suo investimento pubblico totale. Nonostante ciò, il governo polacco insiste nello sfidare la commissione. Il giorno dopo la sentenza della Corte costituzionale, l’ultraconservatore Morawiecki ha affermato che la Polonia “non è un ospite dell’Unione europea, quindi non accetta di essere trattata come un paese di seconda classe”. Da parte sua, il leader del partito al governo ha definito la sentenza “chiara” e ha affermato: “Negli affari giudiziari polacchi, l’Unione europea non ha nulla da dire”.

Da mesi la commissione parla della possibilità che i fondi di recupero per la Polonia siano paralizzati dalle crescenti preoccupazioni con il governo. Loro, insieme all’Ungheria, sono gli unici due paesi del blocco che sono sotto inchiesta ufficiale da parte dell’Unione Europea per aver minato lo stato di diritto. A settembre, la Commissione europea ha chiesto alla giustizia europea di multare la Polonia per obbligarla a rispettare le misure cautelari richieste a luglio per fermare i lavori della sezione disciplinare della Corte suprema polacca. Varsavia ha chiesto un rinvio di queste misure cautelari, ma questa settimana la Corte di giustizia europea ha respinto la loro richiesta; Ora la loro punizione potrebbe essere milionaria.

READ  Agenda internazionale EFE dal 29 giugno al 2 luglio

La Polonia è anche, insieme all’Ungheria, uno dei pochi paesi il cui piano di risanamento non è stato approvato da Bruxelles nonostante lo abbia ricevuto a maggio. Questo perché la Commissione Europea vuole che Varsavia si impegni in una riforma giudiziaria che smantelli, tra l’altro, quella controversa camera disciplinare della Corte Suprema. La commissione prevede inoltre di avviare entro la fine di ottobre un cosiddetto meccanismo di condizionalità, uno strumento creato per garantire che i paesi che violano lo stato di diritto non ricevano euro in denaro. Il regolamento consentirebbe di sospendere i pagamenti quando la deriva antidemocratica di un paese minaccia gli interessi finanziari dell’Unione.