Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

DC ha consegnato 120 titoli di proprietà e 150 benefici economici per il miglioramento abitativo alle famiglie della Resistenza

I documenti consentiranno di garantire la sicurezza giuridica e la qualità degli alloggi per i residenti dei 15 quartieri della Resistencia. Inoltre, sono state distribuite carte del programma “Better Roof, Better Life” in modo che più famiglie Chaco possano effettuare riparazioni, miglioramenti e/o espansioni alle loro case.

Lunedì, il governatore Jorge Capitanich ha consegnato più di 120 atti di proprietà, concessi dall’Istituto regionale per lo sviluppo urbano e l’edilizia abitativa (IPDUV) ai residenti di oltre 15 quartieri della città di Resistencia. Inoltre, nell’ambito del programma di soluzioni abitative “Better Roof, Better Life”, il presidente ha fornito contributi economici a 150 famiglie del Chaco per migliorare la loro qualità abitativa.

Questo significa realizzare il sogno di tante generazioni che, con grande fatica, hanno versato la loro parte per ottenere l’atto di proprietà in eredità per i propri figli e nipoti. E grazie a chi fin qui versa le quote, come concetto di solidarietà, possiamo costruire più case e opere di infrastruttura sociale di base».

I 120 atti di proprietà consegnati fanno parte del totale di 400 che saranno assegnati nei prossimi giorni e corrispondono a famiglie nei quartieri: Provincias Unidas, 160 Viviendas Villa Barberán, 48, 69, 100 Viviendas UOM, Carpincho Macho, AGUEL, 80 Abel Case, 100 Case, Copperfi, 32 Case, Los Pinos, Barrio Italia, Ex Barbran, Viales. Ne hanno beneficiato anche i quartieri SOESGYPE e Intendente Borrini, 110 case PANAL e 100 case ENCONARSA.

Il governatore era accompagnato dal ministro della pianificazione, dell’economia e delle infrastrutture, Santiago Pérez-Ponce, dal presidente dell’IPDUV, Diego Arevalo, dal portavoce dell’istituto, Mirko Nikolic, e dal rappresentante del coordinamento generale dell’Unità di attuazione delle politiche sociali . Manuela Ortiz.

READ  Il governo italiano stanzia 5500 milioni per ridurre la bolletta energetica

In totale, ci sono 36.000 aggiudicatari che hanno effettuato pagamenti a casa. Il governo provinciale punta a consegnare 12.000 atti di proprietà, di cui 4.800 sono già stati consegnati e 3.700 saranno consegnati nei prossimi mesi.

Il presidente dell’IPDUV Diego Arevalo ha sottolineato che le consegne “ci consentono di dare a ogni vicino la garanzia di possedere questa proprietà come cimelio di famiglia. Da IPDUV, continueremo a lavorare per garantire il diritto di proprietà a più famiglie in tutta la provincia, così come costruire case sul territorio, a partire da Una prospettiva federale sulle politiche pubbliche che consentano a tutti il ​​diritto ad un’abitazione adeguata.

Pérez-Ponce, a sua volta, ha sottolineato questa politica statale che consente a più uomini e donne Chaco di avere questo documento per garantire la sicurezza legale delle loro famiglie, e che “chi ne ha avuto bisogno per molti anni e ora ha la sicurezza di avere la propria casa e terra”.

Tetto migliore, vita migliore

Dopo aver consegnato i titoli di proprietà, il governatore ha fornito benefici economici a 150 famiglie nell’ambito del programma “Better Roof, Better Life”, che fornisce l’accesso a parti, espansioni e miglioramenti domestici con contributi fino a $ 300.000. “Espanderemo il programma con connessioni fino a 1 milione di dollari in modo che ogni famiglia possa migliorare e rinnovare la propria casa”, ha annunciato il presidente.

Il programma consente la realizzazione di soluzioni abitative ed è coordinato congiuntamente dai Ministeri dello Sviluppo Sociale, della Pianificazione, dell’Economia e delle Infrastrutture. Ha già investito più di 3.500 milioni di dollari e si sta implementando attraverso la consegna di una Tuya Card con contributi economici di emergenza e non rimborsabili alle famiglie Chaco degli slum che hanno un certificato di registrazione unico per i beneficiari di Habitat (RUBH).

READ  Antonio Martinez Dagnino, il nuovo presidente della SAT

L’utilità può essere utilizzata solo per realizzare costruzioni come pezzi di ricambio e per migliorare e ampliare le infrastrutture sociali di base, che consentono di risolvere la situazione di emergenza causata dal deficit di qualità abitativa.

“Il nostro obiettivo è raggiungere 25.000 soluzioni abitative in quattro anni e 75.000 soluzioni abitative in tre stati costituzionali”, ha affermato Kapetanich. Oltre a parti ed espansioni, ha osservato, ha evidenziato il processo di costruzione di 2.042 case e l’imminente consegna di 404. “Lavoreremo per arrivare a circa 5.000 case in questo momento fino al 2023”.

Da parte sua, Perez-Ponce ha celebrato queste nuove consegne che consentiranno a più famiglie di Resistencia di “vivere in condizioni migliori e continuare a crescere, costruendo o ristrutturando le loro case”. Ha anche aggiunto: “Lavora e possiedi la tua casa”. La casa è una delle condizioni necessarie che rendono felice la vita. Per questo motivo, siamo molto felici che molte famiglie se ne vadano oggi con una risposta da parte dello Stato”.

A sua volta, la rappresentante del Coordinamento Generale dell’Unità di Attuazione delle Politiche Sociali, Manuela Ortiz, ha confermato che un anno dopo il lancio del programma, “abbiamo raggiunto 850 famiglie Chaco in più di 140 quartieri popolari, e quest’anno abbiamo in programma di ospitare 1.000 famiglie integrate nel programma.” Politica pubblica per migliorare la qualità della vita in tutte le case famiglia. È una politica che ci rende orgogliosi”.