Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La startup Marvel sta cambiando direzione

Prima della pandemia, Marfeel era una delle startup in più rapida crescita a Barcellona, ​​​​ma la crisi sanitaria ha bloccato i suoi piani di espansione.

Nata nel 2011, l’azienda ha guidato il traffico e le entrate pubblicitarie dai media, un’attività che ha sofferto molto perché le aziende hanno interrotto la pubblicità online. Non abbiamo potuto fare nulla contro di lui. A causa della situazione economica, era impossibile aumentare le entrate pubblicitarie per i clienti. Inoltre, la nostra attività si basava in gran parte sugli standard di posizionamento di Google “, commenta Juan Marguenat, co-fondatore dell’azienda con Xavier Beumala.

A causa della crisi, Marfeel ha dovuto ridimensionare gradualmente la propria forza lavoro fino alla primavera del 2021, un ERE applicato che interessa una trentina di persone. Come risultato di questo processo, l’azienda è passata dall’assunzione di 158 persone nel 2020 a circa 60 persone quest’anno.

Impostazioni

L’azienda ha ridotto la sua forza lavoro da 158 a 60 persone a causa della crisi pandemica

Marginat afferma che la pandemia ha anche costretto l’azienda a ripensare la propria attività. “Non potevamo fare affidamento sulla nostra attività tradizionale, quindi abbiamo deciso di diversificare. Abbiamo lanciato una piattaforma di analisi dei contenuti che funziona con algoritmi di intelligenza artificiale. Puoi monitorare i dati e migliorare le prestazioni dei contenuti che circolano su Internet”, afferma Marginat, che assicura la continuazione della sua attività tradizionale.

Con questa scommessa, la startup spera di recuperare le entrate pre-pandemia. Nonostante Margenat non voglia fare previsioni, conferma che il fatturato è di poco inferiore ai 25 milioni nel 2019. Secondo i dati del Registro delle Imprese, i ricavi ammontano a 19,5 milioni di euro nel 2020 e 13 milioni nel 2021.

READ  Coahuila esamina la possibilità di collaborazione con l'Ambasciata d'Italia a Torreon

Durante questi anni turbolenti, l’azienda ha mantenuto la sua presenza internazionale. Due terzi della sua attività si svolge al di fuori della Spagna, in paesi come Francia, Italia, Messico o Argentina. “Lavoriamo con tutti i tipi di media, da quelli generici a quelli di nicchia”, afferma il fondatore dell’azienda, che ha una filiale in Colombia.

Nonostante le turbolenze economiche, la società ha la garanzia di un rendimento (margine lordo) positivo e, proprio per questo, esclude futuri aumenti di capitale. I proprietari della società sono gli stessi fondatori – Juan Margnat e Xavier Bommala – ei fondi di investimento Nauta Capital, Elaia e Inversiones Kiliman, che inizialmente hanno contribuito alla società con 3,5 milioni.


Leggi anche

Blanca Gisbert Barcellona