Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Sembra un film di fantascienza”

“Sembra un film di fantascienza”

Il 24 febbraio Somamakampanya si è svegliato come qualsiasi altro lunedì. In questo comune situato in provincia di Verona, la sua popolazione di circa 15mila persone si è svegliata per affrontare normalmente la giornata. Almeno sembra. In effetti c’erano alcune differenze rispetto alla settimana precedente.

“Nelle farmacie c’era un cartello”.Mashrine Mankanti; Niente maschere. Nel parco i bambini della scuola giocavano con noncuranza. Nella panetteria, la commessa serviva il caffè ai clienti, con il figlio appeso al braccio. Ma non c’era altro di cui parlare: da venerdì la notizia del coronavirus circolava nel nord Italia come una presenza innegabile.

Anche le città venete, come Sommacbagna, hanno per ora solo restrizioni preventive. “Scuole e palestre sono chiuse. Ci sono cambiamenti nella mia pratica in quanto vieta anche l’apertura degli uffici al pubblico. «Le misure sono diventate più stringenti e penso che la situazione peggiorerà», dice Alessandro. Questo giovane residente comunale ha annullato il suo viaggio a Venezia domenica dopo che il comune ha chiuso anticipatamente il carnevale. Ha aggiunto: “Mia madre lavora in ospedale e sa, razionalmente, che non c’è bisogno di preoccuparsi troppo, ma con questa notizia è diventata molto nervosa”.

Lì si avvertono solo le prime tracce di un’ondata di ansia che comincia a diffondersi, così come il numero di persone infette dal virus. Altre città non sono state così fortunate, come Codogno – che è simile per dimensioni a Somamacampania – e gli altri 10 comuni che sono in quarantena con misure più restrittive. Non è così nelle altre regioni settentrionali del Paese, dove la situazione cambia ogni ora che passa.

Aree rosse dove la tensione è evidente

La spirale del coronavirus in Italia ha cominciato a prendere forma venerdì scorso, 21, giorno in cui sono comparsi i primi casi e quando Maria Meret, da Madrid, si è recata a Milano. Sottolinea: “Quando siamo scesi dall’aereo all’arrivo, hanno misurato la nostra temperatura corporea”. D’altra parte, quando lunedì è tornata a Barajas è rimasta sorpresa di non aver trovato ulteriori misure di sicurezza.

READ  Una guida per mantenere forti i muscoli dopo i 40

Merritt racconta come è cambiata la situazione nel fine settimana nella capitale mondiale della moda, che ha già registrato diversi casi di contagio. «Nella residenza dove alloggiavo domenica hanno ricevuto l’ordine di separare le persone che condividono una stanza in stanze singole Adesso a Milano ci sono polizia ed esercito ovunque. Il Duomo e i musei sono chiusi la maggior parte delle persone indossa maschere”, afferma. Ha anche espresso preoccupazione per il fatto che “la metropolitana, i tram e gli autobus funzionano normalmente”.

A Bergamo, dove è morta una persona contagiata dal Corona virus, Fabio (pseudonimo) afferma di sentire «un clima diverso: tensione e ansia si avvertono». Dettagli come lo stato più agevole delle strade e le attrazioni nei supermercati lo confermano. Sottolinea che «c’è chi ci ride e ci scherza sopra, ma quello che è vero è che una parte degli scaffali sono vuoti, soprattutto quando si tratta di detergenti e disinfettanti». “Le persone stanno iniziando a comprare in previsione di una carenza di azioni, ma non ci sono episodi di isteria”.

L’università si ferma in Italia, ma non all’estero

Per Paola, dottoranda che vive a Trieste, nel nord-est d’Italia, la sospensione degli studi universitari nelle regioni del Nord significa molto più di una settimana di ferie. «Al momento tutte le attività universitarie sono vietate fino al 1 marzo. Nel mio caso hanno cancellato le pratiche sanitarie nel caso in cui alcuni studenti provenissero da zone in cui si è verificato il contagio.

La situazione per lei non sarebbe stata così terribile se non fosse stato per il fatto che non finire il suo tirocinio in tempo stava mettendo a repentaglio il suo futuro. “Ciò significava non arrivare alla data in cui sarei passato a scrivere la tesi in un’università in Francia. “Inoltre non so se accetteranno studenti provenienti da zone a rischio”, dice Paula. La giovane italiana racconta che qualcosa di simile è successo a una sua amica: “Un’università in Slovenia ha rinviato il suo tirocinio, che avrebbe dovuto iniziare questa settimana, e rivaluterà la situazione più tardi se dimostrerà la sua salute”.

READ  Manfredi Bosco, un calabrese che diventerà diplomatico e finirà a capo di uno dei ristoranti italiani più interessanti di Madrid

Aeroporti: trappole o finestre di fuga

L’aeroporto di Milano Malpensa è il secondo più trafficato del Paese, ma lunedì le sue piste davano un’impressione più discreta. Immagini che ispiravano paura e tenerezza si insinuavano negli occhi dei passeggeri, come una coppia abbracciata che si sfregava le maschere o una giovane donna spagnola che indossava una protezione improvvisata con un pezzo di asciugamano e degli elastici intorno al viso.

«Ero preoccupata per l’arrivo in aeroporto, la gente è nel panico», racconta Anna da Pavia, altra zona rossa. La giovane è una delle poche persone che hanno accettato di parlare e dice che lì “con la chiusura delle scuole e delle università, le persone sono sempre più consapevoli del pericolo e indossano mascherine per strada”.

La stessa sensazione di disagio di recarsi in un luogo affollato come un aeroporto ha avuto Alessandra B, gardesana: «Da Milano vado a Siviglia e poi a Tangeri, e ci ho pensato due volte prima di venire. La situazione è oggettivamente preoccupante, le persone lo sono sentirsi chiaramente a disagio e sentirsi sorpresi. “Inoltre, vedere tutto questo accadere in un fine settimana sembra un film di fantascienza.

Katrina S. è andata. Sola per accompagnare il figlio dalla Svizzera, ha ammesso: «Anche se ho programmato una vacanza a Napoli o Roma, non prenoterò nulla finché tutto questo non accadrà». La donna conferma che attualmente gli svizzeri vedono la situazione solo «a distanza» con sospetto. In un altro paese vicino, l’Austria, domenica ha sospeso tutto il traffico ferroviario con l’Italia.

La domanda su cosa fare con il confine si diffonde sui social media, dove ha cominciato a diffondersi anche la disinformazione, provocando il panico. viceversa. “Di fronte alla paura la gente ha cominciato a inventare storie. I miei amici diffondevano fake news su casi di contagio in luoghi dove ancora non era successo nulla”, racconta Alessandro Di Sommacbagna.

READ  In che modo i robot DNA possono cambiare la medicina?

Sentire il bisogno di andarsene

L’aeroporto è inquieto, silenzioso e le ore sono pesanti. Tra i viaggiatori di questo lunedì anomalo c’erano anche persone provenienti dal Giappone, dalla Corea e dalla Cina. È il caso dello studente cinese che non vuole fare il suo nome e conferma che sta tornando in patria “perché qui non possono controllare il virus”. Per dimostrarlo, ha tirato fuori il cellulare e ha mostrato i numeri; E anche immagini di supermercati vuoti.

È a Torino da settembre, e ora il capoluogo piemontese è una delle città più colpite dal coronavirus. Ma lo studente conferma che nella sua città natale “tutti si sono ripresi” e che la sua famiglia ritiene che la situazione sia “più sicura e ragionevole”. Trascorre il lunedì notte in aeroporto per paura che gli venga chiuso l’accesso.

Nel frattempo, nel Nord Italia si respira un’atmosfera contraddittoria, la cui direzione sta rapidamente cambiando. Alessandro riassume così il sentimento generale: “Penso che alcune misure siano esagerate, ma non credo nemmeno che torneremo alla normalità entro una settimana. “Non mi sento limitato, ma la mia libertà è ovviamente limitata .”