Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni in Cile: Irina Karamanos, compagna di Gabriel Boric chiede un ‘ripensamento’ del ruolo di first lady

Sono in una coppia prima due anni e mezzo Ma lei è entrata in scena solo poche settimane fa, quando è salita sul palco per accompagnarlo nel suo discorso politico, dopo aver raggiunto Vai al secondo turno elettorale. Fino ad allora, Gabriel Borek, il candidato di sinistra che ha 35 anni Diventerà il capo più giovane A partire dal Shelley la chiamava la sua “compagna”. Adesso la chiama per nome: Irina.

prenotato Basato su basso profiloe Irina Karamanos Mantiene privato il suo account Instagram e si sente in imbarazzo quando gli viene chiesto di Boric. Alcuni pensano di sì attivista femminista Ha aumentato le sue apparizioni pubbliche con lui di fronte al sondaggio nel tentativo Seduci questi elettori Più convenzionale richiedono che il candidato sia una scorta.

Ma c’è un dettaglio che spezza questa delusione conservatrice: Karamanos ha annunciato che potrebbe dimettersi da First Lady Se il tuo partner è stato eletto oggi, alla fine è successo qualcosa, E con un vantaggio maggiore del previsto.

“Penso che sia una situazione da ripensare perché in momenti diversi sono cambiate molte cose e dobbiamo ripensare al potere e alle relazioni che ne derivano”, La scorsa settimana, in uno show televisivo, ha detto di aver scortato il candidato di sinistra dal palco pubblico.

Irina Karamanos, compagna di Gabriel Borek che chiede un “ripensamento” del ruolo di first lady

E in esso ha ricevuto il sostegno di Borek. Nel luglio di quest’anno, lo standard del “consenso per la dignità” – la coalizione che riunisce ampio davanti In precedenza Cile degno, blocchi integrati, tra le altre parti, da vicinanza sociale e il partito Comunista– Era più forte del suo partner. Egli ha detto Sopprimerebbe la personalità della first lady perché era “insensata”.

READ  Divorzio milionario: quanti soldi Bill Gates ha già trasferito a Melinda

“Non ci possono essere posizioni nello stato che hanno a che fare o essere collegate con il rapporto del presidente o con qualsiasi persona”, La sinistra ha detto in dichiarazioni alla radio, osservando: “Dobbiamo creare un modello che sia trasparente, a seconda del Vantaggi Basato su Lavori di servizio civileNon c’è parentela o parentela con il presidente”.

A metà anno, il candidato non aveva ancora indicato il suo stato civile. Era ottobre quando disse anche in un’intervista radiofonica: “Sono single e con un partner di cui sono innamorata da due anni e mezzo”.

Karamanos ha 32 anni, studia Antropologia e scienze della comunicazione in un Germania È membro dello stesso partito del suo ragazzo, Convergencia Social, in cui conduce fronte femminista. Lì ha dovuto riportare la calma ultimamente, dopo – L’emergere di una denuncia di molestie contro il candidato alla presidenza, Risale al 2012.

“La posizione della First Lady merita di essere ripensata perché in momenti diversi sono cambiate tante cose e bisogna ripensare al potere e alle relazioni che ne scaturiscono”.

Irina Karamanos

Ma un discendente dei greci – suo padre, Jorge Karamanos, corse società ellenica Santiago negli anni ’80 – non ha parlato individualmente di questo tema, ma lo ha fatto attraverso i canali istituzionali, con l’appoggio del fronte che lo integra.

“Non possiamo tornare indietro di un passo (…) Siamo uniti da Borek”, Ne discute sui social dello spazio femminista, dove recupera, in contropiede, il “Storia Macho” Da un altro candidato presidenziale ultra-conservatore Jose Antonio Cast, Chi è il Aspetta questo reclamo come strategia di campagna.

Kramanos è riuscito a unire un gruppo di militanti fermamente impegnati nel programma del governo Borik, che ha chiamato il 21 novembre dal nascondiglio del consenso alla dignità per trasmettere la calma, dopo che si è saputo che Cast ha vinto il Collegio Elettorale con il 27,9% dei votie che il suo preferito era nelle retrovie con il 25,8% di adesioni.

READ  Il vaccino argentino e “sovietico” contro Covid e...

“Facciamo il tifo per ora, perché, almeno oggi, credo Devi batterlo e ottenere energia È necessario solo quando stiamo bene”, le sue parole erano, come ha sottolineato Giornale Terzo.

I media cileni affermano che il sociologo è consigliere politico S Sicuro di se Da Borek, era uno dei funzionari Per raccogliere 34.000 firme Avevano bisogno di registrare l’alleanza nell’arena elettorale. Ha confermato, durante la cerimonia di chiusura delle elezioni, che La sua famiglia e il suo “partner” sono i suoi pilastri per “alzarsi in piedi” davanti al pubblico.

“Con Gabriel facciamo parte dello stesso progetto politico, Condividiamo queste convinzioni e speranze concrete per contribuire alla costruzione di una società alternativa. “Questo è l’orizzonte e la responsabilità principali oggi”, ha detto anche Karamanos a La Tercera.

In linea con il suo compagno, l’alfiere femminista ha detto in TV che Rinnegare il Partito Repubblicano Perché è un “pericolo” per lui fondare partiti politici “Scuse per la violazione dei diritti umani” – Riferendosi al sostegno di Caste al dittatore Augusto Pinochet– Questo è d’accordo Legalizzazione delle droghe leggere.

Ma ha osato andare oltre Borek in materia Richiesta S Sicurezza. “Dovremmo parlare di criminalità organizzata, controllo degli armamenti, dovremmo parlare di sicurezza, del rapporto tra la polizia e gli spacciatori”, ha affermato in una tavola rotonda per il programma politico. senza filtria cui stava partecipando.

Solo nella seconda fase della sua campagna il candidato di sinistra si è concentrato maggiormente su questi temi, gli assi della campagna di Caste – chi cerca Ripristino configurazione di sistema in Cile-, con un chip set per ampliare la sua base elettorale.

Irina Karamanos è una delle leader del Fronte femminista del Partito della convergenza sociale

“Shuva” – Come il soprannome Boric, per via del loro amore per i carciofi – è una sostenitrice Il diritto di voto “almeno 16, e in alcuni voti forse 14” Ha sottolineato, nel suo ruolo di membro del Comitato, che questi rappresentanti “Sono i più minacciati nel loro futuro” E quelli che di solito si muovono per strada. “È molto ingiusto che non possano influenzare politicamente il futuro del Paese”, ha aperto.

Nella sua recente apparizione televisiva, quando ha accompagnato Borek nel famoso programma di conduzione cilena Don Francisco, Karamanos ha confermato che vive con il suo ragazzo. “Processo magico con molte luci e colori.”

“Non devi anticipare le cose, devi affrontare le sfide giorno dopo giorno. Ed è quello che facciamo”, Ha risposto alla prima domanda dell’autista, se sarebbe diventato la first lady. Dopo aver insistito, ha chiarito che ci avrebbe ripensato.

La verità è che, se lo facesse, non sarebbe la prima donna latinoamericana a dimettersi. in Messico, Beatrice Gutierrez Müller Togliti il ​​titolo di first lady quando suo marito, Andres Manuel Lopez Obrador È diventato presidente nel 2018. Ha spiegato che lo considerava “Classe” e che «il compagno del presidente non dovrebbe essere Rimase contento e muto di fronte a un sistema che perpetua la disuguaglianza». In Argentina quando prese il potere Nestor Kirchnere Nel 2003 è stata l’attuale vicepresidente, Christina Kirchnerchi ha chiesto di essere convocato “Primo cittadino”, Sebbene il ruolo della first lady non abbia un quadro giuridico nel paese.