Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COVID-19: la terza dose di vaccino riduce del 90% il tasso di mortalità nelle persone con più di 50 anni

Un nuovo studio sul vaccino Pfizer conferma la necessità di applicare una terza dose per evitare casi gravi di Corona virus (Reuters / Somaya Hisham / File Photo)

un La terza iniezione del vaccino contro il coronavirus riduce il rischio di morte associato a COVID-19 del 90%e Secondo una nuova ricerca in Israele.

Studio guidato Servizi sanitari Clalit In collaborazione con l’Università Ben-Gurion del Negev e Sapir Academic College, lei era pubblicato Questa settimana sulla prestigiosa rivista scientifica New England Journal of Medicine.

La ricerca è stata condotta tra il 6 agosto e il 29 settembre, quando i richiami del vaccino sono stati approvati per la popolazione anziana in Israele dal 31 luglio.

Circa 843.208 pazienti Clalit di età superiore ai 50 anni che hanno ricevuto la seconda dose di vaccino sono stati divisi dinamicamente in due gruppi in base al fatto che avessero ricevuto o meno la terza iniezione.. Un totale di 758.118 soggetti ha ricevuto la terza dose entro i 54 giorni di indagine. I dati sono stati confrontati per età, sesso, stato socioeconomico e comorbilità. L’età media dei partecipanti era di 68,5 anni. Alla fine del periodo di studio, il 90% di questa popolazione aveva già ricevuto la dose di richiamo.

Israele ha deciso di applicare una terza dose a chiunque abbia ricevuto la seconda dose almeno cinque mesi fa (EFE)
Israele ha deciso di applicare una terza dose a chiunque abbia ricevuto la seconda dose almeno cinque mesi fa (EFE)

I ricercatori hanno notato che il metodo di studio ha preso in considerazione diverse variabili relative a una serie di fattori di rischio di morte, “al fine di neutralizzare potenziali pregiudizi che potrebbero derivare da età, sesso, stato socioeconomico o comorbilità nella popolazione”.

READ  Biden ha esortato Putin a ridurre le tensioni con l'Ucraina e ha avvertito che gli Stati Uniti avrebbero "risposto con decisione" a qualsiasi invasione.

Tra coloro che hanno ricevuto la terza dose del vaccino per tutta la durata dell’indagine, si è osservata una riduzione del 90% dei tassi di mortalità da MERS-CoV (88% tra gli uomini e 94% tra le donne) rispetto a coloro che hanno ricevuto due sole dosi .

“I risultati del nostro studio lo mostrano inequivocabilmente Il vaccino di richiamo è significativamente associato a un ridotto rischio di morte per coronavirusCompreso il ceppo Delta”, ha spiegato il dottore Doron Netzer, capo della medicina di comunità a Clalit, che ha guidato lo studio.

“Ci sono pochissimi interventi nel mondo medico che possono essere attribuiti a una riduzione di dieci volte del rischio di mortalità come abbiamo riscontrato per la terza dose. I risultati forniscono importanti informazioni basate sulla ricerca per i residenti di Israele e di altri paesi che non hanno ancora deciso di fornire una terza dose alla popolazione. Tutto questo alla luce dello scoppio del ceppo Omicron e del timore di un’altra ondata di contagi”.

Tra coloro che hanno ricevuto la terza dose del vaccino durante il periodo dell'inchiesta, il tasso di mortalità per coronavirus è stato ridotto del 90% (88% tra gli uomini e 94% tra le donne) (Pfizer/Handout via REUTERS)
Tra coloro che hanno ricevuto la terza dose del vaccino durante il periodo dell’inchiesta, il tasso di mortalità per coronavirus è stato ridotto del 90% (88% tra gli uomini e 94% tra le donne) (Pfizer/Handout via REUTERS)

Il Clalit Research Institute, che è stato in prima linea negli studi relativi alla pandemia di COVID-19, ha osservato in ottobre che Gli adolescenti vaccinati con il vaccino Pfizer hanno il 90% in più di protezione contro le infezioni rispetto ad altri giovani adulti non vaccinati e il 93% in meno di probabilità di sviluppare i sintomi della malattia. Un precedente studio di Clalit su una dose di richiamo ha rilevato che riduceva i ricoveri ospedalieri del 93%, le malattie gravi del 92% e i decessi dell’81%. Questa è la più grande ricerca al mondo su questo argomento.

READ  Tre cosmonauti russi sono arrivati ​​alla Stazione Spaziale Internazionale indossando uniformi blu e gialle

durante La quarta ondata di Israelechi ne ha preso il controllo variabile deltaLa morbilità è stata principalmente causata dalla ridotta protezione vaccinale in una popolazione già vaccinata almeno sei mesi prima. In quanto tale, il Ministero della Salute, con ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri Naftali Bennett, ha deciso di somministrare una terza dose a chiunque avesse ricevuto la seconda dose almeno cinque mesi fa.

Questa decisione è stata presa prima ancora di quella attuata dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che settimane dopo ha approvato un terzo vaccino solo per i cittadini over 65 e le persone a rischio di contrarre il coronavirus o di ammalarsi gravemente. da allora, Ha raccomandato un terzo vaccino per tutti gli adulti e ora lo stato sta lavorando duramente per colmare le lacune.

Un precedente studio di Clalit su una dose di richiamo ha rilevato che riduceva i ricoveri ospedalieri del 93%, le malattie gravi del 92% e i decessi dell'81%.  (EFE/Benvenuto Velasco)
Un precedente studio di Clalit su una dose di richiamo ha rilevato che riduceva i ricoveri ospedalieri del 93%, le malattie gravi del 92% e i decessi dell’81%. (EFE/Benvenuto Velasco)

La questione della terza iniezione sta prendendo sempre più piede in tutto il mondo con la scoperta della variante Omicron.. Pfizer ha annunciato, mercoledì, che tre iniezioni del suo vaccino sono efficaci contro l’alternativa, sulla base di studi di neutralizzazione anticorpale. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche, compresi i dati del mondo reale.

Circa 4,1 milioni di israeliani hanno ricevuto una dose di richiamo. Ma ci sono ancora circa un milione di cittadini aventi diritto che non l’hanno fatto. Netzer ha concluso: “Questi risultati forniscono importanti informazioni basate sulla ricerca per i residenti di Israele e di altri paesi che sono ancora riluttanti a somministrare la terza dose del vaccino”.

READ  Inondazioni, auto galleggianti e blackout: la cronaca di una storica tempesta in Uruguay | Montevideo e Canillon, le due città più colpite

Continuare a leggere: