Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dalla crisi del debito al “crollo dello stato”, 5 grandi rischi per l’Argentina secondo il World Economic Forum

in questa notizia

La prossima settimana, i leader globali e le organizzazioni internazionali si riuniranno a Davos per discutere di una prospettiva globale che porti al declassamento di tutte le previsioni di crescita. In questo contesto il Forum economico mondiale (WEF) Invia un rapporto sui rischi globali e fatti elencare 5 fattori centrali per l’Argentina.

Uno dei fattori citati da Bass, tre dei quali economici, uno climatico e l’altro geopolitico. L’elenco dettaglia i rischi a Inflazione continua, crisi del debito, diffusione di attività economiche illegali, “crollo dello Stato” e crisi dell’approvvigionamento di beni di prima necessità.

La Banca mondiale ha fissato il 5,2% per il 2022, ma ha lasciato avvisi per azioni e inflazione per il 2023.

Il bucato e il rischio di un “colpo di mercato”: gli economisti vicini a Christina avvertono delle sfide del 2023

L’analisi è stata effettuata in qualità di partner locale stato unito Collegio di Economia Aziendale affiliato Università Australe. Al capitolo locale hanno partecipato il direttore del dipartimento di economia Eduardo Fraccia e il ricercatore Martín Calvería.

inflazione continua

Il World Economic Forum afferma che la gestione dell’inflazione è una preoccupazione globale, in linea con la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale, tra gli altri. Anche “l’inflazione rapida e/o persistente” è emersa come una delle prime cinque rischi nei prossimi due anni Negli 89 paesi presi in esame nel rapporto, un aumento significativo rispetto al 2021.

È stato classificato come la più grande minaccia in diversi paesi del G20, tra cui Brasile, Corea del Sud e Messico, sebbene le pressioni inflazionistiche abbiano colpito sia le economie sviluppate che quelle in via di sviluppo. I tassi di inflazione superano l’80% in Argentina e TurchiaMentre Zimbabwe, Repubblica Bolivariana del Venezuela, Libano, Repubblica araba siriana e Sudan hanno registrato un’inflazione a tre cifre.

READ  Premio Nobel per la Medicina per le scoperte sui recettori tattili e termici | Gli americani David Julius ed Erdem Patbutian sono stati premiati

Debito e rischio di default

“I flussi di capitali globalizzati negli ultimi decenni hanno aumentato l’esposizione dei mercati emergenti e in via di sviluppo a tassi di interesse elevati, in particolare quelli con un Alta percentuale di debito denominato in dollari, come l’ArgentinaColombia e Indonesia”, sulla valutazione del World Economic Forum, che mette in guardia dal rischio default.

I maggiori mercati emergenti che mostrano un rischio di default più elevato includono l’ArgentinaEgitto, Ghana, Kenya, Tunisia, Pakistan e Turchia», aggiunge la valutazione, che sarà analizzata la prossima settimana nelle Alpi svizzere durante un incontro tra leader mondiali e organizzazioni internazionali.

Come quadro per la ristrutturazione del debito globale in discussione, il World Economic Forum propone quanto segue:Il settore privato può essere incentivato a partecipare alla ristrutturazione del debito attraverso una varietà di meccanismi, tra cui l’emissione di nuove obbligazioni con maggiori tutele legali.obblighi di risarcimento danni e strumenti di recupero del valore.

Ciò “consentirebbe ai creditori privati ​​di beneficiare in futuro degli sviluppi al rialzo nei paesi debitori, come ad esempio Strumenti per il prodotto interno lordo (PIL). in costa rica, ArgentinaGrecia e Ucraina ”, che lo Stato ha già utilizzato.

Crack e politica estrema

Per gli analisti, polarizzazione sociale e politica Può anche ridurre lo spazio disponibile per la risoluzione collettiva dei problemi per affrontare i rischi globali, afferma il forum, che cita un esempio L’estrema destra è stata eletta in Italia E il secondo partito più grande in Svezia, mantenendolo “La sinistra sta riemergendo in America Latina”.

Il tentativo di golpe in Brasile: bocciatura unanime di uomini d’affari argentini e bocciatura da parte della Corte Suprema

READ  Oroscopo di oggi, lunedì 31 ottobre: ​​pronostici per la salute e il benessere | Cronaca

La giustizia ha chiesto di congelare i beni di Jair Bolsonaro dopo i fatti in Brasile: ritengono abbia finanziato i manifestanti

“il Le elezioni nazionali si terranno in molti dei paesi del G20 Nei prossimi due anni, inclusi Stati Uniti, Sudafrica e Turchia, ArgentinaMessico e Indonesia”, rileva il World Economic Forum adottando politiche più “estreme”. Nelle grandi potenze economiche possono rompere le alleanze, ridurre la cooperazione globale e portare a dinamiche più volatili.

cambiamenti in dieci anni

I conflitti e le tensioni geoeconomiche hanno portato a una serie di rischi globali strettamente interconnessi, secondo il Global Risks Report 2023 del World Economic Forum. Questi includono Restrizioni sull’approvvigionamento energetico e alimentare “È probabile che i forti aumenti del costo della vita e del servizio del debito continuino nei prossimi due anni”.

Queste crisi “comportano dei rischi Minando gli sforzi per affrontare i rischi a lungo termineAggiungono e sottolineano in particolare Quelle relative al cambiamento climatico, alla biodiversità e agli investimenti in capitale umano.

Le crisi energetiche, inflazionistiche, alimentari e della sicurezza sono oggi in primo piano. Nei prossimi due anni, indica il rischio di recessione. Crescente indebitamento. la continua crisi del costo della vita; società polarizzate abilitate dalla disinformazione e dalla disinformazione; una pausa in un rapido effetto meteorologico; Una guerra geoeconomica a somma zero.

Il rapporto chiede “ai leader di agire collettivamente e con decisione, bilanciando visioni a breve e lungo termine”. c’è bisogno, indicare, Azione urgente e coordinata per il clima e sforzi congiunti tra i paesianche Cooperazione tra pubblico e privato Promuovere la stabilità finanziaria, la governance tecnologica, lo sviluppo economico e gli investimenti nella ricerca, nella scienza, nell’istruzione e nella salute.

se non ti candidi, Lo scenario del prossimo decennio ai confini della visioneDisastri naturali, perdita di biodiversità e collasso dell’ecosistema, crisi delle risorse naturali e migrazioni forzate su larga scala, erosione della coesione sociale e polarizzazione politica, scontri geoeconomici e danni ambientali diffusi.

READ  L'Istituto di Medicina e Scienze Forensi è ora pienamente operativo