Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ha insistito per sviluppare l’uva in Costa Rica e oggi l’Italia lo riconosce – Non specificato

Virgilio Fedor si è innamorato del Costa Rica senza saperlo. Negli anni ’60, questo giovane italiano ha fatto fortuna vivendo nella cittadina costiera di Fregenae, che si affaccia sul Mar Tirreno, ma le notizie della bellezza di un paradiso centroamericano continuavano a giungere alle sue orecchie.

Così un giorno ha iniziato a sognare di conoscere questa terra e presto ha iniziato a immaginare la possibilità di vivere qui. Condivideva questa illusione con il fratello minore Giuseppe, così i due parlarono per ore di quel luogo lontano che non riuscivano a togliersi dalla testa.

“Ero innamorato del Costa Rica, senza saperlo, perché lì all’ambasciata di Roma ho conosciuto tanti amici costaricani e mi hanno parlato molto del Costa Rica. A quel tempo eravamo tutti figli dei fiori Quindi abbiamo pensato nella nostra mente che avremmo vissuto tutti sull’isola di Cocos”, ricorda Fedor con una risata.

Alla fine del 1972, quando aveva 24 anni, il suo sogno si avverò finalmente. Tra i due fratelli convinsero i loro genitori a lasciare la nativa Italia ea raggiungere questo piccolo pezzo di istmo e stabilirsi qui.

“Siamo riusciti a convincere i nostri genitori. Erano genitori eccezionali e hanno accettato di fare ciò che i loro figli volevano. Tutti gli altri avrebbero detto che eravamo pazzi e come saremmo venuti in Costa Rica. A quel tempo era difficile persino telefono Italia e Costa Rica, immaginate, erano preoccupati per Non avrebbero mai più rivisto i loro ragazzi e poi siamo venuti tutti. È stata un’avventura pazzesca”.

“Quando siamo arrivati ​​in Costa Rica l’ho adorato, è stato meglio di quanto mi aspettassi, sono passati 50 anni da quando sono qui”, ha detto Fedor, che ora ha 73 anni.

Dopo un breve soggiorno a San Jose, la famiglia si stabilì presto a Playa Panama, a Guanacaste, dove acquisì una fattoria dove Virgilio poté esplorare l’altra grande passione della sua vita: la ricerca dell’uva.

La sua famiglia in Italia, specialmente da parte di suo padre, era associata alla coltivazione di questo frutto e alla produzione di vino, quindi era naturale che cercassero di esplorare le possibilità dell’uva nella loro nuova casa. La famiglia di mio padre coltivava l’uva e qualche volta li aiutavo. Sebbene la nostra famiglia abbia altre attività, siamo sempre stati coinvolti nel mangiare l’uva. Le famiglie in Italia sono allargate, ha detto, non sono nucleari, e tutti c’è una famiglia: cugini, zii, nonni, tutti».

“La prima cosa che abbiamo fatto è stata piantare una vite di dieci varietà che abbiamo portato dall’Italia, e l’abbiamo importata bene, con tutti i certificati, e invece è quasi morta per tutta la burocrazia in aeroporto, ma è iniziato tutto così Anche l’allora presidente della repubblica, Daniel Oduber, e il ministro dell’Agricoltura, Hernán Garonne, erano interessati”, ha spiegato Fedor.

Uno degli aspetti più interessanti dell’attenzione di Fedor è la scoperta delle ragioni dell’inutilità a lungo termine della coltivazione della vite in questa regione tropicale.

La sua ricerca ha presto catturato l’attenzione di enti internazionali, tra cui le Università della California. E così l’azienda agricola di famiglia è diventata una sorta di centro sperimentale per vedere l’adattamento dell’uva e per sperimentare almeno 350 varietà di quel frutto per cercare di trovare o creare una varietà adatta alle condizioni della regione.

“È da lì che vengono presentate tre o quattro specie, ma è stato particolarmente utile scoprire che c’era una terribile malattia dell’uva in Costa Rica, il che spiega perché per 500 anni non è stato possibile farlo in modo sostenibile, ” Lui ha spiegato.

Sulla base di questo risultato, il lavoro si è concentrato sulla creazione di ibridi di mirtilli, in quanto resistenti e resistenti alle malattie, con l’obiettivo di sviluppare una varietà originale che possa essere utilizzata per il consumo o la produzione di vino, ma anche per l’esplorazione. potenziale nel settore medico.

“Mi sono reso conto che questa era la strada, era probabilmente la più difficile, ma era l’unica. Nessuno l’ha mai fatto, fino ad ora”, ribatte ancora con le stesse sensazioni che ha provato in quel momento. Fedor spiega che in Costa Rica è stato piantato il vitigno Isabella, di cui esistono vigneti nel paese, ma non è stato prodotto nessun nuovo ibrido, il che richiede almeno dieci anni per verificarne o escluderne la vitalità. “È un lavoro che non tutti vogliono fare”, sottolinea.

“L’idea era quella di produrre uva in una zona tropicale in modo che potesse essere utilizzata per il vino e la tavola, non per produrla io, ma per aiutare il paese a farlo. Questo era il mio desiderio di scoprire e inventare e ora è il momento, in realtà da un po’, quando voglio presentare al Paese quello che ho fatto e la mia esperienza per tanti anni. È un po’ complicato, perché a volte non c’è interesse politico a rischiare cose nuove”, dice Fedor.

“Per me, l’innovazione in un paese è molto importante, perché il paese progredisce se innova”, aggiunge. “Il Costa Rica mi ha dato tanto in questi cinquant’anni e anche io voglio darlo; quindi se vuoi, sono pronto”.

Fedor nota che c’è un grande interesse per l’argomento nel paese. In effetti, ha aperto due anni fa La tua pagina Facebook E la risposta che ha ricevuto è stata del tutto inaspettata. Finora ha più di 140.000 follower.

Sebbene lo studio dell’uva sia la sua passione, Fedor era molto chiaro che non poteva guadagnarsi da vivere, quindi ha anche dedicato gran parte della sua vita a un altro volto che lo ha reso molto più soddisfatto.

“Non ho vissuto di quell’esperienza, ma era la mia passione. Sono stato per tutta la mia vita capo delegazione per l’Unione Europea e altre organizzazioni internazionali e progetti di sviluppo agricolo in America Centrale e dal mio punto di vista ed esperienza in e lo sviluppo rurale che è molto importante; se potessimo innovare in questo senso e coinvolgere i politici, sarebbe fantastico”.

Tuttavia, quando questo progetto è finito, il sostegno, soprattutto finanziario, è finito e la generosità è diventata troppo grande. “Non sapevamo cosa fare con tanta uva”, ricorda don Virgilio.

Così tornò per qualche tempo con i suoi genitori in Italia, pur mantenendo la fattoria a Guanacaste. Tuttavia, sarebbe presto tornato in queste terre, dove è stato nominato Direttore del Progetto di riforma agraria dell’Unione europea (UE) che lo ha spinto a vivere in Nicaragua. Lì conobbe sua moglie, una spagnola nicaraguense che lavorava presso l’Ambasciata italiana.

“Ho anche iniziato a coltivare l’uva (in Nicaragua), perché cammino sempre con una parte della mia varietà di ibridi, e non mi arrendo mai, perché questa è la mia passione”, ha detto Fedor.

Il destino lo ha riportato in Costa Rica, dove è stato nominato direttore del progetto UE a Golfito e anche in Honduras e ancora in Nicaragua, sempre legato allo sviluppo delle persone più bisognose nelle zone rurali.

“Ho lavorato a diversi progetti e mi è piaciuto perché oltre a continuare a mangiare uva, che è la mia passione, mi ha permesso di dare qualcosa ai poveri e alle popolazioni rurali perché erano tutti progetti di sviluppo rurale”, ha detto Fedor.

All’età di 73 anni, Fedor si rende conto che ha bisogno di riposare perché il suo lavoro di ricerca sulle uve ibride è molto estenuante, ma non vuole sprecare tutti i suoi sforzi.

Non vedeva l’ora che lo studente si mostrasse interessato ad organizzare il suo lavoro in modo che il Costa Rica potesse beneficiare di tutte queste conoscenze.

“Ora ho 800 specie diverse, la maggior parte delle quali sono state fatte da me, circa 600. Ho fatto l’esperimento, aspettando i famosi dieci anni;” spiega mentre mostra le carte con la registrazione esatta dei loro semi e la risultati che ha ottenuto.

E mentre arriva quel momento, continua a prendersi cura delle sue uve, vendendo matita agli appassionati di viticoltura, e dando lezioni e formazione. È una passione infinita.

“Ho lasciato questo lavoro? Mai. Ma mi piacerebbe seguirti. I miei figli si sono dedicati ad altre cose e mi hanno sempre lasciato fare quello che volevo, quindi ho fatto lo stesso con loro. Ho un nipote, ma è ancora molto giovane”, afferma con una punta di urgenza nelle sue parole.

Fedor spera che appaia qualcuno per continuare la sua indagine. “Alcuni studenti che si sono iscritti e hanno preparato una tesi per organizzare quello che ho fatto. Si compone una tesi straordinaria! Vincerà la scienza stessa e anch’io lo sono perché posso organizzare il mio lavoro, c’è tanto da fare. Sono un po’ esigente ed è stato difficile per me trovare qualcuno con abbastanza Passione e che lo mantenga negli anni”, ammette.

Di recente ha avuto un approccio con l’Istituto per la Ricerca Farmaceutica (Inifar) dell’Università del Costa Rica che lo riempie di entusiasmo. “Abbiamo iniziato a chiacchierare per ricercare le proprietà medicinali e farmaceutiche dell’uva, in particolare l’ibrido nazionale e gli stessi mirtilli, per scoprire tutte le proprietà che possiedono, che devono essere meravigliose, ne sono sicuro”, ha detto.

Grazie a questi due aspetti che hanno segnato la sua vita, Fedor ricevette una delle più grandi onorificenze a cui un cittadino italiano potesse aspirare, come il titolo di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, conferito da quel presidente. nazione.

“Mi ha dato una grande gioia ed è un onore tra i più alti del mio paese. È il tuo paese che ti dà questo e ti riconosce come un cittadino eccezionale e questo è un onore incredibile, non avrei mai immaginato di essere sorpreso quando hanno suggerito che per me.”

Questo risultato non è stato un compito facile. In primo luogo perché oltre a raccogliere i benefici, dovrebbe essere suggerito il tuo nome per scegliere l’indirizzo indicato. Nel suo caso, la senatrice Francesca Alderesi lo ha nominato e ha avuto successo. La sua nomina è stata sciolta alla fine del 2019, ma a causa della pandemia è stata pubblicata ufficialmente fino all’inizio del 2021.

“Mi rende felice. Il titolo è stato dato dal Presidente della Repubblica e me l’ha dato per quello che ho fatto nella mia vita, non solo per l’uva o per il mio lavoro di consigliere, ma per entrambi: da un lato mano, per aver aiutato per più di 40 anni la popolazione povera del Centro America nella loro lotta contro la povertà e questo significa che più di due milioni di poveri ne hanno beneficiato e questo mi rende molto felice e sollevato”.

“E d’altra parte, per quello che ho fatto con l’uva ed è stato uno stimolo per prendere il premio perché con l’altra (consulenza) l’una è meno scontata, ma con l’uva è una scoperta scientifica che ha molto peso.”

La medaglia gli è arrivata per posta certificata qualche mese fa e capisce che al momento non può esserci festa per festeggiare questo traguardo. “Ci sarà un tempo successivo”, afferma soddisfatto del dovere svolto.

READ  La Nación / Vigili del fuoco alla stazione di servizio di Asunción