Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Culture di Babilonia a Ojos Negros

Il percorso è stato una visita tecnica alla strada ciclopetonale durante la Giornata Internazionale delle Strade Verdi, della Mobilità, del Tempo Libero e del Turismo, che si tiene da giovedì al Palau de les Arts de València. Un evento dove sono stati assegnati anche i 10th European Greenways Awards, organizzati ogni due anni dalla European Greenways Association. Considerando che, la Ojos Negros Green Road è stata riconosciuta come “il punto di riferimento delle buone pratiche in Europa”.

La giuria ha valutato “la trasformazione di una ferrovia mineraria di proprietà privata in un percorso verde di grande attrazione e portata globale che unisce rispetto per i valori naturali ed etnologici del territorio, uso ricreativo e mobilità sostenibile”.

Aggiungono che “la manutenzione dei 76 chilometri di gallerie e ponti è stata essenziale durante i due decenni della loro costruzione. [que cumplirá el próximo 10 de mayo], per promuovere l’uso di questa strada verde sempre più popolare, che è diventata una risorsa essenziale per l’economia di questa regione rurale montuosa del Mediterraneo”, ha osservato la giuria.

Pedali silenziosi

Alcune delle attrazioni che i ciclisti internazionali hanno potuto godere ieri nelle tre ore e mezza di pigra escursione tra le città di Jérica (l’Alt Palància) e Algimia d’Alfara (Camp de Morvedre), organizzata da Mediterranean Bike Tours. Cercare ispirazione e persino copiare buone pratiche di successo è questo tipo di viaggio, pensato per i promotori di strade verdi e le aziende che offrono questo tipo di viaggio, anch’esse situate sulla strada di un tempo, provenienti dall’Andalusia o dalla Catalogna.

Il ciclismo in Bisaccia è un luogo orientato al mercato che sta emergendo in Spagna. Il resto d’Europa è avanti anni luce. Sebbene il gruppo di promotori della strada verde si sia incrociato durante la pista di ieri con molti ciclisti europei che si stavano godendo il verde di Ojos Negros mentre attraversavano Jérica, il riquadro “Santa Bárbara” ti informa del percorso e fornisce un piccolo sollievo, grazie alla buona conoscenza di Juan Barracina.

READ  Venezia diventerà la città dei pagamenti da giugno 2022

Il percorso organizzato ieri ha riunito anche il Direttore Generale dei Trasporti che due decenni fa ha promosso la Strada Verde e il Direttore Generale dei Lavori Pubblici che completeranno il viaggio a Sagunt. Il primo è stato Vicente Domaine, che ha ricordato la complessità di promuovere un progetto di questo tipo due decenni prima. “Il geografo Paco Tortosa è stato il primo a parlarmi di questa possibilità. Finalmente siamo riusciti a espropriare a costo zero il binario della vecchia ferrovia della Sierra Minera “anche se l’investimento che doveva essere fatto non era ben compreso da tutti”, ricorda Domain.

Roser Oberer ha inoltre confermato a Levante-EMV che saranno presto banditi i lavori per il completamento della strada verde per Sagunt. Un sogno che ha inseguito per due decenni e ha dovuto superare “molti ostacoli burocratici, oltre al coordinamento tra i diversi dipartimenti”.