Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più di 38 milioni di lavoratori europei non possono permettersi le vacanze

divertiti settimana libera È un lusso che più di 38 milioni di persone in Europa non possono permettersi, nonostante il lavoro, secondo uno studio di Confederazione Europea dei Sindacati (CES)che analizza le partenze effettuate tra il 2019 e il 2020 nell’Unione Europea.

“Le vacanze non dovrebbero essere un lusso in quanto sono necessarie per garantire la salute e il benessere dei lavoratori”, ha affermato la società in una nota. Il vice segretario generale del CES Esther Lynch.

Ha anche osservato che “l’Unione Europea ei governi nazionali hanno una responsabilità Tutela della contrattazione collettiva Come il modo migliore per garantire che i lavoratori si godano la vita piuttosto che sopravvivere”.

Il rapporto conferma che dal 2019 la percentuale della popolazione che non può pagare per qualche giorno di ferie è aumentata in più della metà dei paesi dell’Unione europea e la percentuale di lavoratori è cresciuta in 11 paesi.

I dati si basano su un’analisi dei microdati Eurostat da parte dell’Istituto statistico dell’Unione europea Istituto sindacale europeoÈ un centro di ricerca indipendente della CES.

Romania con il 47%; Grecia 43,4%; La Lituania con il 41% e la Croazia con il 39,7% erano tra i paesi con la più alta percentuale di lavoratori rispetto alla loro popolazione che non potevano permettersi una settimana di vacanza nel 2020, secondo i risultati dello studio.

I sindacati sostengono che le ferie sono necessarie per garantire la salute e il benessere dei lavoratori.

Tra il 2019 e il 2020 sono stati i paesi con i maggiori incrementi di lavoratori che non hanno potuto prendersi una settimana di ferie Lituaniaun aumento del 12,4%; Bulgariadel 4,8% e Greciarispettivamente del 2,1%.

READ  Le aziende thailandesi e austriache acquistano il negozio Selfridges nel Regno Unito | economia

In termini di numeri complessivi, data la sua popolazione più numerosa, è stimato Italiaotto milioni, Spagnacon 4,6 milioni e Franciacon 4,1 milioni, ha registrato il numero totale più alto di dipendenti che hanno perso una settimana di ferie nel 2020.

Questi paesi sono stati seguiti Romaniacon 3,9 milioni e Greciacon 1,6 milioni di lavoratori, non ha potuto prendersi una pausa nell’estate del 2020 a causa della sua situazione economica.

secondo Confederazione Europea dei Sindacatiquesto dato ha coinciso con l’aumento del Profitti aziendali europeiil che significa che dirigenti e azionisti hanno accumulato più denaro a spese dei lavoratori europei.

“L’aumento della disuguaglianza durante le vacanze mostra che l’economia europea non funziona per i lavoratori”, ha aggiunto Esther Lynch nella sua dichiarazione.

“Senza un giusto aumento dei salari, uomini d’affari e politici si ritroveranno a tornare dalle vacanze estive per affrontare un autunno di rabbia seguito da un inverno di malcontento”, ha avvertito.