Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alain Dehaze: “La Spagna dovrebbe consentire agli ETT di stipulare contratti a tempo indeterminato” | Economia

L’amministratore delegato del Gruppo Adecco, Alain Dehaze (Tournai, Belgio, 1963) visitava personalmente ogni due anni i 60 paesi in cui si trova questo colosso della gestione delle risorse umane. La Spagna è stato il primo paese che ha scelto di visitare dopo la pandemia. Ha spiegato in un’intervista ai giornalisti il ​​momento importante che sta attraversando il mercato del lavoro spagnolo, che sta affrontando una nuova riforma con una sfida principale: combattere l’altissimo tasso di disoccupazione giovanile (38% secondo i suoi dati) che deve su tre sotto i 25 anni alla disoccupazione.

Mentre a Madrid, penso che tu abbia avuto l’opportunità di incontrare un membro del governo, ti ha dato qualche consiglio per riformare il lavoro?

Infatti, ho incontrato i responsabili dell’esecutivo e uno dei messaggi che ho cercato di trasmettere loro è stato quello di fare in modo che flessibilità e sicurezza non fossero concetti contrastanti nel mercato del lavoro spagnolo. La flessibilità è molto importante per le aziende e l’abbiamo appena visto negli ultimi due anni; Ne hanno bisogno per essere competitivi e flessibili. Ma anche le nuove generazioni di lavoratori che entrano nel mercato del lavoro vogliono questa flessibilità perché non pensano a lavorare tutta la vita nella stessa azienda. Allo stesso tempo, ai lavoratori deve essere fornita una garanzia che copra malattia, disoccupazione e pensioni. Altrimenti si creerà una bomba sociale a lungo termine. Abbiamo bisogno di un quadro normativo che combini le due questioni. E sì, ci sono quelle soluzioni.

Puoi spiegare cosa sono?

Non è una novità, è già stato implementato in altri paesi. Quello che suggeriamo da Adecco è che le società di lavoro interinale possano stipulare contratti a tempo indeterminato direttamente con i lavoratori che poi si rivolgono a fornitori di servizi diversi ma con un rapporto indefinito con ETT. In Spagna attualmente questa possibilità non esiste. Inoltre, durante il periodo in cui questi lavoratori a tempo indeterminato non sono assunti da alcuna azienda, Adecco ha il compito di riabilitarli e fornire loro la formazione richiesta dalle aziende.

READ  Hanno rilasciato una criptovaluta per il capitano della nazionale

Pensi che questo sia possibile con una coalizione di governo di sinistra come quella che esiste?

Sì, io stesso ho negoziato la creazione di questo tipo di contratto in Francia quando il socialista François Hollande era presidente, otto anni fa. Adecco France impiega attualmente 20.000 lavoratori a tempo indeterminato in questo modo contrattuale. In Spagna saremo in grado di impegnarci alla conclusione di 15.000 di tali contratti. E sarebbe solo Adecco, ma sono sicuro che altre aziende del settore possono fare lo stesso. È stato fatto per molto tempo in Italia, Svizzera, Olanda o Germania. È la combinazione perfetta di flessibilità e sicurezza. Chi potrebbe essere contrario?

Cosa ne pensi del nuovo aumento del salario minimo in Spagna?

Penso che un aumento del salario minimo dell’1,6% sia abbastanza moderato. Ma l’aumento del suo valore non è tanto importante quanto il fatto che la Spagna renda i salari di ingresso nel mercato più attraenti per i giovani perché questo motiva le aziende ad assumerli.

E come si fa?

Come paese, devi essere competitivo ed è bello avere un salario minimo, ma è essenziale per il governo far entrare i giovani nel mercato del lavoro. Ci sono due modi per rendere attraente la tua assunzione. Dall’altro c’è il modello Francia o Belgio che prevede sussidi alle aziende: nel mercato belga, se si assume un giovane di età inferiore ai 26 anni, l’azienda riceve 3000 euro. Mentre, d’altra parte, ci sono paesi scandinavi o Danimarca che scelgono di non tassare le società e i contributi ai salari. Alcune di queste cose devono essere fatte in Spagna.

READ  Luca Argentero è il rubacuori italiano e guerriero in veste 'DOC'.

Qualche altro messaggio all’esecutivo spagnolo?

L’altro mio consiglio all’esecutivo è di non perdere di vista il fatto che senza la riabilitazione della forza lavoro, i paesi perdono circa il 40% della loro forza lavoro ogni due anni. Questo significa che se non fai nulla come stato per quanto riguarda la formazione professionale, dopo un decennio sei completamente inutile e le aziende fuggiranno in altri paesi. La soluzione deve venire da tre fronti: dalle aziende che hanno bisogno di questo ammodernamento formativo della propria forza lavoro per essere competitive; i lavoratori stessi, che devono preoccuparsi della loro formazione per rimanere attraenti nel mercato; E i governi, se non vi investono, troverete aziende che si trasferiscono in altri paesi. La riabilitazione e la formazione professionale non possono essere viste come un costo ma come un investimento. Ancora una volta possiamo prendere l’esempio di paesi come Singapore, Francia o Brasile che hanno creato conti di risparmio individuali per i lavoratori della formazione o qualche tipo di legame. Si potrebbero scegliere altri metodi, come creare incentivi fiscali per le aziende che riciclano i propri dipendenti piuttosto che licenziare coloro che non li servono più e assumere nuovi dipendenti.

Hai citato molti incentivi e sussidi, pensi che sia ora che i Paesi ritirino i loro aiuti pubblici a causa del Covid?

In questa crisi, il grande successo di alcuni paesi come la Spagna, l’Italia, il Regno Unito o anche gli Stati Uniti è stato quello di creare sistemi di supporto per le aziende, come hanno fatto la Germania o la Svizzera nella crisi del 2008. Quindi, quando le economie si riprendono, le aziende esso allo stesso tempo. Anche se c’è il rischio, come negli Stati Uniti, che il lavoratore giunga alla conclusione di essere pagato più per riscuotere l’assistenza pubblica che per andare a lavorare. Per questo motivo i governi devono ritirare gradualmente gli aiuti pubblici, anche in Europa, affinché domanda e offerta possano riconnettersi e riportare le persone al mercato. Ma è importante che questo ritiro avvenga molto gradualmente, perché ci sono settori che soffrono ancora molto e hanno bisogno di continuare a ricevere questo sostegno.

READ  Il Fondo israeliano Enlight soccombe alla febbre delle rinnovabili a Valencia

Il modo in cui lavoriamo è cambiato radicalmente in tutto il mondo con la pandemia, in che modo questo ha influito sulla gestione delle risorse umane?

Abbiamo visto che con il lavoro a distanza la produttività è aumentata durante la pandemia. Ma abbiamo anche notato un aumento significativo della malattia mentale del 30% perché il telelavoro non soddisfaceva le condizioni appropriate per svolgere questa attività. Inoltre, solo un capo su dieci riesce a gestire bene il lavoro a distanza. È qualcosa di nuovo che anche i manager devono imparare.

E nello specifico, in che modo tutti questi cambiamenti hanno influito su Adecco?

Il Covid non ha cambiato molto la nostra visione strategica per il business, ma ha notevolmente accelerato i piani di digitalizzazione, con un maggiore mix di lavoro faccia a faccia e da remoto. Quello che è diventato chiaro è che dobbiamo avere un canale in cui essere pronti a sostenere esami di selezione con esami online, ma dobbiamo anche testare di persona la manualità dei candidati in alcune professioni.