Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cuba, amore a prima vista (+ FOTO) – Escambray

Cuba, amore a prima vista (+ FOTO) – Escambray

Mauro e Andrea da vent’anni sostengono diverse attività di solidarietà verso l’isola. (Immagini: Ana Martha Panades/Escampray).

Più di una coincidenza attraversa le vite di Mauro Avello e Andrea Paolieri, due italiani con la passione per la pizza, il calcio, la solidarietà e i cubani.

Sono venuti sull’isola come turisti, ma sono rimasti abbagliati dal suo calore. Vicina, intensa e tangibile, la sensazione quotidiana di Cuba è stata l’esperienza più autentica che entrambi ricordano 20 anni dopo.

Mauro e Andrea non si sono più conosciuti. Le loro strade si sono incrociate quando hanno deciso di tornare indietro e trovare qualcosa di più allettante in questo paese che non appare sulle cartoline turistiche. Forse è stato un gesto reciproco.

“I cubani ti aprono la porta senza alcun tipo di circostanza”, dice Mauro mentre si prepara a rivivere le sue esperienze, ora seduto nella sua stanza della Casa de la Amistad a Trinidad.

“La prima volta che ho viaggiato non parlavo spagnolo, ma tutte le persone che ho incontrato erano molto simpatiche, il ragazzo che guidava la macchina, la signora della locanda dove stavo, la vecchia signora nell’angolo che mi ha dato un caffè. Questo è ciò che ti fa innamorare di Cuba.”

Andrea è arrivata giovanissima ed è rimasta affascinata dalla storia del Che, che ha scoperto dalle pagine di un libro di uno scrittore messicano. Volevo sapere quali città hai liberato. Ho viaggiato dall’Avana a Santa Clara e poi a Trinidad. La scorsa settimana ho finito i soldi. Ho provato a usare la carta di credito di mia madre, ma era impossibile. Ho vissuto gli ultimi giorni della mia vita a Cuba con una famiglia che mi ha donato disinteressatamente il tetto della loro casa. Questo gesto mi ha lasciato per sempre”, ricorda dopo la conclusione di un incontro con gli studenti organizzato dall’Istituto per l’amicizia con i popoli (ICAP).

READ  Cinque facili esercizi per aumentare la densità ossea e prevenire l'osteoporosi

Mauro è il segretario di dipartimento di Marino, Gino Doni della Società Nazionale di Amicizia Italo-Cubana, Andrea, conduttore di Web TV Radio Revolución; Entrambi con un profondo senso delle giuste cause.

In Mauro si è svolta la storia del Che, di Fidel e della resistenza di questo popolo. “Ci si avvicina personalmente e si sente subito il desiderio di aiutare, coordinare atti di solidarietà e svolgere attività politica per denunciare gli attacchi contro Cuba.

“Il nostro circolo – intitolato a un membro italiano del Movimento 26 Luglio e membro della Spedizione del Granma – è nato durante la celebrazione del cinquantenario della morte di Ernesto Guevara, e nella sua attività ha riunito molti connazionali legati alla i cubani”.

Andrea Paolieri considera Cuba un simbolo del mondo intero.

Dalla comunicazione Andrea difende tante verità. È una battaglia continua, perché siamo esposti a notizie false, non solo su Cuba, ma anche su conflitti internazionali come la guerra in Ucraina o contraddizioni politiche in Europa. Forniamo anche informazioni su paesi e associazioni coinvolte in movimenti di sinistra e umanitari in tutto il mondo”, afferma.

Nel suo sogno di penetrare nella realtà nazionale, Andrea ha studiato storia e cultura cubana all’Università dell’Avana, “un’opportunità unica che mi ha permesso di incontrare professori che considero giganti e con cui ho una sincera amicizia, tra cui Francisca López Severa, Paquita, Premio Nazionale per le Scienze Sociali e Umanistiche, 2022”.

In uno dei loro viaggi, questi due amici cubani che mantengono stretti legami con l’ICAP e percorrono l’isola da un capo all’altro si incontrano in questa costante ricerca di luce e verità.

“Fai innamorare le persone, vieni e ti identifichi immediatamente con le persone. Cuba è un simbolo che deve essere difeso, è un luogo che ha molto significato di fronte all’umanità. Se questo progetto si perde, c’è nessun altro esempio per continuare a lottare e non possiamo permetterlo”, dice Andrea con profonda convinzione.

READ  I migliori videogiochi basati sui film
Mauro Avello è il Segretario del Dipartimento Marino Gino Doni dell’Associazione Nazionale di Amicizia Italo-Cubana.

Mauro ricorda ancora quanto ha sofferto durante l’epidemia. “È stato terribile in tutto il mondo, ma in Italia è successo qualcosa di straordinario. Nel momento peggiore della crisi sanitaria del Paese, è arrivata in soccorso una squadra di medici cubani. Questo ha avuto un impatto sull’opinione pubblica nazionale, perché quando senti il ​​pericolo di morire e qualcuno ti sta aiutando, denota la tua vita e il tuo cuore.Simboleggi il valore dell’internazionalismo e questa verità che ho sempre difeso che la patria è l’umanità.

La Società Italiana di Solidarietà è stata fondata poco dopo l’invasione della spiaggia di Girón e dopo la morte di un giovane per protestare contro l’aggressione imperialista. Con la sua vigorosa attività rivoluzionaria, ha lasciato il segno nella fruttuosa lotta per la liberazione dei Cinque Eroi e più recentemente durante lo scoppio.

“Raccogliamo soldi per le donazioni”, ricorda Mauro Avello. L’associazione lo ha fatto a livello nazionale e il collegio elettorale di Marino, con circa 40 attivisti, ha ottenuto assistenza nell’ospedale pediatrico di Holguín, dove abbiamo consegnato forniture e medicinali”.

Andrea e Mauro sono una delle persone che credono e lottano per il miglioramento dell’uomo. E trovano ispirazione in questa piccola isola dei Caraibi, dove torneranno sempre.

“Ti è rimasto qualcosa che ti dice che devi tornare indietro, ci sono tante cose che vuoi scoprire, Cuba ti dà quella sensazione”, dice il segretario di circoscrizione di Marino.

“Non c’è città in questo paese che non ti piaccia, l’ho percorsa da nord a sud, da est a ovest, ed è tutta bella, proprio come la sua gente. È il centro di tutto, c’è storia in ogni angolo .”

READ  Nuovi musical, opere raffinate e un flusso di arte contemporanea a Madrid

“Mi sento a Trinidad come quando sono a Roma. Oltre alla storia, alla natura, alle montagne e al mare, sono affascinato dalla vita che respira nella città”.

Ed è Andrea che ora prende la parola: “Parlo a nome di entrambi. Andiamo a Cuba, rafforziamo la solidarietà, la sosteniamo in tutte le tribune, ma la rivoluzione ci dà più di quello che diamo noi. È il suo esempio, il certezza della sua capacità di lottare per un mondo più giusto.

“Per me l’Italia simboleggia la passione che provi per una madre a cui devi la vita. Cuba è come la compagna che trovi e non lasci più il braccio. Cuba è amore a prima vista”.