Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Migliore prognosi a lungo termine nei sopravvissuti a emorragia intracerebrale e intraventricolare

La maggior parte dei pazienti con grave emorragia intracerebrale che muoiono in ospedale lo fa dopo che è stata presa la decisione di sospendere le misure di supporto vitale.

Prevedere la guarigione futura, grazie all’inclusione di eventi ospedalieri passati, condizioni preesistenti e risposte ai trattamenti tipici. Foto: persiane.

Nuove e migliori previsioni per coloro che sono sopravvissuti grave emorragia intracerebrale (HIC) e emorragia intraventricolare (HIV) che inizialmente sembravano avere scarsi risultati funzionali a lungo termine ora

I ricercatori hanno analizzato i percorsi di esito funzionale in più di 700 sopravvissuti a ICH o HIV, che hanno mostrato risultati funzionali molto scarsi il giorno 30 dopo l’incidente.

Pertanto, è stato possibile determinare che oltre il 40% di questi pazienti ha avuto risultati positivi dopo un anno e un terzo era più attivo e indipendente; Così, anche dopo un anno, quasi i due terzi sono tornati a casa ei risultati sulla qualità della vita hanno mostrato una traiettoria ascendente significativa.

Uno dei migliori risultati è dovuto alla previsione del recupero futuro, grazie all’inclusione di eventi ospedalieri passati, condizioni preesistenti e risposte ai trattamenti tipici.

“Il messaggio principale che portiamo a casa da questo studio è che l’approccio per molti pazienti affetti da ICH deve cambiare”, ha affermato l’autore senior dello studio Wendy Ziay, MD, MPH, direttore medico del Laboratorio neurovascolare e professore di neuroscienze al Johns Hopkins Hospital. Baltimora, Maryland. Ha anche sottolineato: “I dati supportano periodi di valutazione più lunghi per i pazienti con ICH con l’osservazione degli eventi in ospedale e la risposta al trattamento per fornire una migliore comprensione del Recupero di lunga durata“.

profezia?

Storicamente, l’ICH è stata diagnosticata al momento del ricovero e la maggior parte dei modelli prevede esiti a breve termine. La maggior parte degli studi inoltre non descrive Recupero di lunga durata tra le persone con disabilità primaria grave.

READ  La dura dichiarazione di ospedali e cliniche dopo l'allentamento in alcune città

La maggior parte dei modelli predittivi include fattori di gravità dell’IVH al basale ma non considera comorbidità, interventi ospedalieri e complicanze, mentre le scale di valutazione dell’IVH in genere includono solo il volume dell’IVH al basale, ma non l’espansione, la riduzione del volume o l’idrocefalo dell’IVH, che “può” Colpisce anche guarigione.”

“La maggior parte dei pazienti ICH che muoiono in ospedale lo fa dopo che è stata presa la decisione di ritirare le misure di supporto vitale, perché gli operatori sanitari sono consapevoli dell’alto potenziale di scarsi risultati a lungo termine”, ha affermato il dottor Zia.

Ha continuato: “Queste decisioni possono portare a una profezia che si autoavvera di scarsi risultati”, affermando: “Anche gli ordini di non rianimare sono associati a un aumentato rischio di morte e possono ridurre la probabilità di un esito funzionale favorevole se inseriti precocemente”.

Per valutare i percorsi di esito 1 anno dopo l’ICH, i ricercatori hanno eseguito un’analisi longitudinale post hoc di 500 pazienti con IVH spontanea ostruttiva che sono stati randomizzati ad alteplase intraventricolare o placebo nello studio CLEAR-III e 499 pazienti con ICH sopraventricolare spontaneamente significativa senza IVH ostruttiva. L’HIV è stato randomizzato alla coagulazione stereotassica o alla terapia standard nello studio MISTIE.

Entrambi gli studi erano equivalenti per l’endpoint primario di miglioramento dell’esito funzionale, ma hanno riscontrato una significativa riduzione della mortalità nei gruppi di trattamento attivo rispettivamente a 180 giorni e 1 anno.

L’ultimo gruppo raggruppato comprendeva 715 pazienti sopravvissuti fino al giorno 30 con un punteggio della scala Rankine modificata (mRS) di 4 (29,5%) o 5 (69,5%). La loro età media era di 60,3 anni, 58% maschi, 68,6% bianchi, 24,3% neri, 13,7% ispanici.

Le caratteristiche di base includevano età, sesso, razza, etnia, comorbilità correlate all’ictus, punteggio della Glasgow Coma Scale e punteggio della National Institutes of Health Stroke Scale (NIHSS), nonché volumi dell’ematoma (misurati al ricovero, alla stabilità di ICH e IVH ., al termine del trattamento e al giorno 30 di registrazione per entrambi gli studi).

READ  Un evento storico ha dimostrato la necessità di nuove politiche sanitarie per i malati di epatite C

L’outcome primario era l’mRS a un anno, con valutazioni in entrambi gli studi eseguite ai giorni 30, 180 e 365.

I pazienti sono stati divisi in due gruppi in base all’esito a un anno di “buono” (mRS 0 – 3) e “scarso” (mRS 4 – 6).

Gli esiti secondari erano la mortalità a 1 anno, la sospensione del trattamento di sostegno vitale, la dimissione domiciliare e il punteggio di qualità della vita sulla scala europea degli analoghi visivi.

Evitare la sospensione precoce dei trattamenti di sostegno vitale

In un anno, il 18% dei partecipanti è morto, il 43% ha ottenuto punteggi mRS da 0 a 3 e il 64,6% dei sopravvissuti è tornato a casa una media di 98 (da 52 a 302) giorni dopo.

Dei 308 pazienti guariti con buoni risultati in un anno, il 95,4% è tornato a casa. Inoltre, anche il 41% di coloro che hanno avuto risultati costantemente scarsi nel primo anno è stato in grado di tornare a casa.

Nei modelli aggiustati per il gruppo raggruppato, i fattori presentati nella tabella seguente al giorno 30 erano associati a un recupero ridotto.

Il grafico è tratto da Medscape.

D’altra parte, la risoluzione di ICH (probabilità di aOR, 1,82; IC 95%, 1,08 – 3,04) e IVH (aOR, 2,19; IC 95%, 1,02 – 4,68) al giorno 30 è stata associata a un buon recupero. Ha lasciato.

Ulteriori fattori associati a uno scarso esito includevano una pressione di perfusione cerebrale inferiore a 60 mm, sepsi, ventilazione meccanica prolungata e la necessità di monitorare la pressione intracranica.

I modelli basati su eventi a trenta giorni “predicevano fortemente” un risultato a un anno (AUC, 0,87; IC 95%, 0,83–0,90), con “discriminazione significativamente migliorata” rispetto all’utilizzo dei soli fattori di rischio di base (AUC, 0,76; 95% CI, 0,71–0,80), relazione degli autori.

READ  Finalmente il Fitbit che ti dice che va bene non fare esercizio

“Sebbene non ci siano ad oggi interventi comprovati per i pazienti con ICH che migliorino definitivamente i risultati, la riduzione del volume dell’ematoma attivo, come studiato in questi studi clinici, è stata significativamente associata a una migliore capacità di differenziare i pazienti che hanno fatto il recupero funzionale. Scade dopo un anno, e Zia ha detto che chi non lo fa.

Ha affermato che i risultati “evidenziano l’importanza di promuovere un trattamento intensivo ed evitare il ritiro precoce delle terapie di sostegno vitale nella fase acuta dopo ICH”.

Effetti del cambiamento della pratica

Magdi Selim, MD, PhD, professore di neurologia al Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, Massachusetts, ha affermato che i risultati dello studio hanno “implicazioni per il cambiamento della pratica” e il recupero dopo un’emorragia malsana è “lento, ma è probabile che molti pazienti si riprendano. ” in modo aggressivo. cura e tempo.”

Saleem, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che i pazienti e le loro famiglie “dovrebbero essere informati che gli effetti di procedure aggressive potrebbero non manifestarsi a breve termine e che i pazienti con ICH hanno bisogno della pazienza dei loro caregiver e dei loro caregiver”.

Ha osservato che la maggior parte dei decessi dopo ICH sono il risultato del ritiro anticipato dalle cure “a causa della percezione di scarsi risultati a lungo termine con i medici e il trattamento familiare”. I risultati dello studio “indicano chiaramente che i medici e le famiglie dovrebbero essere cauti nel limitare precocemente la terapia intensiva per aumentare le possibilità di guarigione dei pazienti”.

Risorsa di consulenza quaggiù.