Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cos’è il silenzio delle immunoglobuline virali e perché è una causa di iperemia?

Le autorità sanitarie sono preoccupate per la diffusione dell’influenza e del virus respiratorio sinciziale in questo momento nell’emisfero meridionale

Ieri, domenica, il rapporto settimanale del Ministero della Salute della nazione ha riportato un aumento del 50,63% dei nuovi contagi con COVID-19 nel paese. Tuttavia, per settimane gli specialisti si sono preoccupati per il trading prevalente influenza S Virus respiratorio sinciziale In un periodo dell’anno in cui di solito non succede. Questo fenomeno è già stato registrato negli Stati Uniti e in Europa. Lo chiamano gli specialisti “triplo nel sangue”in connessione con un aumento dell’incidenza di tre infezioni virali contemporaneamente.

“La comparsa di una sola infezione respiratoria è motivo di preoccupazione. Quando due o tre iniziano a colpire una popolazione contemporaneamente, ciò dovrebbe metterci tutti in allerta”, ha avvertito giorni fa il direttore dell’Organizzazione Panamericana della Sanità (OPS), Carissa Etienne, che ha definito il problema una “tripla minaccia”.

consultato prima infobaeIl medico di malattie infettive Roberto Debag (MN 60253) ha descritto che “ciò che sta accadendo è che in alcune parti del mondo, e l’Argentina ne è un chiaro esempio, stanno soffrendo Le tre epidemie“COVID, il virus respiratorio sinciziale, che causa bronchiolite e sintomi persistenti di tosse osservati nei bambini – e polmonite negli adulti – e influenza”.

Il virus respiratorio sinciziale causa bronchiolite e sintomi di tosse persistente nei bambini (Getty)
Il virus respiratorio sinciziale causa bronchiolite e sintomi di tosse persistente nei bambini (Getty)

L’esperto che ha analizzato ha detto: “L’Argentina di solito ha un’epidemia di influenza, che si verifica nei mesi autunnali e invernali, e quest’anno l’abbiamo avuta anche a gennaio e febbraio, poi in autunno, e ora ne stiamo assistendo un’altra”. Questo è ciò che io chiamo un prodotto Silenzio immunitario virale Negli ultimi due anni ciò è dovuto al fatto che il pianeta non è stato in contatto con altri virus respiratori durante la pandemia. Oltre al basso tasso di copertura del vaccino antinfluenzale durante la pandemia che ha causato queste tre epidemie.

Riflettendo su ciò che ha portato a questa insolita epidemia di malattie respiratorie a metà primavera, il medico di malattie infettive Ricardo Tejero (MN 58065) ​​​​ha spiegato: “I virus respiratori circolano sempre durante tutto l’anno; quest’anno c’è stato un ritardo dovuto alla minore vaccinazione Influenza , soprattutto, e sono stati osservati più casi in un periodo di tempo più lungo e ciò significa che a metà novembre c’erano ancora casi di influenza”.

Per lui “lo smottamento è dovuto al fatto che quando c’è una pandemia e Riduce la diffusione del virus epidemico Altri virus respiratori iniziano a prendere il loro posto”. Ha osservato: “Questa è la spiegazione del fatto che l’influenza e il virus sinciziale sono persistiti fino a metà primavera”.

Sebbene siano tipici virus stagionali nelle stagioni autunnali e invernali, l'influenza e il virus respiratorio sinciziale si diffondono a metà primavera (Getty)
Sebbene siano tipici virus stagionali nelle stagioni autunnali e invernali, l’influenza e il virus respiratorio sinciziale si diffondono a metà primavera (Getty)

D’accordo con lui era il medico di malattie infettive Maria Cecilia Nicodemie (MN 105624), che “Sebbene la circolazione del virus dell’influenza e del virus sinciziale avvenga tutto l’anno (motivo per cui vengono vaccinati una volta all’anno), la circolazione di solito raggiunge il picco nei mesi invernali così come virus stagionali. Tuttavia, quest’anno è stato prolungato e i picchi si sono verificati dopo l’estate”.

“Il ragionamento è che la minore circolazione di altri virus respiratori durante il periodo in cui SARS-CoV-2 era dominante, combinata con una minore vaccinazione antinfluenzale, ora significa che il coronavirus si sta ritirando e altri agenti patogeni stanno tornando”. La dichiarazione è ampliata Uno specialista del personale del Centro medico Dr. Stambolian e della Clinica La Trinidad San Isidro. Data la bassa circolazione di altri virus durante gli anni dell’epidemia, è ovvio che ci sarebbe un picco di circolazione nei momenti in cui normalmente non circolano.

L’ignoto per lei “è quale comportamento assumeranno questi virus tipici nell’autunno e nell’inverno della nuova stagione fredda locale”.

Nell'ultima settimana, i casi di COVID-19 sono aumentati di oltre il 50% nel paese (Getty)
Nell’ultima settimana, i casi di COVID-19 sono aumentati di oltre il 50% nel paese (Getty)

In Argentina sono stati segnalati casi di persone infettate dal virus influenza – che causa l’influenza – è stato di 997.580 nel 2022. C’è stato un tasso cumulativo di 2.157,6 casi ogni 100.000 residenti. Ciò significa che i casi di influenza segnalati hanno già superato quelli degli anni precedenti la pandemia (2018 e 2019) e stanno per raggiungere i casi del 2017. Ci sono già stati 122 decessi per influenza quest’anno.

Il 19 di questo mese, il Ministero della Salute nazionale ha pubblicato un rapporto speciale a causa dell’aumento dell’influenza in primavera e nel contesto dell’epidemia. Ha riferito che l’82% dei 2.685 pazienti ricoverati con influenza non aveva ricevuto una vaccinazione antinfluenzale prima dell’attacco.

Inoltre, l’infezione da virus respiratorio sinciziale è aumentata significativamente, rappresentando A gravare sui sistemi sanitari da Canada, Messico, Brasile, Uruguay e Stati Uniti, secondo l’Organizzazione Panamericana della Sanità.

Quando il piano vaccinale sarà completato, ora con tre dosi di richiamo, l'organismo avrà protezione contro le nuove sottovarianti Omicron (Reuters)
Quando il piano vaccinale sarà completato, ora con tre dosi di richiamo, l’organismo avrà protezione contro le nuove sottovarianti Omicron (Reuters)

“Quello che sta salendo oggi è il COVID, anche se partiamo da una base bassa (su 300 casi andremo a 500/600) non dobbiamo smettere di insistere sul fatto che questo rialzo ha molto a che fare con il fatto che le persone hanno smesso di lavorare”, ha detto Tejero. Il numero di persone che si sono date uno o due rinforzi è molto basso nel nostro Paese ed è fondamentale tenerne conto.

READ  Octogens senza vaccino, 15 volte più probabilità di morire

Debagh ha aggiunto: “L’aumento del numero di casi si osserva in molti paesi e il motivo è che circolano nuove sottovarianti derivate da Omicron B5. Non è possibile parlare di focolaio pandemico, piuttosto si tratta della circolazione naturale di un virus pandemico che produce queste epidemie”.

L’esperto ha sottolineato: “È noto che per prevenire l’infezione con varianti derivate da Omicron, le dosi dei vaccini originali che hanno il maggiore effetto sull’immunità sono la terza e la quarta, e in Argentina il 30% della popolazione non ha ricevuto il terzo vaccino. E il 50% non ha ricevuto la quarta dose, il che significa che esiste un gruppo importante di persone che potrebbero non essere protette contro queste sottovarianti e dovrebbero essere vaccinate con la terza e la quarta dose”.

Continuare a leggere