Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa sta succedendo in Cile: morto un bambino e già 15 morti alla frontiera

Il Cile sta vivendo una situazione tragica tra i locali e gli immigrati che cercano un futuro migliore da questa parte del confine. Finora quest’anno ci sono già state 15 morti di persone che entravano illegalmente nel paese. L’ultimo bambino era un bambino di nove mesi che è morto tra le braccia di sua madre.

La bambina di 9 mesi era con i suoi genitori a Beseija, in Bolivia, cercando di attraversare il confine. La madre che la teneva in braccio cade e il bambino cade a terra e lei perde conoscenza. Hanno camminato lì per circa tre chilometri finché non hanno trovato assistenza sanitaria a Colchani, in Cile.

Come confermato dal medico che l’ha curata, è stata ricoverata senza segni vitali e molto secca, a causa del viaggio fatto dai suoi genitori. A Kulshan si registrano già quindici morti di immigrati. Sabato sono stati registrati altri due decessi.

Finora quest’anno, il Cile ha accumulato 23.000 immigrati clandestini che si sono stabiliti in cerca di un futuro migliore. Il maggior numero di persone attraversa il confine con la Bolivia, provenendo da Venezuela e Colombia. Da febbraio ad agosto, le autorità nazionali hanno effettuato un’operazione per espellere i cittadini stranieri privi di documenti.

Due settimane fa, il 25 settembre, circa 5.000 cileni hanno manifestato a Iquique contro queste persone. In una folla violenta, dove i locali si sono impossessati di stranieri e gli hanno dato fuoco, ci sono stati momenti di tensione.

Piazza Iquique è stata dichiarata in pericolo di salute per mesi da quando queste persone si sono stabilite lì con le loro famiglie. Questo punto del paese è essenziale perché è molto vicino al confine e dista solo 1.800 chilometri da Santiago del Cile.

READ  Il segreto di una mummia egiziana incinta e il suo trasferimento in Polonia