Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come la Spagna è passata dall’inflazione primaria alla fine del 2022 al minimo


  • Da dicembre 2021 ad agosto 2022, la Spagna ha guidato i tassi di inflazione tra le grandi economie dell’euro


  • A fine 2022 l’indice dei prezzi al consumo nel nostro Paese è sceso al 5,5%, rispetto al 9,6% della Germania.


  • Il presidente del Consiglio accoglie con favore questo dato e conferma che “le misure del governo stanno funzionando”.

Non era seria. Lo stesso presidente si era già congratulato con se stesso sul suo account Twitter ore prima. Il nostro Paese ha chiuso il mese di dicembre con una crescita dei prezzi del 5,5% rispetto al 9,2% dell’Eurozona.

“Eurostat conferma che abbiamo il tasso di inflazione più basso nell’area dell’euro. Abbiamo tagliato 5 punti in 5 mesi. Le misure del governo stanno funzionando”, ha detto Sanchez ore prima di partire per il Petanque e parlare di pensioni.

Tocco spagnolo

Il quadro non era sempre favorevole alla Spagna. In effetti, è cambiato drasticamente dall’estate. Non molto tempo fa, il governo è stato accusato di essere il paladino dell’inflazione in Europa, ma non era vero. Paesi come Lettonia, Bulgaria, Lituania e Repubblica Ceca hanno sistematicamente registrato una crescita dei prezzi più elevata della nostra. Tuttavia, quando il confronto è stato ristretto alle sole quattro grandi economie dell’euro, la Spagna è andata peggio.

Da dicembre 2021 ad agosto 2022 il nostro Paese ha registrato un tasso di inflazione superiore a quello di Germania, Francia e Italia. A luglio, quando il CPI ha toccato il picco del 10,7%, eravamo quasi due punti percentuali sopra la media europea. E in cinque mesi abbiamo fatto una tale trasformazione che ci siamo distinti dagli altri.

“Uno dei motivi principali del differenziale di inflazione in Spagna è l’elevata sensibilità del nostro CPI ai prezzi dell’elettricità del mercato all’ingrosso. La metodologia CPI in Spagna tiene conto solo della tariffa PVPCassociati alle fluttuazioni del mercato all’ingrossoNon contratti di libero mercato. Judith Arnal, un’economista, spiega che il forte calo dei prezzi dell’elettricità, stimolato in gran parte dall’eccezione iberica, ha innescato questo cambio di direzione.

Questo ha causato L’ondata di gas e il suo impatto sul prezzo dell’elettricità sono stati immediatamente trasformati Nel caso dell’inflazione in Spagna. Negli ultimi mesi, poiché il gas e l’elettricità sono diminuiti molto, anche l’indice dei prezzi al consumo è aumentato intensamente, ma questa volta è diminuito. Altri paesi riflettono la crisi energetica con maggior ritardo. La stessa Banca centrale europea (BCE) ha avvertito di prezzi più alti a gennaio in molti paesi a causa della revisione dei contratti energetici.

Fattori differenziali in Spagna per contenere l’inflazione:

  • Anche il tappo del serbatoio ha svolto il suo ruolo. Abbiamo avuto MWh fino al 41% in meno rispetto all’Italia. Il suo effetto di riduzione dell’inflazione è aggravato proprio da questo modo di misurare il costo dell’elettricità nel nostro CPI come se fosse “minuto per minuto”.
  • Bonus di 20 centesimi sul carburante Il prezzo della benzina è sceso artificialmente negli ultimi mesi. La sua rimozione dovrebbe ora riflettersi nella ripresa dei prossimi dati sull’IPC di gennaio. È affidabile che Riduzione dell’imposta sul valore aggiunto alimentare Effetto idratante.
  • tagli fiscaliSoprattutto quelli che incidono sull’imposta sul valore aggiunto che paga l’elettricità. In flat tax, cioè senza variazioni, il CPI del mese di dicembre è stato di tre decimi superiore all’ultimo dato registrato.

Cosa aspettarsi nei prossimi mesi? Sebbene l’inflazione sia ancora sconosciuta, la previsione è di moderazione. “Nelle ultime settimane c’è stato un forte calo dei prezzi dell’energia, se continua, Ci permette di essere ottimisti e di sostenere che l’inflazione nell’Eurozona continuerà su una traiettoria discendente“, afferma Arnal. Questo elemento sarà comune a tutti i paesi.

Classifica del 2021 e del 2022

Abbiamo chiuso quest’anno con il tasso di inflazione più basso dell’intera Unione Europea. Il confronto di queste valutazioni aiuta a ottenere una prospettiva. Questa è la foto del 2022:

E questo dalla fine del 2021. A quel tempo eravamo al centro del tavolo. Ancora una volta: la Spagna non ha avuto i peggiori dati sull’inflazione nell’UE.

Inflazione alimentare

Nell’immagine dell’indice dei prezzi al consumo per gli alimenti di base, la Spagna non registra il dato più basso. L’inflazione alimentare ha raggiunto il 15,7% alla fine del 2022 nel nostro Paese, secondo Eurostat. In Germania è stato di quattro punti percentuali più alto, ma Italia e Francia hanno registrato incrementi più moderati rispetto a noi.

Secondo l’analisi dell’Ufficio statistico europeo, i prezzi dei generi alimentari hanno risentito dell’elevato costo di beni e servizi consumati dal settore agricolo, aumentato del 30% nel 2022.All’interno di questo paniere si sono registrati significativi incrementi dei prezzi dei fertilizzanti (+87%) ed energia e lubrificanti (+59%)”.. Ciò spiegherebbe in gran parte il fenomeno osservato in tutti i paesi del carro.

La catena alimentare ha ancora molta strada da fare nel 2023, ha avvertito la Banca centrale europea nella sua ultima riunione di dicembre. In questo reparto il peggio non è successo.

READ  Sanchez firmerà un trattato di amicizia con Macron che metterà il rapporto con la Spagna al livello di Germania e Italia