Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Borich nella sua campagna di chiusura: “Ci uniremo per sconfiggere l’erede di questo governo e il Pinochet” | In attesa del secondo turno di domenica in Cile

da Santiago

Questo era giovedì Campagne Round 2 chiuse dalle elezioni Presidenza cilenaNotti programmate per questo domenica 19 dicembre È considerato da molti il ​​più polarizzante dal ritorno della democrazia nel 1989. Infatti: entrambi i candidati incarnano progetti non solo molto diversi, ma anche ancorati a periodi storici disparati.

Da un lato, Gabriel Borek viene da una nuova sinistra Nato dalle proteste studentesche del 2011 che cercano di rinnovare il rapporto dei cileni con l’economia, la tecnologia, i diritti dei cittadini, l’ambiente e la cultura. Il Cile è progressista, meno autoritario e aperto a cambiamenti senza precedenti indietro Personaggi come i precedenti presidenti Ricardo Lagos e Michelle Basilet anche nell’economia come Giuseppe Stiglitz o il filosofo Slavoj Zizek.

Dall’altro lato, José Antonio Casta, lei cEsercizio apostolico ammiratore dell’eredità della dittatura di Pinochet, Con antenati tedeschi hanno fatto parte dell’esercito di Hitler (sebbene non fossero nazisti secondo lui) e fratello di un ministro del dittatore. Il suo programma si concentra sulla polizia e sul controllo dell’immigrazione insieme a misure economiche risananti a beneficio delle grandi imprese. Sebbene sia stato accusato che la sua proposta sia stata caricaturale, è sufficiente vedere le sue interviste e pubblicità per chiarire che il suo grande spettacolo agli elettori è Ristabilire l’ordine e la disciplina che una volta era nel paese.

Non era un luogo scelto dai candidati per dettagli minori per iniziare un mandato che – per legge – non ci sarebbero più apparizioni pubbliche, interviste o pubblicità. Borek ha scelto Almagro Park, situato nel cuore di Santiago, A pochi isolati dal Palacio de La Moneda a sud, facile da raggiungere per qualsiasi cittadino. Kast invece lo ha fatto nel Parque Araucano, è un contenitore, nonostante il nome, che evocherebbe pretese indigene di uno straniero, per i cileni è il cuore di Vitacura, Il comune più ricco del paese, circondato da edifici ad accesso esclusivo, moderne autostrade, un centro commerciale con un’area di lusso e il più grande negozio Falabella del Sud America. Non ci sono dettagli minori di un candidato che Tagli alle tasse offerti su grandi fortune senza dedicare molto spazio alle richieste dei cittadini. Al contrario, suggerisce Borek, del Dignity Consent Group, che unisce il movimento di sinistra Amplio Front e il Partito Comunista che in Cile ha una tradizione democratica impeccabile, ha governato anche al fianco di Bachelet durante il suo secondo mandato.

READ  Le interruzioni di corrente mettono sotto controllo la dittatura cubana: strutture obsolete, abbandono e abbandono venezuelano

“Non passerà”

Verso le 19:40 Borek, con la sua camicia bianca e ormai la classica giacca beige, ha tenuto un discorso che ha commosso le migliaia di persone che erano arrivate molte ore prima, sopportando le temperature secche di 30 gradi, come alla fine della primavera in Santiago. Circondata da personaggi come il nuovo sindaco di Santiago, Iracea Hasler, e la carismatica Izekia Sechesis, che ha lasciato la sua posizione di presidente della scuola di medicina per sostenere la sua campagna (ed è stata nominata dalla stessa Michelle Bachelet nella rivista. volta come uno dei futuri leader.

borico Ha cercato di dare un messaggio di chiusura che è stato interrotto da due persone prive di sensi e si è assicurato che stessero bene in modo da poter continuare. La prima cosa è stata individuare le differenze con il suo concorrente: La candidata che propone una discriminazione contro le madri single sposate, che vuole costringere una donna stuprata a diventare madre. Diciamo loro di no, non passeranno. Siamo nel 2021Cittadini, e non permetteremo, insieme al movimento femminista, che ha cambiato le lenti con cui guardiamo a questo Paese, che le donne vengano utilizzate in questo modo nella campagna».

È difficile vedere la campagna del candidato del governo così terrificante. È tornato Pinochet! Il nostro paese non fa paura. È una soluzione speranzosa e definitiva. Cambieremo la ricetta per una migliore politica di sicurezza, una migliore presenza della polizia nei quartieri che ne hanno bisogno e informeremo gli spacciatori: non creeremo spazio per il traffico di droga”.

Borek ha tenuto un discorso potente di fronte a un’ondata di persone, raramente vista in tempi di pandemia con grida di “Si sente, si sente, capo Borek”. “Quando veniamo insieme siamo molto più forti. Veniamo insieme e dico che, oltre al fatto che ho 35 anni, mi sento parte di una pubblicazione storica. Siamo una generazione che impara da chi c’era prima e si unisce per sconfiggere la dittatura, uniamoci per la democratizzazione del Cile, e ci uniamo per ottenere una nuova costituzione, e ora ci uniremo per sconfiggere l’erede di questo governo e il Pinochet. Installa speranza in Cile “, ha detto in un voce rotta ed eccitata.

READ  Sono andati ad Haiti in missione di solidarietà

La morte della “vecchia”

Verso le 15:30, le trombe hanno cominciato a suonare nel centro di Santiago e la notizia ha cominciato a diffondersi nelle chat e sui social fino a quando non è diventata ufficiale: si è spento all’età di 99 anni. Lucia Herriart, moglie di Augusto Pinochet, Si dice che una donna controversa sia dietro a importanti decisioni della dittatura come mantenere lo squilibrato Manuel Contreras come direttore della Direzione dell’Intelligence Nazionale o gestire le donazioni di coloro che hanno sostenuto il regime. In Cile, infatti, sono state fatte molte battute sulla sua morte, e c’era un account Twitter che avvertiva quotidianamente se la donna fosse ancora viva o meno.

Per questo i festeggiamenti in piazza Baquidano, ribattezzata piazza de la Digendade, e che riuscirono a fermare il movimento, non furono così strani. Tuttavia, questa può essere letta come una celebrazione redentrice: è morta impunemente proprio come il suo famigerato marito. Tuttavia, questo fatto era un segno di chiusura delle campagne.

Mentre Caste ha cercato di prendere le distanze dall’argomento, nonostante il suo sostegno ai criminali condannati per violazioni dei diritti umani che si trovano nel carcere VIP di Ponta de Bioco, solo ora ha indicato in un’intervista radiofonica: “Non sono vicino al famiglia, ma non sarà un funerale privato, è di proprietà della famiglia”. Ha aggiunto che “invece di fare le condoglianze alla famiglia, lo lascio come un fatto umano (….) ci sono persone che festeggiano, ma non è quello che ci si aspetta”.

Borek è stato più schietto e ha compilato ciò che molti cileni credevano su Twitter: “Lucia Herriart muore impunemente nonostante il grande dolore e la divisione che ha causato nel nostro paese. I miei saluti alle vittime della dittatura di cui faceva parte. Io non celebriamo l’impunità o la morte, lavoriamo per la giustizia e per una vita dignitosa, senza cadere in provocazioni o violenze».

Riassunto più che scontato dei due punti di vista, sono praticamente inconciliabili, e domenica si affronteranno per governare la nazione transandina.

READ  Pensava che gli facesse male il collo per aver guardato la TV, ma è stata la diagnosi peggiore: "Sono paralizzato".