Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aspettatevi un’ulteriore crescita del PIL dovuta ai consumi e alle esportazioni

Vincere la competizione calcistica più importante del mondo può portare non solo soddisfazioni personali e momenti di gioia nella comunità, ma anche ricadute positive sull’economia. Secondo studi recenti, il Paese che ha vinto la Coppa del Mondo potrebbe assistere a benefici a breve termine che vanno oltre il livello atletico e l’assegno che riceverà la squadra, che sarà nel caso di Qatar 2022 di 42 milioni di dollari.

Ad oggi sono disponibili almeno tre documenti che supportano questa idea, tutti preparati da economisti stranieri. Il primo risponde ai professionisti David Sands e Natalie Malek: La loro ricerca indica che dai Mondiali del 1990 in Italia, i vincitori hanno aumentato il loro prodotto interno lordo (PIL) medio dell’1,6% rispetto al limite abituale.

Per i ricercatori, “Questo potrebbe portarci a credere che ci sia un effetto positivo nel vincere una Coppa del Mondo, sia attraverso un morale migliore o migliori prospettive di consumo”.

Una seconda approssimazione a questa ipotesi, ancora priva di rigore scientifico, è una recente indagine dell’economista Marco Melo, dell’Università del Surrey. Nel suo articolo, “A Blow to PIL: The Impact of Winning the World Cup”, ha concluso che una nazione vincente sperimenta un aumento del PIL di 0,25 punti percentuali nei due trimestri successivi alla vittoria di una nazionale. Questo è il risultato della tendenza generale che ha riscontrato in sei paesi che sono riusciti a diventare campioni dal 1962 ad oggi:

Brasile, Germania, Italia, Francia, Inghilterra e Spagna.

Nel dettaglio delle spiegazioni, è chiaro che i paesi hanno aumentato le loro esportazioni in media del 6,2% durante il primo trimestre dopo il completamento. Pertanto, l’afflusso di valuta estera ha mostrato un leggero miglioramento, che ha avuto un impatto sulla bilancia commerciale e in parte sul livello dell’attività economica. Tuttavia, è consapevole che il risultato a breve termine non influisce sulla dinamica degli investimenti perché non vede “effetti statistici significativi”.

READ  Cosa pensano gli spagnoli di un reddito di base universale

È qui che si inserisce il terzo rapporto, in questo caso dei ricercatori Juan Nicolau e Abhinav Sharma, del Virginia Tech. Il documento si concentra sulla disparità delle azioni delle società turistiche quotate in borsa con sede nei paesi vincitori. D’altra parte, si nota che la Spagna, vincitrice della Coppa del Mondo 2010, “ha mostrato un impatto positivo sul turismo nel suo paese”, ma non ci sono state differenze nell’azione delle catene alberghiere e delle compagnie aeree durante o dopo la finale. torneo. Hanno analizzato gli stessi movimenti in sei società in Francia dopo la loro vittoria nel 1998. 4 dall’Italia (2006) e 5 dalla Germania, nel 2014. Poiché i prezzi non sono stati influenzati da cambiamenti improvvisi, la conclusione degli specialisti è che l’attività nel mercati non è decisivo per confermare se sia stata l’economia del paese vincente a beneficiarne.

Tuttavia, poiché la bibliografia non è sufficiente, rimane valida la questione di un legame tra un paese vincitore della Coppa del Mondo e la crescita economica. In un dialogo con questo mezzo, anche specialisti nazionali si sono espressi al riguardo.

Il libro è stato scritto dall’economista e giornalista Sebastian Campanario Economia insolita. Lì spicca il punto di vista che ha ottenuto dagli analisti della banca HSBC: dal 1966, l’indice comune del mercato azionario di tutti i paesi che hanno vinto l’evento ha superato la media complessiva del 9%. Racconta volta Che gli studi sull'”economia dei Mondiali” sono riusciti a diventare di moda “prima dei tre Mondiali” e “tutte le banche d’affari hanno pubblicato il loro rapporto su questo argomento”, guidate da una logica di marketing che ha cercato di citare. Sebbene ritenga che l’impatto economico possa verificarsi, sarà “a brevissimo termine e insignificante in termini di crescita economica”.

READ  Al via la più grande fiera del settore delle materie plastiche in America Latina

Per Hernan Letcher, direttore del Centro argentino di economia politica (Cepa), “c’è chi sostiene che vincere abbia un effetto positivo sulla crescita dell’economia”. Tuttavia, non è propenso a sostenere questa ipotesi. “Penso che potrebbe esserci un impatto sui consumi in generale, in particolare sulla vendita di televisori, abbigliamento e forse nei settori gastronomici”, afferma. Inoltre, “il clima festivo potrebbe avere qualche effetto sui maggiori consumi, anche se questo non è stato dimostrato”.

volta Ha anche parlato con il direttore di EPyCA Consultores, Martín Kalos. Lo specialista ipotizza che lo scarso potenziale di crescita possa essere associato a “un senso di benessere generale, maggiore disponibilità e produttività al fare e lavorare”. Inoltre, si stima che vincere il Mondiale “dà una sorta di notorietà internazionale, mostrando capacità organizzative in nazionale”, che “potrebbe generare un aumento dell’export”.

Infine, sottolinea che “l’aumento della domanda di beni o servizi direttamente correlati alla squadra di calcio creerà una sorta di impatto a breve termine”. «

L’effetto si sente già

Secondo un rapporto dell’Institute for the Study of Inclusive Consumption (INDECOM), i consumi di beni legati ai Mondiali sono aumentati del 20% rispetto al mese precedente l’inizio della competizione sportiva. Nel dettaglio, l’indagine evidenzia che il settore dell’abbigliamento, guidato dalle maglie e dai pantaloncini della squadra argentina (siano essi originali o di imitazione), insieme ai palloni ufficiali della competizione, è in testa alla classifica stipendi con un aumento del 24,1 per cento.

Seguono i regali per le feste (palloncini, corna, truccabimbi, ghirlande) con un incremento del 22,4%, e al terzo posto gli articoli per la casa e l’elettronica (poltrone, radio, cellulari, smart tv) con un incremento del 19,3%. In ogni caso, rispetto agli acquisti registrati durante i Mondiali di Russia 2018, INDECOM evidenzia un calo delle vendite di prodotti elettronici, come televisori e cellulari, con un calo significativo del 33,5%.

READ  Questo è il momento esatto in cui le docce dovrebbero continuare nel 2023 per risparmiare acqua ed energia

Lo studio è stato condotto su un totale di 186 negozi, 18 portali di vendita online e 23 centri commerciali.