Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea cerca un accordo definitivo sul gas cap, con scadenza lunedì

Dall’inizio della guerra in Ucraina a febbraio, i paesi che compongono l’Unione Europea hanno persino creato Nove pacchetti di sanzioni economiche contro la Russia per annullare l’invasione. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità, Il presidente russo Vladimir Putin Il Cremlino non ha abbandonato i suoi sforzi, ma per ogni azione intrapresa dall’Europa, il Cremlino risponde con una nuova minaccia o avvertimento. Da quando è iniziata l’istituzione del potere di veto nell’economia russa, i ventisette hanno discusso una decisione ritenuta fondamentale, quella di fissare un tetto massimo per le importazioni di gas russo nell’Unione europea. Scadenza Lunedì i ministri dell’Energia dell’Ue devono concludere complesse trattative che hanno “dirottato” altri due importanti regolamenti. per rispondere alla crisi energetica.

I capi di Stato e di governo dei Paesi dell’Unione Europea hanno riflettuto sui risultati del vertice di giovedì scorso, adottato all’unanimitàIl Consiglio europeo si compiace dei progressi compiuti e invita il Consiglio a concludere i suoi lavori il 19 dicembre 2022. Quel documento include una data specifica, che è questo lunedì, un emendamento rispetto alle precedenti bozze che EFE ha consultato in cui si sottolineava anche questa urgenza, ma senza troppe specificità.

I due blocchi di Paesi che vogliono la stragrande maggioranza dei gas, tra cui Italia, Spagna, Grecia e Belgio, e quelli che sono riluttanti a intervenire nel mercato, come Germania, Paesi Bassi e Ungheria, si sono avvicinati in passato ai centri mesi. Ma non è stato ancora deciso, tra l’altro, prezzo per questa copertura. “Il prezzo sarà al centro della discussione”, afferma una fonte diplomatica.

Dopo mesi di dibattito, la Commissione ha presentato a fine novembre la sua prima proposta di legge per fissare questo limite a 275 euro per megawattora (MWh) nell’indice dei futures TTF di Amsterdam, che lo scorso agosto ha toccato i 350 euro. Il tetto richiede anche a con una differenza di 58 euro Rispetto alla media di altri mercati internazionali di GNL, oltre ad alcune condizioni altalenanti.

READ  L'Italia sostiene di pagare il prezzo dello scontro energetico e militare sull'Ucraina con il debito dell'UE

Già nelle mani dei paesi, questo progetto è stato negoziato e si sta lavorando ora con AProposta per un plafond di 200 euro/MWh Con uno scarto di oltre 35 euro al prezzo medio della tre giorni di mercato del GNL, e un “corridoio dinamico” che fa evolvere questo cap sulla base della divergenza con gli altri mercati internazionali.

Da allora è stato raggiunto un accordo anche sulla possibilità del suo impatto su altri indicatori europei meno importantiSi applica solo ai mercati regolamentati, escluse le operazioni speciali da banco (OTC). Sono state concordate anche clausole di interruzione e vi è la garanzia che verranno annullate in caso di una situazione di emergenza, come lasciare uno Stato membro senza rifornimenti perché non attira acquirenti. Ma non i termini di attivazione o il prezzo esatto.

L’accordo si basa sul cosiddetto “meccanismo di correzione del mercato”, che dovrebbe essere attivato all’inizio di gennaio, su altri due regolamenti che sono già stati concordati politicamente, ma i sostenitori del gas cap si rifiutano di adottarli formalmente fino al problema è risolto. Determinare il prezzo degli acquisti di gas.

Il primo è un regolamento elaborato d’urgenza per stabilire clausole di solidarietà tra i Paesi in caso di penuria di gas e le condizioni per l’avvio di una piattaforma congiunta di approvvigionamento del gas, che cerca di aggregare la domanda tra i ventisette Paesi e ottenere così prezzi più bassi. Il secondo è anch’esso un regolamento di emergenza per alleggerire le condizioni Approvazione di nuove infrastrutture energetiche rinnovabileAlla ricerca dell’Unione Europea per ottenere autonomia nel campo dell’energia, un settore che è stato in pericolo dall’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Afghanistan: von der Leyen: "Un miliardo di aiuti umanitari è subordinato ai diritti umani" | Economia

I tre dossier mirano a preparare l’Unione Europea al 2023 che si preannuncia particolarmente difficile in termini di approvvigionamento di gas, con consegne quasi nulle dalla Russia al Community Club e al mercato internazionale GLN con offerta limitata, che sarà esposto a maggiori pericoli se l’economia cinese si riprenderà. “Non credo che abbiamo attraversato le cose più difficili. Penso che dobbiamo prepararci seriamente per il prossimo inverno”, ha detto giovedì scorso il presidente francese a conclusione del vertice europeo, Emanuele Macroncondiviso dalla Commissione Europea e dall’Agenzia Internazionale dell’Energia.