Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uruguay: liberare il detenuto per il furto con scasso nella casa di Jorge Lanata a Jose Ignacio e la rabbia del sindaco

La casa di Jorge Lanata a Jose Ignacio è stata rapinata domenica scorsa

Domenica pomeriggio, due malviventi hanno tentato di rapinare la casa di Jorge Lanata a José Ignacio (Maldonado). Dopo ore, La polizia è riuscita ad arrestare uno dei presunti colpevoli, ma è stato rilasciato in assenza di un ordine di un giudice competente perché non colto in flagranza di reato.. Il sindaco di Maldonado, Enrique Antea, era preoccupato per il suo rilascio: “Questo ragazzo non sarà più qui e non saremo in grado di prenderlo”.

“Hanno svaligiato la mia casa a José Ignacio, ma non è successo niente: hanno staccato le telecamere e suonato l’allarme. Dalla sveglia è venuta gente. È entrato dalla finestra della cucina e hanno messo tutto sottosopra, immagino in cerca di indizi. Non l’hanno trovato perché non avrei lasciato lì i soldi, ha detto al giornalista su Radio Mitre “Questo non ha alcun senso”.

Per controllare la situazione attraverso le telecamere, chiama la padrona di casa per avvisarla. Quando gli agenti di polizia sono arrivati ​​sul posto, hanno potuto vedere una finestra del pianterreno rotta, un sistema di allarme danneggiato e due porte rotte, ma i criminali erano già scappati.

Dopo circa tre ore, La polizia ha arrestato uno dei presunti criminali: un uomo di 25 anni i cui vestiti corrispondono a quelli di una delle persone viste nel video. Secondo i rapporti, il detenuto ha precedenti penali.

“Era ovvio che se fossero entrati in casa mia entro 10 minuti, sarebbe stata piena di polizia, allarmi e tutti erano lì”, ha detto Lanata.

Tuttavia, il pubblico ministero nel caso Gabriela Carrancio ha ordinato la sospensione della detenzione e la citazione a testimoniare il giorno successivo. In caso di mancata comparizione per citazione, sarà immediatamente rilasciato un mandato di cattura perché è stato identificato il presunto autore.

READ  Il Mar Morto si ritira di un metro all'anno | Quali sono le ragioni e lo scenario futuro?

Il direttore delle comunicazioni della pubblica accusa, Javier Beniche, ha affermato che la decisione di rilasciarlo si basava sul fatto che “perché una persona possa essere detenuta, deve essere ordinata da un giudice competente o in flagranza di reato”. “In questo caso, non c’è stato un reato flagrante perché la persona è stata identificata quattro ore dopo l’incidente”, ha aggiunto.

La preoccupazione del sindaco

Il sindaco di Maldonado, Enrique Antea, era preoccupato per l’accaduto: “Oggi c’è stato un evento che mi preoccupava e che fortunatamente si è risolto bene in primis. Un noto ladro con precedenti di furti di Lanata, il giornalista argentino, è stato beccato in José Ignacio, e subito dopo, la polizia è riuscita, grazie alle macchine e alle telecamere, a spegnerlo. Ma la mia preoccupazione al riguardo è che un detenuto con una fedina penale vada all’ufficio del pubblico ministero e venga rilasciato per comparire entro 48 ore. Questo ragazzo non sarà più qui e non saremo in grado di prenderlo”.

Antaya ha detto:
“Non abbiamo nulla a che fare con questo, ma pensiamo che sia bene renderlo pubblico”, ha detto Antaya.

“Questa è una brutta notizia: che una persona con precedenti è stata rilasciata quando abbiamo saputo che veniva per rubare, è stato arrestato dalla polizia e rilasciato sul posto; non può‘ ha lamentato il sindaco.

Inoltre, parlando alla stampa, ha fatto riferimento a Lanata: “Sai di cosa parlerà quest’uomo? Di cosa parlerà è impressionante. Parlerà bene della polizia, ma allo stesso tempo parlerà male sull’ufficio del pubblico ministero.

Lanata, infatti, ha fatto riferimento all’azione della polizia: “Allo stesso modo, guardate la polizia uruguaiana. Nel giro di un’ora e mezza ne hanno arrestato uno, ed è chiaro che se ne arrestano uno non saranno vicini a poterlo arrestare l’altro.”

READ  "Manteniamo la tradizione del laissez-faire"

Continuare a leggere: