Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un incedere originale che non si ferma mai |  Il percorso degli antenati andini di Qhapaq Ñan e della progressione

Un incedere originale che non si ferma mai | Il percorso degli antenati andini di Qhapaq Ñan e della progressione

– Nel paesino di Santa Rosa de Castel a Salta, dove abito presso le rovine di una città originaria che contava 3.000 abitanti, 18 famiglie hanno contestato il fatto che mantelloChe cosa incendi Sistema Percorso andino che va dal Perù attraverso la Bolivia, l’Ecuador e la ColombiaE Argentina e Cile- Essere dichiarato Patrimonio dell’Umanità. L’Unesco ci ha detto che il turismo stava arrivando e abbiamo chiesto loro “Come faremo a prendercene cura se non abbiamo servizi igienici o acqua, a parte un fossato?” Ma questo ha fatto sì che la contea ci portasse acqua e servizi igienici molto buoni. Abbiamo un’antica città di pietra proprio sopra le nostre case su una collina. Lì siamo andati a cercare le pecore dei ragazzi. I nostri antenati ci hanno detto che non dobbiamo toccare nulla e che è sacro. Non sapevamo cosa fosse, ma lo sentivamo nostro; Ci sono i miei nonni. Quando ci hanno spiegato cosa fossero quelle costruzioni, abbiamo cominciato a guardarle in modo diverso. Ci è diventato chiaro che con la dichiarazione dell’UNESCO saremmo stati in grado di prenderci cura di loro meglio. E noi cambiavamo il punto di vista, e vedevamo che venivano a consultarci prima di fare qualsiasi cosa: cambiava tutto. Ora sono un attivista nel progetto QubaChe cosa Nan Il che li ha spinti a regolamentare la proprietà della terra da parte della nostra comunità”, dice Manolo Cuba, un insegnante che presto andrà in pensione, riferendosi all’Assemblea dei Popoli Indigeni a Qahabac Nyan Argentina.

Manolo Copa e Claudia Herrera – Lei è della comunità Huarpe Guaytamari a Mendoza – Sono arrivati ​​a La Rioja per la prima marcia federale – 22 giugno – tra le montagne Famatina a 3100 metri lungo parte del Cahapac Niñan, insieme ai direttori del patrimonio provinciale e municipale e agli archeologi delle sette province argentine con settori scelti dall’UNESCO per la loro conservazione: Salta, La Rioja, Jujuy, Mendoza, San Juan, Catamarca e Tucuman. E ci sono i direttori dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Pensiero Latinoamericano (INAPL) – alle dipendenze del Ministero della Cultura della nazione – che dal 2009 promuovono questo progetto – la dichiarazione è stata realizzata nel 2014 – e Il progresso sta preparando tutto per l’arrivo del turismo responsabileiniziata qui a La Rioja, nella città di Famatina.

Segreteria delle Culture – Provincia di La Rioja

passeggiata salafita

Il programma della giornata – che il lettore può ripetere con una guida autorizzata dalla Direzione comunale del turismo – è Lui cammina 3.5 Chilometri lungo questo marcio sentiero dell’America Latina. Il punto di partenza è passare per Tres Piedras sul lato della RP 78 – 28 km da Famatina – lungo una strada di montagna in un camion 4×4 ai piedi della catena montuosa Famatina ricca d’oro. due Rappresentanti del Consiglio dei Popoli Indigeniaccompagnato da Roberto Chumpica -cacique diaguita de La Rioja-, Conduci il rituale precedente di imbrattare l’ambiente con foglie di coca fumanti in una pentola: “Alziamo le mani verso est. Affinché ci illuminino in questa marcia federale, chiediamo alle guardie di questo luogo il permesso di camminare”, dice Claudia Herrera.

READ  Navi da guerra russe e cinesi hanno condotto il loro primo pattugliamento congiunto nell'Oceano Pacifico

Una volta aperto il collegamento con la Pachamama e il percorso stesso – anch’esso tema animato nella prospettiva del mondo andino – inizia la discesa.

Manolo Cuba va avanti come se niente fosse, nonostante i suoi 3100 metri: “Ho camminato per tutta la vita a QhapaChe cosa Nan! Questo è un percorso diretto: Qui è presente lo spirito dei nostri antenati; Qui tutto è vivo e anche la strada. Prima di entrare abbiamo chiesto il permesso; Uno gli parla, abbiamo un buon rapporto con gli spiriti”.

– La coppa non ha mai smesso di essere usata – dice Copa – LuiVi sosteniamo da prima dell’arrivo degli Incas. Non lo chiamiamo “Inca Trail”: Passò già parecchio tempo prima che arrivassero in questa zona intorno al 1450; Non siamo kollas – kollasuyu è il nome che gli Incas ci hanno dato per la parte meridionale del loro stato – ma buongustai. Gli Incas si appropriarono e migliorarono questi percorsi. Ma sono qui da meno di un secolo, cioè niente. Sto ancora camminando da Qhapaq Ñan da Tastil a La Mesada per visitare i parenti, un viaggio di 7 ore con i muli, portando merci. E conosciamo le tecniche rock per tenere il passo. Una volta venne un esperto dall’estero per restaurare la nostra parte di Qhapaq Ñan. Dopo cinque giorni se n’è andata: ha visto che stavamo sistemando tutto meglio di lei e non aveva niente da dare. Abbiamo pirqueado per tutta la vita! Guardi la pietra e sai se funziona per te o no; Il tetto piano “affronta il sole del mattino” – sono i primi a scaldarsi e ad andarsene – e il più approssimativo è il “volto interno”. E facciamo capannoni di pietra, qui non c’è filo.

diaguita in giro per il mondo

Mentre avanzava attraverso queste montagne, ora a La Rioja, che era il regno dei Diaguitas, Manolo racconta che a Salta continuò a coltivare le stesse papine andine dei suoi antenati: “Abbiamo iniziato ad annaffiare a luglio e abbiamo lasciato così tanta acqua che gelerebbe di notte; questo è il modo in cui uccidiamo tutti gli insetti senza erbicidi.”

READ  USA: le infezioni da COVID-19 nell'ultima settimana sono le più basse dall'inizio della pandemia

– Ti sei sempre sentito pastello?

– Non ho detto “Sono Tastil”, come adesso. Crescendo, ci siamo resi conto di essere indigeni.

– Eri consapevole di essere un cittadino?

No, non ho pensato a queste cose. Ho semplicemente vissuto. Poi abbiamo cominciato a renderci conto che il nostro modo di coltivare era diverso, così come il nostro modo di pensare e di vivere. e il rapporto con la Terra. La nostra vita è molto semplice e diversa dalla tua.

Daniel Duho (Segretario ai Beni Culturali della Nazione)

La parola archeologo

Dopo 20 minuti di cammino, l’archeologo Sergio Martin ferma il gruppo e presenta una master class nel mezzo di un anfiteatro di montagne seminascoste da nuvole basse:

– La parte che attraversiamo di Qab Nian è larga solo 3 metri, ma in altri punti ce ne sono ben 14 metri. Non ci sono strade qui: hanno rimosso vegetazione e rocce e hanno segnato i confini del sentiero con due file parallele di pietre. La nostra ipotesi è che questa parte sia stata creata per collegare due santuari di alta montagna con piattaforme rituali, dove avvenivano pellegrinaggi, offerte e sacrifici.

Lo studioso chiede che lo seguano per altri 500 metri e si fermino in un punto dove si possono vedere i due colli sacri, Overo -5.971 m- e General Belgrano -6.050 m–:

Si noti che qui è apparsa una nuova classificazione. La doppia corsia, due corsie parallele, una accanto all’altra, non sembra avere alcuna logica utilitaristica. Perché costruire due strade, una accanto all’altra, sullo stesso binario? La premessa è che si tratta di percorsi rituali in cui i pedoni si fermano a pregare prima di salire ai due santuari sopraelevati. In pochissimi luoghi di Qhapaq Ñan ci sono strade doppie ed ecco un’altra particolarità: Delle 228 riserve d’alta quota identificate a Tawantensuyu, nessuna è molto vicina l’una all’altra, separate da soli 10 chilometri.

Questo settore si trova lungo un piano tra due catene montuose, sempre in linea retta. L’archeologo indica Huanca, una roccia rosa posta al centro della strada come un punto di riferimento, circondata in cerchio da altre più piccole. Saranno stazioni di pellegrinaggio dove sostavano i viandanti che salivano per offrire sacrifici: “Da qui si vede la vetta del Negro Ofro”.

Successivamente Martin fa riferimento a un pendio, un livellamento artificiale del pendio per addolcirlo, tecnica utilizzata anche in prossimità della sommità dei Sacri Monti per facilitare la camminata, dove fa molto freddo e c’è poco ossigeno. Sul terreno compaiono pezzi di ceramica Inca e l’archeologo mette in guardia dal toccare qualsiasi cosa. Il rettilineo chilometrico si fa tortuoso e passa in un ruscello secco rinfrescato dalle piogge, dove gli Inca costruirono un masso di pietra lungo un metro, che è un accumulo di pietre tra le quali filtra l’acqua: senza bagnarsi, è rimasto fermo per mezzo millennio, senza malta.

READ  Il nuovo video aggiunge intrighi sulla violenta espulsione di Hu Jintao dal congresso del PCC

Il sentiero costeggia il fiume Achavel e una valle tra massi giganti. L’archeologo identifica scaglie di lame di pietra macinata e un manufatto frastagliato di pietra nera, mimetizzato tra le rade erbacce d’alta quota. Decine di migliaia di persone si sono trasferite qui migliaia di anni fa.

Daniel Duho (Segretario ai Beni Culturali della Nazione)

Gli Incas attraversarono la collina

verso la fine della marcia, Archeologo Christian Vitry –Direttore Generale della Conservazione e della Ricerca a Salta- Spiega che la percezione spaziale degli Incas era diversa da quella dell’Occidente, che fin dall’Impero Romano costruiva strade nella parte inferiore delle valli, che pensava fossero per il cavallo e il carro. Nel mondo europeo c’era la tendenza a vivere e coltivare nella “bassa”: i conquistatori vedevano la montagna come un ostacolo.

Nelle Ande – spiega Vitri – si è giocato questo contro di loro: “Hanno viaggiato sotto e gli indigeni hanno attaccato dall’alto. Ecco perché è stato difficile superarli in certi luoghi del nord-ovest con una resistenza che è durata più di un secolo. Nella visione del mondo originale, il fondo e le pianure – tinku – erano un luogo di scambio e approvvigionamento, Dove crescevano carrubi e chanaris, che davano legno e frutti. Hanno piantato sui pendii, livellando il terreno con terrazze agricole. Più si sacrificarono per costruire strade in alto, ma nella parte bassa furono distrutte da piogge e frane: grazie alle quali persistono ancora oggi. Queste pietre sono state poste ai nostri piedi 500 anni fa e non sono mai state spostate.

Per l’architetto italiano Francesco Careri, il percorso è l’ideale più perfetto dell’architettura: “Scompare quando smetti di usarlo”. Questo non è il caso di Qabaq Nian: essendo un percorso sopraelevato, non è mai coperto dalla vegetazione. E sono allo stesso tempo semplici e complesse, a meno che non ci sia un esplicito invito a cancellarle – fatica, tra l’altro – sembrano pensate per durare per sempre.