Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il sindaco che ha dato alla sua città il più grande impulso della sua storia ed è morto senzatetto negli Stati Uniti.

Il sindaco che ha dato alla sua città il più grande impulso della sua storia ed è morto senzatetto negli Stati Uniti.

Bend, Oregon. – Craig Kohner Ha contribuito a sviluppare la piccola città di Bend, Oregon negli anni ’80, quando ha raggiunto il suo livello più alto e Promuovere un enorme cambiamento che ha trasformato una città di disboscatori in un rifugio rurale per i super milionari del nord-ovest americano. Ma è morto all’età di 75 anni in un rifugio per profughi, ironia della sorte, con altri senzatetto.molti dei quali è riuscito a cambiare la vita mentre ricopriva incarichi di governo.

È una storia di successo e caduta, non senza colpa da parte sua nel suo disastro finanziario personale e nei confronti dell’alcol e della dipendenza.

Coyner è morto il 14 febbraio. “È straziante”, ha detto suo fratello minore, Tad Coyner, 58 anni, un ingegnere che vive ad Anacortes, Washington. “È così triste che sia finita così. Ha ancora molto da dare”.

La sua famiglia era composta da coloni, lavoratori di mulini, agricoltori e sviluppatori che arrivarono nell’Oregon centrale alla fine del XIX secolo. Suo padre, un avvocato, possedeva uno studio legale e l’edificio che ora è il Tower Theatre nel centro di Bend.

Bend, la sonnolenta cittadina che divenne rifugio di campagna per i milionari del nord-ovest americanoJoe Klein – NYTNS

Era un piccolo paese con case di legno, Bend ha subito un’incredibile trasformazione negli ultimi decenni, quando i ricchi nuovi arrivati ​​da Seattle, Portland o San Francisco scoprirono il posto come il perfetto rifugio di campagna. Da generazioni la famiglia Coyner ha alimentato lo sviluppo della zona con edifici che hanno conservato il fascino country del luogo. Ad esempio, c’è Bend Parkway, la strada principale della città, che lui e la sua famiglia hanno aiutato a progettare. Coyner Road, che attraversa i parchi della città. Le famiglie possono fare il bagno nel fiume Deschutes in estate e sciare sulle Cascades in inverno, fermandosi in una varietà di birrifici artigianali, ristoranti biologici, gallerie d’arte e l’ultimo negozio di video, un punto di particolare orgoglio della città. pianeta.

READ  Meloni: “Non mi sono mai sentito vicino a regimi antidemocratici, fascismo compreso” | Discorso di inaugurazione del leader italiano di estrema destra

Coyner, un brillante avvocato, è stato consigliere comunale di Bend dal 1981 al 1992. È stato sindaco per un anno nel 1984, seguendo le orme del suo bisnonno, sindaco nel 1911.

In precedenza, per oltre 30 anni è stato una forza creativa e tenace presso il tribunale della contea di Deschutt, prima come procuratore distrettuale e poi come avvocato difensore. Era noto per rappresentare anche il più spregevole dei criminali.

Craig Coyner III, il sindaco di Bend che muore indigente.

Koehner ha frequentato la Lewis and Clark Law School. In questo periodo sposò la sua prima moglie, Caroline. Hanno avuto due figli, ma in seguito hanno divorziato. Si è laureato a metà degli anni ’70 ed è andato a lavorare nello studio legale del padre. Divenne vice procuratore distrettuale e membro del consiglio comunale.

Tuttavia, nonostante la sua carriera pubblica apparentemente stellare, Queener Non era un santo.

Mentre lottava con la sua malattia mentale e il disturbo bipolare, Ha minacciato operatori sanitari e un ex collega. è stato condannato a Sette infrazioni e un crimine per aver sparato con un’arma entro i confini della città di Bend. Punito dall’Oregon State Bar per aver ripetutamente fallito nei suoi doveri di avvocato difensore, la sua licenza è stata sospesa alla fine degli anni 2000 e non è mai stata ripristinata.

RVs, un rifugio per senzatetto a BendJoe Klein – NYTNS

Quando il mercato immobiliare è crollato, Coyner ha iniziato a lavorare negli anni 2000 pro bono per le persone che hanno perso la casa. Per aiutarli a superare il processo di preclusione. Ha persino iniziato a far stare le persone nel suo cortile di fronte a Stover Park su Watson Drive.

READ  Karim Masimov arrestato con l'accusa di alto tradimento.

Infine, lo stesso Koehner ha vissuto la condizione di senzatetto come il culmine di un processo che ha avuto molti fattori aggravanti: Lotte familiari, malattie mentali, abuso di sostanze, la Grande Recessione e la morte della sua seconda moglie nel 2008.

Il 13 gennaio, Coehner è entrato in una casa di cura di St. Charles Bend con i piedi congelati, hanno detto gli operatori sanitari alla sua famiglia. Non è chiaro alla sua famiglia come sia successo, ma almeno una delle sue dita congelate è stata amputata.

Durante la sua permanenza, Koehner ha subito una grave astinenza da alcol e ha subito un ictus.

Ha vissuto gli ultimi giorni della sua vita in ospedale, quasi incapace di muoversi o parlare. Coyner è deceduto il 14 febbraio all’età di 75 anni.

Emek mostra una delle poche foto che tiene con suo padreJoe Klein – NYTNS

La sua morte ha spinto la sua famiglia e i suoi amici a cercare risposte con il modo in cui viveva. Come poteva un uomo, rispettato nella sua comunità, essere caduto così in basso?

“Sono arrabbiato con me stesso per non aver partecipato”, ha detto sua sorella minore, Christine Koehner, 48 anni, che lavora come controllore presso l’Auto Body di Mackin a Vancouver, Washington. “Viviamo una vita molto piacevole e confortevole, e io avrei potuto aiutare. I miei fratelli hanno una vita piacevole e confortevole, e noi avremmo potuto aiutare. Non so se l’avrei accettato prima, ma sono arrabbiato con me stesso e sono arrabbiato con il sistema.

È noto che molte persone hanno cercato di aiutare Coyner negli ultimi anni della sua vita mentre viveva in parcheggi, camere d’albergo, rifugi, badanti e persone care. Ma sembrava sempre ritirarsi da coloro che avrebbero cercato il suo aiuto.

READ  Tutto pronto per la partecipazione di Alberto Fernandez al Climate Change Summit | Il presidente è arrivato a Glasgow

“Voglio che le persone ricordino chi erano prima di diventare quello che sono”, ha detto sua figlia Emek Koehner, con cui sono cresciuti. Ma è andata a trovarlo in ospedale nelle ultime settimane della sua vita. Le strinse la mano, le strofinò le dita e le toccò il viso. Lo guardò addormentarsi e gli disse che le dispiaceva che non potessero più parlare. Lo amava.

Mike Baker

New York Times

Ulteriori informazioni su The Trust Project