Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Argentina condannata per crimini contro l’umanità a spese della famiglia di Julian Grisonas | Sentenza della Corte Interamericana dei Diritti Umani

L’Argentina è stata dichiarata colpevole dalla Corte Interamericana dei Diritti Umani di aver violato i diritti umani della famiglia Giuliano Grigioni, che ha subito rapimenti, torture e sparizioni nell’ambito di piano condor Durante l’ultima dittatura civile-militare che ha devastato il Paese, allo Stato è stato ordinato di indagare sui fatti. “Apprezziamo la sentenza e non abbiamo problemi a rispettare gli sforzi che ci chiede perché sono nella stessa linea in cui siamo stati per anni”, ha detto. Andrea BochakSottosegretario del Ministero della Protezione e della Comunicazione Internazionale per i Diritti Umani nel Paese.

Inoltre, la Corte interamericana ha esortato il Paese a “coordinare gli sforzi” per formare un gruppo di lavoro con Uruguay, Cile, Brasile, Paraguay, Bolivia e Perù entro un anno al fine di “indagare, estradare, perseguire e, se del caso, punire i responsabili di reati gravi commessi nell’ambito del piano criminale congiunto “tra paesi”.

La sentenza è stata emessa martedì. All’unanimità, la Corte interamericana ha stabilito che lo stato argentino è responsabile di Violazione dei diritti al riconoscimento della personalità giuridica, della vita, della sicurezza personale e della libertà personale di Mario Roger Julian Caceres e Victoria Lucia Grisonas Andregoskaite, due profughi uruguaiani in Argentina dal 1974 – Mario arrivò nel 1973, un anno dopo lo raggiunse il suo compagno con il figlio maggiore, Anatole – che furono attaccati dall’Operazione Combined Forces nel settembre 1976, uccisi e rapiti; Entrambi siete scomparsi da allora.

L’episodio si è svolto in 26 settembre 1976 a mezzogiorno. La coppia era a San Martin, a nord della Grande Buenos Aires, nella casa dove vivevano con le loro due figlie: Anatole, quattro anni, e Victoria, un anno e mezzo. L’attacco, come dettagliato nella sentenza della Corte Interamericana, è stato diffuso. E il risultato “orribile”, ha presentato Anatole in un’intervista a questo giornale. Mario è stato colpito mentre cercava di scappare. Victoria è stata picchiata e portata al centro segreto Automotores Orletti con i suoi due figli. Lì l’hanno torturata. Da allora non si è saputo più nulla di lei. Pochi giorni dopo, i bambini sono stati trasportati in aereo in Uruguay, dove sono stati detenuti presso il Servizio di informazione della difesa (SID) a Montevideo. Poi in Cile, dove furono abbandonati in un cortile.

READ  La Russia stabilisce un altro doppio record giornaliero di casi e decessi COVID e scopre una nuova variante delta

Sono stati adottati in Cile, dove vivono ancora. Ma non hanno mai saputo dove fossero i loro genitori. Ed è questo il motivo della condanna della Corte Interamericana dell’Argentina: secondo l’organizzazione, lo Stato ha violato i diritti di garanzie giudiziarie e di tutela giurisdizionale, riconosciuti anche dalla Convenzione americana sui diritti dell’uomo, a danno di entrambi, così come il diritto di conoscere la verità sui tuoi parenti scomparsi.

Fallimento fatale

La frase è composta da circa 100 pagine. “È davvero potente. La corte condanna la negazione della giustizia a uno stato che dice abbia già fatto ciò che è dovuto, quando è lontano”, ha detto Anatole, il figlio maggiore della coppia Julian Grisonas e attore con sua sorella.

Questa è la prima volta che la Corte Interamericana ha incriminato l’Argentina per i suoi atti e omissioni in relazione al suo dovere di indagare e perseguire i crimini contro l’umanità nell’ambito del Piano Condor.. Tuttavia, c’è un record delle sentenze dell’organizzazione internazionale sul piano regionale per i crimini contro l’umanità: il Paraguay è stato condannato nel caso Guipuro nel 2006 e l’Uruguay nel caso Gilman nel 2011.

L’Argentina ha perseguito i crimini dell’Operazione Condor dopo l’abolizione delle leggi sull’impunità e la condanna raggiunta Solo nel 2016. È stata emessa anche una sentenza che condanna il rapimento e la scomparsa di Victoria Grisonas, cinque anni prima, nel 2011. E nel 2017 ha assolto due poliziotti per l’omicidio di Mario Julian, decisione iniziata con una sentenza ostile della Cassazione nel 2019 È ancora in attesa di definizione da parte della Corte Surprema. A novembre 2020, infine, Quattro della repressione Orleti sono stati condannati per il rapimento e la tortura di Anatole e Claudia Victoria.

E mentre in La Corte interamericana “apprezza positivamente gli sforzi compiuti dall’Argentina per identificare gli autori dei crimini”. commessi contro le vittime di questo caso, e quindi indagare e punire le gravi violazioni dei diritti umani commesse nel periodo 1976-1983”. “Ci sono elementi che non sono stati del tutto chiariti”.. Va notato che in nessuno dei suddetti procedimenti legali gli imputati, dopo la loro condanna, hanno ammorbidito la loro decisione di rimanere completamente in silenzio sui crimini da loro commessi usando il potere dello stato nazionale.

READ  Il Dipartimento di Giustizia Usa ha formalmente accusato l'aggressore di Salman Rushdie di tentato omicidio e aggressione: "E' stato trattenuto in detenzione preventiva senza cauzione".

Precedente

Il caso ha raggiunto la Corte interamericana nel dicembre 2019. È stato portato dalla Commissione interamericana sui diritti umani (IACHR), che ha considerato il termine “dialoghi amichevoli che l’Argentina ha insistito che continuassero in quello stato senza fornire risposte specifiche” e ha fatto riferimento al figlio maggiore della famiglia, Julian Grisonas, promotore con la sorella di una causa in quella causa territoriale contro il Paese nel 2005.

La Commissione interamericana per i diritti umani si è rivolta in tribunale dopo aver concesso due proroghe all’Argentina per conformarsi a una serie di raccomandazioni affidatele nel maggio 2019 – sì, 14 anni dopo la petizione della famiglia. In generale, il consiglio dato dall’organizzazione internazionale al Paese è stato simile all’attuale sentenza del tribunale: “indagare in modo completo, imparziale ed efficace” sul luogo in cui si trova la coppia uruguaiana, “prendere le misure necessarie” per “individuare le loro spoglie e fare tutto questo” entro un termine ragionevole, al fine di chiarire compiutamente i fatti, individuando tutti i responsabili e infliggendo le relative sanzioni”, applicando misure riparative “materiali e morali” oltre alla salute, e quindi infine “- misure di ridondanza”.

L’istanza di Anatole e Claudia Victoria si basava su una causa civile da loro intentata nel 1996 su fatti che era stata accolta in primo grado, parzialmente in secondo grado, ma infine respinta in Cassazione, nel corso del 2007. Il tribunale ha rigettato l’istanza in quanto ” valutato”.

disposizioni

“È una sentenza che obbliga lo stato argentino a ricordare in modo tale che tutto il mondo possa ascoltare”, ha definito Anatole una serie di sentenze che l’organizzazione internazionale chiede all’Argentina, dalle procedure di indagine e chiarimento alla pubblicazione del caso. Passando, ovviamente, per compenso economico.

Dopo aver ascoltato il verdetto, ha detto Boczak, che evidenzia “abbiamo fatto un grande sforzo per spiegare alla corte il processo di memoria, verità e giustizia che abbiamo mantenuto insieme al movimento per i diritti umani”, il processo di perseguimento di questi fatti e la loro leggi compensative” e ritiene che “le procedure che ho ordinato tendono a rafforzarlo”.

READ  Un uomo armato ha preso degli ostaggi in una sinagoga in Texas, negli Stati Uniti

Intanto il sottosegretario ha sottolineato che lo Stato argentino “condivide molte sfide” a cui la Corte interamericana “fa riferimento nella sua sentenza”, tra cui il suo “avvertimento” Nessuna prescrizione per le cause civili, i ritardi nell’affrontare le cause come un problema, in particolare nei casi ricorsivi”. Al centro delle proposte del ministro della Giustizia della Nazione, Martin Soria, alla Corte Suprema nella sua ultima riunione.

Abbiamo ancora l’amaro in bocca per questo fallimento E poiché il processo di Memoria, Verità e Giustizia portato avanti dall’Argentina è un modello nel mondo, ha aggiunto Botschak, ma il nostro Paese finisce per essere condannato dalla Corte Interamericana di un caso specifico, per eventi che non rappresentano un progresso tutto. . Abbiamo la questione. In effetti, la sentenza non ha disposto alcuna azione sostanziale relativa alle nostre politiche di giustizia e risarcimento».

Infine, per quanto riguarda il gruppo di lavoro che l’Argentina dovrebbe rafforzare per indagare sul coordinamento repressivo con i paesi della regione, il funzionario ha spiegato che il punto “evidenzia il ruolo della leadership regionale che l’Argentina ha svolto in termini di sforzi per chiarire il piano Condor e quindi chiede l’approfondimento di questi sforzi”. Tra le prove che la Corte Internazionale di Giustizia ha preso in considerazione per la sua punizione c’è la dichiarazione dell’investigatore italiano specializzato in Blanc Condor, Francesca Lisa, che era un esperto dei fratelli Julian Grisonas. “Ho contribuito alle dichiarazioni conclusive della mia ricerca sui modelli di coordinamento repressivo in Sud America negli anni ’70” con l’obiettivo “di dimostrare che i cittadini dell’Uruguay e dell’Uruguay erano un obiettivo molto chiaro del “Piano Condor” e all’interno di questo universo, non è una percentuale molto alta del loro numero di attivisti del partito Victor”, ha spiegato l’accademico a questo giornale Le persone, come i genitori dei due fratelli Julian”.