Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una società argentina cerca di controllare Edesur

Attualmente, la società italiana Enel detiene la maggiore partecipazione in Edesur e non è soddisfatta delle condizioni commerciali locali

Recentemente, poiché Edesur Hanno affermato che la posizione della società è “insostenibile” nelle attuali condizioni commerciali. Questo scenario può portare a strette di mano e raggiungere I nuovi proprietari dell’operazione.

Oggi Edesur è controllata da Enel, una società italiana ha rilevato i disagi causati dall’attuale contesto di contenimento dei prezzi in Argentina. Mentre, L’interesse a rilevare la maggior parte delle operazioni viene dalla società locale inrkana.

Enercana, proprietà Osvaldo Porteno, imprenditore con una presenza nel settore petrolifero, era già in contatto con Enel Italia per portare avanti le trattative.

Sortino si è recato a Milano per presiedere i colloqui e valutare se Enel è pronta a ritirarsi dal mercato argentino. Nel mese di ottobre, infatti, ha assunto un servizio di consulenza internazionale con sede a Milano con l’obiettivo di promuovere l’acquisizione del pacchetto azionario, osserva il portale Econojournal.

Tuttavia, questa versione è stata per il momento ignorata da Edesur e negata di avere alcun collegamento con la prima pagina di Enel in Italia.

Enarcana mostra interesse per Edesur. Enel andrà in pensione?

Edesur: perché la situazione dell’azienda è ‘insostenibile’

Nonostante ottengano un aumento del 9% dei prezzi che applicano ai loro clienti, i distributori di energia elettrica continuano ad accumulare problemi finanziari e non possono invertire le enormi perdite che stanno subendo da diversi anni.

Nel caso Edisur è utilizzato per rappresentare graficamente la situazione precaria delle aziende dedite alla fornitura di energia elettrica a più di sei milioni di persone nel Territorio Federale della Capitale e in gran parte della provincia di Buenos Aires.

Le ragioni che giustificano un tale deterioramento dei conti di Edesur sono solitamente le stesse: tassi congelati, aumenti insufficienti, aumento delle spese, inflazione, svalutazione della valuta e, lo scorso anno, misure sanitarie e restrizioni imposte per combattere la pandemia di Covid-19.

La società redige bilanci che, dal 2010, riflettono non più di tre periodi positivi e altri sette periodi negativi.

Con un’importante eccezione relativa al saldo del 2019, quando ha riportato guadagni di $ 12,6 miliardi ma riflette una registrazione contabile associata allo scambio di debiti incrociati con lo stato nazionale che gli consente di mostrare un alto livello di redditività in questo saldo.

Inoltre, quest’anno, la società è di proprietà del gruppo italiano Enel accumulare una perdita di $ 14,836 milioni, che rappresenta un aumento del 180% rispetto ai 5.326 milioni di dollari persi nello stesso periodo del 2020, durante la pandemia di Covid-19.

Cioè, tra gennaio e lo scorso settembre, Edesur ha accumulato una cifra rossa di $ 1.648 milioni al mese, o $ 494 milioni al giorno, che rappresenta anche una perdita di $ 2,3 milioni all’ora.

Una bomba a orologeria Il governo non sembra pronto a disinnescare se si analizzano le misure prese finora con cui è stato aperto solo il tetto tariffario per concedere una revisione inferiore al 10% dopo due anni e mezzo di congelamento, contro il 100% inflazione accumulata dall’ultima revisione dei tassi nel 2018.

READ  La Commissione europea ha già 17 piani di ripresa dopo averli ricevuti dalla Croazia e dalla Lituania

L’azienda deve inoltre finanziare i costi di costruzione e manutenzione che continuano ad aumentare, nonché le spese materiali, i contratti con terzi e gli aumenti salariali concordati con l’associazione di categoria.

In questo quadro, le entrate di Edesur durante i primi nove mesi del 2021 sono diminuite del 20%, da $ 70 miliardi dell’anno scorso a $ 55.776 milioni nel periodo attuale.

In ogni caso, Claudio Cunha, Il direttore regionale di Enel in Argentina ha sottolineato il livello degli investimenti detenuti dalla società, che sono aumentati del 20%, “che ci hanno permesso di migliorare del 25% i tempi medi di servizio in inverno per ridurre la bassa tensione”.

Ma il funzionario ha avvertito che la situazione economica dell’azienda è “insostenibile e richiede una soluzione urgente da parte del governo”.

Che nonostante l’entrata in vigore della Delibera ENREN° 106/2021, che ha approvato un aumento medio del 9% del tariffario Edesur a partire dallo scorso maggio, i conti non si chiudono, la liquidità si riduce, il debito aumenta e lo scenario futuro diventa sempre più incerto , nel quadro dei rapporti con le autorità nazionali non sta andando bene e si aggiunge pretese da parte dei settori kirchneristi di annullare la concessione.

Infatti, la proposta di aumento della tariffa si è tradotta in un aumento del valore aggiunto della distribuzione (VAD) del 21,8%, non sufficiente a invertire la flessione dei ricavi, e nel trasferire alla tariffa la variazione stagionale dei prezzi, che è stata in sospeso.

Edesur ricorda inoltre che la Delibera ENRE 263/2021 ha creato nuovi tariffari con applicazione dal 1 agosto, che adeguano il prezzo destagionalizzato solo per le grandi utenze che richiedono ordini superiori a 300 kW. Per l’azienda ciò ha significato un aumento medio del tasso del 3,1% senza variazioni del VAD.

Nel caso dell’EBITDA, raccoglie un utile di $820 milioni nei primi nove mesi, mentre il risultato operativo (EBIT) è stato influenzato da minori ricavi e maggiori costi per ammortamenti dovuti al miglioramento degli investimenti effettuati. 12.131 milioni di dollari contro i 9.435 milioni di dollari dell’anno scorso, con un aumento del 29%.

Analogamente, la domanda di energia elettrica accumulata nella concessione Edesur è aumentata del 3,1% rispetto allo stesso periodo del 2020, raggiungendo i 15.520 GWh. Analizzando la domanda per tipologia di utenza, si evince che il settore residenziale ha registrato un aumento del 2,7%, mentre i consumi intermedi (settore commerciale) hanno registrato un calo del 6,8% a causa del forte impatto dell’epidemia e del contesto macroeconomico.

A loro volta, i consumi delle grandi commesse (domanda non residenziale maggiore o uguale a 300 kW) hanno portato ad un significativo incremento del 37% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

READ  Unione Europea: Bruxelles concede 800 milioni di euro in aiuti agli aeroporti e trattative con operatori in Italia a causa dell'epidemia

In termini di vendita di energia, ha raggiunto i 12.406 GWh, in aumento del 3% rispetto allo stesso periodo del 2020 quando era di 12.022 GWh, poiché lo scorso anno non si applicavano le stesse restrizioni di confinamento dovute alla pandemia, situazione che lo ha permesso. Lenta ripresa dei consumi, soprattutto nel settore industriale.

Il numero dei clienti è aumentato dell’1%, per la crescita del tasso di T1 – piccola domanda per uso residenziale, mentre le perdite energetiche accumulate negli ultimi 12 mesi sono rimaste al 18,4%.

data ricorrente

Durante il primo semestre dell’anno, Edesur ha già registrato una perdita record di $ 12,375 milioni, che è un solido aumento del 22% rispetto ai $ 3,879 milioni che ha perso anche nello stesso semestre ma nel 2020.

I risultati riflettono anche la forte crisi finanziaria che sta attraversando il distributore, che serve quasi 2,5 milioni di clienti da oltre due milioni di abitazioni e fornisce aziende e grandi aziende in un’area in concessione di 3.300 chilometri quadrati nel Distretto Meridionale della Federal Capitale e 12 distretti della Provincia di Buenos Iris.

Di fatto, è diventata la società di pubblica utilità che accumula le maggiori perdite dal 2010, considerando che i risultati negativi del primo trimestre di quest’anno dovrebbero essere aggiunti ai saldi negativi degli ultimi dieci anni, che hanno accumulato un totale di $ 11.400 milioni.

Se si confrontano questi numeri e si ricorda il rosso di 12.375 milioni di dollari tra gennaio e giugno scorso, si può dire che in soli sei mesi Edesur ha perso più di quanto non abbia perso nell’ultimo decennio. Nonostante il governo del presidente Alberto Fernandez abbia concesso un rialzo dei tassi del 9% entrato in vigore a maggio.

Claudio Cunha, Country Director di Enel Argentina, sostiene che Edesur è in una situazione difficile

Claudio Cunha, Country Director di Enel Argentina, sostiene che Edesur è in una situazione difficile

Già a quel tempo Cunha aveva stilato uno scenario grossolano sullo stato attuale dell’azienda, affermando che l’adeguamento tariffario non bastava a invertire la situazione.

“Dopo due anni di congelamento dei tassi, l’adeguamento del 9% ricevuto è insufficiente per mantenere la qualità del servizio di cui i nostri clienti hanno bisogno e lo sviluppo dell’economia del paese”, ha avvertito l’esecutivo.

In ogni caso, ha chiarito, “gli azionisti di Edesur continuano ad accompagnare, ma bisogna andare avanti con una soluzione definitiva, o tramite sussidi o tariffe”.

Tuttavia, le prospettive dell’azienda sono incerte, considerando la complessa situazione finanziaria e commerciale dell’ultimo decennio che è principalmente il prodotto dei congelamenti tariffari imposti dai governi di Cristina Kirchner, Mauricio Macri e Alberto. Fernandez.

Infatti, lo scorso anno ha visto anche il suo reddito diminuire del 25%, a causa dell’attuale blocco dei prezzi e di varie misure imposte dalle Decisioni di Necessità e Urgenza (DNU) e altre misure correlate, durante la pandemia.

READ  Il brasiliano che ha vinto la lotteria in Italia due volte in 20 giorni (e perché è stato indagato)

L’azienda operava in uno scenario di trappola dei prezzi, con costi e bilanci in aumento che descrivevano, anno dopo anno, la complessa situazione finanziaria che doveva attraversare.

Il distributore ha risentito anche della recessione e della crisi economica, poiché i suoi ricavi hanno continuato a diminuire a causa della minore domanda di energia dovuta al contesto macroeconomico avverso.

Solo nel 2018 e nel 2015 ha infatti ripetuto saldi positivi, con guadagni rispettivamente di 3.087 milioni di dollari e 1.330 milioni di dollari. Il resto dei bilanci degli anni che compongono l’ultimo decennio è scritto in rosso.

Nel 2010 ha perso 52,7 milioni di dollari. Nel 2011 è stato di altri 461 milioni di dollari, mentre nel 2012 il rosso è stato di 1066 milioni di dollari. Un anno dopo, ha subito una perdita di 1,16 miliardi di dollari; nel 2014 a 1.358 milioni di dollari.

Dopo un risultato positivo del 2015, nel 2016 è tornata sulla traiettoria negativa con una perdita di 276 milioni di dollari. Ha chiuso in rosso anche il 2017 a 1.046 milioni di dollari, ottenendo anche nel 2018 un risultato positivo, nonché il saldo del 2019 con la rettifica contabile sopra descritta in questa nota.

La fine del contratto è data dal conto economico per il 2020, quando è ripreso il binario dei moltiplicatori e ha chiuso nuovamente in rosso l’anno.

Come negli ultimi dieci anni, ha continuato senza dividendi e reinvestendo tutte le risorse disponibili al punto che l’anno scorso ha utilizzato $ 9.487 milioni per questo obiettivo e questo si aggiunge agli oltre $ 700 milioni investiti negli ultimi quattro anni (2016- 2019), un miglioramento nella riduzione della durata media dei tagli del 29%.

Al di là dei dati economici, il rapporto tra Edesur e gli stessi CEO del Gruppo Enel con il governo non è buono visto che le autorità nazionali hanno scelto di mantenere il congelamento; Hanno sospeso l’accordo tariffario che il settore aveva raggiunto con il precedente governo e stanno portando avanti due indagini contro l’azienda legate a una denuncia presentata da un gruppo di sindaci di Buenos Aires ea un incendio che ha causato un grave blackout lo scorso gennaio.

I settori del partito di governo che rispondono al vicepresidente Cristina Kirchner, infatti, stanno promuovendo la risoluzione del contratto di concessione e la nazionalizzazione del servizio che attualmente opera nel Distretto Sud di Buenos Aires e in 12 comuni di Buenos Aires (Almirante Brown, Avellaneda, Berazategui , Cañuelas, Esteban Echeverría, Ezeiza, Florencio Varela, Lanús, Lomas de Zamora, President Perón, Quilmes e San Vicente).

Scopri oggi stesso il valore in dollari del dollaro e monitora il prezzo e il comportamento minuto per minuto. clicca qui