Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ospedali tedeschi sotto stress di fronte alla nuova ondata del virus Corona

Primo emendamento: Ultimo aggiornamento:

Fresinga (Germania) (AFP) – A causa della mancanza di posti nel reparto di terapia intensiva, il personale dell’ospedale bavarese di Freising (sud) ha trasferito un paziente Covid-19 in una struttura nel nord Italia, una misura senza precedenti in Germania dall’inizio dell’epidemia di Corona virus.

Durante i 18 mesi della pandemia, agli ospedali tedeschi è stato chiesto regolarmente di prendersi cura di pazienti provenienti da paesi europei sovraffollati. Tuttavia, da ottobre, con la nuova ondata di Covid-19, la prima economia in Europa si chiede quanto durerà il suo sistema sanitario.

“La scorsa settimana abbiamo dovuto trasferire un paziente a Merano (Italia) perché non avevamo capacità di accoglienza e anche gli ospedali bavaresi circostanti erano pieni”, spiega Thomas Marks, direttore medico dell’ospedale di Freising, che ha una popolazione di 50.000. .

Con un’incidenza di 550 contagi ogni 100.000 abitanti in sette giorni, la Baviera è una delle regioni più colpite da questa ripresa della pandemia.

“Siamo al limite”, spiega preoccupato il dottor Marks, 43 anni. La sua unità di terapia intensiva ha attualmente 13 pazienti, “tre in più rispetto alla nostra capacità abituale”, ha detto. Cinque di loro hanno il COVID-19 e tutti non sono vaccinati.

A livello nazionale, il numero di pazienti affetti da coronavirus in terapia intensiva rimane al di sotto del picco raggiunto alla fine del 2020, ma gli ospedali sono più vulnerabili a causa di una grave carenza di personale sanitario.

“Non c’è una sola soglia oltre la quale possiamo dire che l’intero sistema sanitario crollerà ora”, afferma Gerald Gass, presidente dell’Associazione Ospedaliera Tedesca. Ma questa settimana ha detto al quotidiano Handelsblatt che ci sono già stati “segnali di allarme”, citando le tensioni negli ospedali della Baviera e della Turingia, un’altra regione particolarmente colpita.

READ  Le altre volte Cristiano ha scosso le aziende in Borsa

Personale esausto

Al Freising Hospital, il dottor Marks descrive un “grande malinteso” del personale ospedaliero di fronte a una situazione in peggioramento che, dice, era “prevedibile e avrebbe potuto essere evitata”.

Con un tasso del 67,7%, la Germania non spicca tra i paesi dell’Europa occidentale come uno dei più vaccinati.

Una donna attraversa un punto di test del coronavirus il 17 novembre 2021 a Berlino Stephanie Luce, AFP

Il Parlamento giovedì approverà con urgenza un disegno di legge per reimporre le restrizioni per cercare di arginare l’aumento dei nuovi contagi giornalieri, tra 30.000 e 50.000 questa settimana.

Il piano prevede un massiccio ritorno al lavoro a distanza e la necessità di un permesso sanitario per utilizzare i trasporti.

Il testo preparato dal governo di coalizione, che presto succederà alla maggioranza di Angela Merkel, dovrebbe consentire agli Stati di adottare misure contro le persone non immuni.

Molte regioni, tra cui Berlino, già vietano l’accesso agli eventi culturali e sportivi e persino ai ristoranti.

Questa volta, la situazione è più delicata negli ospedali tedeschi dove c’erano “4.000 letti di terapia intensiva meno di un anno fa a causa del personale sanitario oberato di lavoro, che ha lasciato il lavoro o ha ridotto l’orario di lavoro”, spiega Gernot Marx, presidente della Germania. Società di Medicina Intensiva (DIVI).

La carenza che il dottor Niklas Schneider, capo del servizio di terapia intensiva presso la clinica Schwabing di Monaco di Baviera, affronta quotidianamente. “Abbiamo molto meno personale specializzato rispetto alle prime ondate (di casi di COVID-19).”

Come a Freising, la sua unità di terapia intensiva è al completo e il dottor Schneider parla di una situazione “catastrofica”.

READ  Arancha Algas: quarant'anni nell'abbigliamento per bambini

Secondo la rivista Spiegel, solo un quarto delle 1.300 unità di terapia intensiva può funzionare a pieno regime, a causa della carenza di personale.