Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una pandemia in prima persona: memorie di un paziente…

“Come mai prima, alcuni media danno telecamere e audio agli infermieri e parlano dal loro silenzio. Dicono un crollo della salute, e parlano di pazienti che sono stati sacrificati in questa epidemia, parlano dei loro sacrifici e delle loro mancanze. Parlano e dicono… ma il comportamento della società è come una folla da circo romano. Ha consumato quella novità per curiosità. Il messaggio SOS di coloro che sono al centro della tempesta e che hanno raccontato gli orribili effetti della pandemia perde di significato».

“Oggi, ad esempio, qualcuno stava morendo su una barella in attesa che qualcuno morisse quando il tubo veniva inserito in modo da poter avere accesso a un ventilatore salvavita. In mezzo a una guardia in eccesso, con tutti i ventilatori occupati, ci sono volute dieci ore di dolore, fino a quando finalmente si è verificato il posto vacante previsto e abbiamo proceduto ad intubarla, senza perdere tempo, nel letto caldo di una persona “trasportata”.

L’epidemia è una bufala? Dovremmo tornare alla fase zero? È lo stesso per noi che le persone vivono o muoiono, non importa come e perché? Chi deve svegliarsi, persone, operatori sanitari? E nello stesso tempo l’infermiere sarà presente come sempre prima e dopo l’esito fatale o glorioso, e terrà per sé il peggio: l’oblio e il mancato riconoscimento della loro professione”.

L’account in prima persona appartiene a Infermiera presso Durand Modesto Alvarado Hospital. L’ho scritto dopo averlo letto nota di copertina da Pagina 12 che descriveva lo stato di crollo sanitario della città e affrontava per la prima volta ciò che è oggi drammatico e pubblicamente accettabile quotidiano: in molte occasioni, Negli ospedali si sceglie la persona che potrà accedere al ventilatore – la persona con le migliori possibilità di sopravvivenza, età più giovane o malattie pregresse; C’è una rotazione “hot bed” che consente solo uccisioni.

Alvarado chiede che i media smettano di parlare di “crollo”: “Questa parola era assurda, non significava più nulla. La gente è diventata insensibile alla morte”, dice, visibilmente infastidito da questa verifica.

Lo dici quando le statistiche lo mostrano Il più alto tasso di occupazione dei letti di cura è stato raggiunto dal Covid dall’inizio della malattia: 7.731 posti letto a livello nazionale questo sabato, in aumento di oltre il 50% rispetto ai massimi dello scorso anno.

La storia di apertura è l’ultima entrata in L’essere-DX Nursex giocoIl quotidiano che l’operatore sanitario pubblica su Facebook dall’inizio dell’epidemia. Leggerlo significa rivedere l’andamento non solo di un virus inedito quanto tenace, in un primo momento molto sconosciuto. Conferma anche che miseria Un sistema che non è cambiato di fronte all’urgenza o all’eccezione, le cui carenze sono diventate invisibili e i suoi pericoli incarnati per pazienti e lavoratori.

***

Capitolo quattro: “È con tristezza e paura che ho ricevuto la notizia che tre dei miei colleghi colleghi della guardia hanno contratto il Coronavirus e che sono tenuti nella stessa guardia mentre lavoriamo. Sento il cerchio chiudersi vicino a me e l’unico partner rimasto nel turno. Ora siamo più esposti che mai al virus, perché dobbiamo lavorare con più pazienti. Il tempo di esposizione e il numero di pazienti che vedremo determineranno il nostro inevitabile incontro con il virus. “

READ  UNESCO e OMS aiutano le scuole a migliorare la salute e il benessere di 1,9 miliardi di studenti1,9

***

Medicina Interna

Modesto Ever Alvarado Lopez lavora al Durand Hospital da sette anni. Il suo primo lavoro è stato un tecnologo elettronico. Ho studiato infermieristica dopo aver “fondato la fabbrica di addolcitori in cui lavoravo”. “Era un modo per spostarmi in un mercato che non aveva più spazio per quello che potevo fare io. Ma Ho sempre avuto una sensibilità sociale‘, avverte.

Da lì a scoprire di avere la “capacità” di interpretare e saper agire in situazioni critiche, è stato un passo naturale. Alvarado descrive il “duro training” coinvolto nell’infermieristica: corsi tecnici, bachelor, stage e stage in prima linea non retribuiti.

“Mi è sempre venuto in mente che non ci sono dati reali sull’infermieristica in Argentina. Ho chiesto ai miei colleghi cosa hanno provato quando hanno visto che la scuola per infermieri si chiama Cecilia Grierson (che era un medico), e non sopporta il nome di un’infermiera o di un infermiere né esiste alcun lavoro basato sull’evidenza nelle scienze dell’assistenza scientifica. Ho capito che nessuno scrive di noi, nemmeno noi stessi“, Avviso.

“Ho scoperto che molte persone non si sentono professionali. È che ci viene instillata molta obbedienza, è un mandato culturale. Per questo mi sono dedicato ai militari al tema della professionalità”.

Alvarado ricorda quando un anno prima dell’epidemia, il governo della città punì il famoso Diritto dei professionisti della saluteGli infermieri – oltre il 60% degli operatori sanitari del settore pubblico e privato – non sono considerati tali.

Conclude: “L’infermieristica è il sottosuolo della medicina. È la forza lavoro che ottiene più budget, quindi devono mantenere bassi i nostri stipendi”.

In questo periodo, Alvarado iniziò a scrivere articoli al riguardo. “Quando è iniziata la pandemia, ho sentito un altro tipo di vuoto. Ci sentiamo abbandonati. Ci hanno persino picchiato nel Consiglio legislativo”, cita questa repressione Alla fine è stato completamente coperto, in quanto separato dal contesto della pandemia e dalle richieste agli operatori sanitari.

“Quando un paziente trascorre più di 48 ore al lavoro, non è possibile che le condizioni di salute siano buone”.

“Parlano oggi a nome delle persone accalcate lì di guardia, aspettando che la loro fortuna si metta in cura, e sentirli dire che va tutto bene, che abbiamo un posto, mi provoca indignazione che non riesco a descrivere l’infermiera si arrabbia .

***

Capitolo 15: “I malati sono ogni giorno di più, ma siamo pochi e ogni giorno saremo di meno. All’inizio del servizio andiamo in giro e guardiamo i bauli, le barelle nei corridoi, i reparti traumatologici, tutto completo. Esaminiamo mentalmente la cartella clinica. Eseguiamo un triage (scegliendo chi ha più probabilità), cioè senza contare le persone che verranno a questa festa. In questo spazio non c’è possibilità di sapere, con certezza, se il la persona che viene consultata o ricoverata è contagiata o non è affetta dal Coronavirus. Infatti non abbiamo nemmeno un posto dove isolarci”.

READ  Laura Bassi, Minerva italiana del Settecento | Società

***

Molti si congratulano con me per quello che scrivo, ma Sento di non riuscire a trasmettere la solitudine che proviamo. Quando vediamo il ministro dire che va tutto bene e dobbiamo anche lottare per avere una mascherina chirurgica come guardia. Quando vediamo chi chiede la libertà andare all’osteria, e raccogliamo i malati sulle barelle perché non ci sono più posti letto», enumera.

Il giornale avanza e inizia a registrare le conseguenze del Corona virus sugli stessi operatori sanitari.

E arriva anche il contagio da virus covid, che teme questa folla dopo aver visto tanta morte, “la solitudine dei soli”.

C’è un capitolo con una foto che è circolata sulle reti. Alvarado è visto all’interno della sala shock, sotto tutti gli elementi protettivi, con in mano un cartello che recita: “Sono un infermiere. Se muoio di Covid, voglio morire da professionista della salute, coperto dalla Legge 6035»..

Fu allora che intubarono l’infermiera Grover Likona, che oggi è uno dei tre operai morti a Durand. “Il giorno prima avevo fatto quel poster a una manifestazione e la mia reazione è stata di andare a cercarlo e chiedere al mio partner di farmi una foto, proprio lì. Non potevo credere che uno di quei cadaveri che vedo ogni giorno , sdraiato, sfinito, è quello che resta di loro adesso. Lui è Gabi (è così che lo chiamavamo.) Mi sono visto riflesso in lui, e tutti i miei colleghi”, dice con voce rotta.

Licona era rischioso, ma ha dovuto continuare a lavorare mentre tutti i documenti venivano presentati per la certificazione. Il Covid è stato più veloce della burocrazia.

***

Capitolo 19: “La guardia ospedaliera è diventata recentemente una sorta di fortezza che è stata definitivamente invasa e saccheggiata dal coronavirus. I corpi vanno e vengono, in un turbinio di attività dove vanno in un turbinio di attività lì al reparto di terapia intensiva o all’obitorio (…)”.

“Il fatto di affrontare un arresto cardiorespiratorio non è cosa da poco, nessuna azione meccanica. L’adrenalina scorre attraverso il corpo che lotta per sopravvivere, e attraverso le nostre vene. Le nostre mani diventano a loro volta strumenti di forza e destrezza. Controllo degli accessi venosi di emergenza, protezione delle vie aeree, massaggio , controllo del programma, medicazione di emergenza e clinica Il paziente in viaggio. A volte le costole rotte prefigurano il male minore. Il movimento di attrezzature e utensili non è supervisionato. Prescrizioni di attrezzature e allarmi il cui suono è una musica omicida che danza tra noi (… )”.

“La rianimazione è terminata e quasi tutti hanno lasciato il complesso, tranne il dispensario. Siamo arrivati ​​presto e abbiamo finito molto più tardi del resto dell’équipe sanitaria. Stiamo preparando il corpo, rendendolo il più fresco possibile perché la famiglia vuole per vederlo per l’ultima volta.”

“Uscivo dallo spazio mortale, andavo in bagno, mi lavavo il viso con acqua fredda, senza saperlo, cercando di evocare ogni residuo mortale della scena vivente”.

“In genere non si parla mai di come ci si sente in quei momenti, forse è il modo di cercare di sopravvivere senza tracce di tragedia, senza odore di morte, o senza pensare all’identificazione con la vittima”.

READ  Mongolia e Russia tengono esercitazioni militari congiunte

***

morte della giovinezza

Nelle sue storie, Alvarado descrive l’estenuante compito quotidiano, come lavorare con i dispositivi di protezione individuale e gli standard di biosicurezza regolamentati, che comportano molti passaggi contemporaneamente. “È quasi un rito, che consiste nella certezza che tutto quello che hai fatto finora non deve avere colpa, perché significa tornare all’inizio, come in un gioco dell’oca dove si perde energia, materia e anche salute , quello sei tu.” Come viene descritto in un capitolo.

Ci sono momenti che lo hanno scioccato nonostante tutta la sua esperienza: La morte di un uomo di 30 anni che è stato svegliato dal virus Corona da un coma diabetico, che si verifica poco dopo la marcia di quarantena. La magia che l’infermieristica fa con le forniture: La bocca dell’ossigeno serve fino a quattro pazienti. Il fuoco mediatico della campagna di vaccinazione è stato visto da una guardia crollata. Le differenze tra la prima e la seconda ondata. Il Shock emotivo Che rappresenta il dover intubare bruscamente una persona con respiro affannoso, e condividere l’osservazione con un altro paziente che rimane nitido, accanto a lui, per mancanza di posti letto:

Capitolo 21: “Tre respiratori sono rimasti fino a quando la tempesta ha rivelato la loro presenza: è entrata una persona con insufficienza respiratoria spaventosa, ed è attaccata a un capezzale già occupato. Per sicurezza, mentre passa, guardo il bambino attraverso le finestre in generale condizione, do l’allarme e tutti scegliamo di concentrare i nostri sforzi su di esso.

Il giovane viene intubato in modo rapido ed efficace, dimentica la donna di età superiore ai 60 anni. Togliamo il dispositivo con tutte le precauzioni, registriamo gli eventi e rientriamo in un altro paziente in condizioni di intubazione.

Ancora una volta indossiamo l’attrezzatura in modo più rapido ma sicuro. Installiamo il ventilatore, mentre altri chiamano, inseriscono flebo, prelevano campioni di laboratorio, rassicurano la paziente, la fanno addormentare e la intubano. Tutto questo su una barella da trasporto, accanto a un’altra donna trasparente anche lei che fatica a respirare meglio, che ha rimosso gli elementi di monitoraggio per intubare il paziente più pericoloso.

Abbiamo portato a termine con successo l’intervento, abbiamo continuato a lavorare alla preparazione delle apparecchiature e al posizionamento dei farmaci per l’induzione del coma farmacologico. Molte volte come oggi la tempesta non è finita e abbiamo ripetuto lo stesso processo in meno di tre ore. Qualcuno ha detto che c’erano tre respiratori che non erano stati lasciati per molto tempo.La tempesta si è placata al momento ma hanno rimosso i respiratori rimanenti”.