Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una buona notte di sonno fa bene alla memoria | Salute e benessere

Tutti passano una brutta notte di tanto in tanto. Superare problemi o preoccupazioni alla fine della giornata è dannoso per il riposo, in particolare il sonno profondo. Come scrisse Charlotte Bronte, “Una mente turbata è come un cuscino irrequieto”. Una buona notte di sonno agisce come stimolante. Inoltre, è un fatto riconosciuto che il sonno funge da stimolo per l’apprendimento e la memoria. Recentemente, alcuni scienziati hanno scoperto che il primo stadio del sonno profondo a onde lente è molto importante.

“Se impari qualcosa la sera, le informazioni apprese vengono riattivate durante il sonno”, afferma Björn Rasch, professore all’Università di Friburgo e coautore del progetto.NotaFinanziato da Orizzonte. Il ricercatore svizzero aggiunge che «i pensieri negativi aumentano interruzione del sonnoci fa svegliare prima di quanto vogliamo e rende il nostro sonno meno profondo”.

Idee Rivitalizzanti

Tuttavia, non tutte le notizie sono negative. Secondo Rush, che ha organizzato un esperimento attorno a questa idea, i pensieri positivi possono anche essere riattivati ​​nei circuiti cerebrali e miglioramento del sonno in fase di elaborazione.

La sua esperienza ha entusiasmato gli studenti della sua università che hanno preso parte al progetto, che hanno ricevuto 50 franchi svizzeri (52 euro) per ogni notte in cui hanno dormito comodamente in un laboratorio del sonno a quattro letti. Gli studenti sono stati collegati a un elettroencefalogramma che ha tracciato le onde cerebrali. I loro muscoli sono stati anche osservati per determinare quando si addormentavano e in quale stato di sonno si trovavano.

A suo avviso, alcune strategie di rilassamento aiutano le persone a dormire meglio, ma non influiscono qualità del sonno Dopo. Nel test, il ricercatore ha fatto ascoltare loro diversi suoni ipnotici che venivano narrati, ad esempio il movimento di un pesce che nuotava nelle profondità del mare, e includevano parole suggestive di sicurezza e relax.

READ  Il missile cinese Long March 5b atterra nell'Oceano Indiano

I soggetti hanno trascorso più tempo nella fase più profonda del sonno a onde lente dopo aver ascoltato gli audio di induzione ipnotica. La spiegazione è che durante il sonno c’è stata una maggiore riattivazione dei pensieri rilassanti e calmanti che si sentono nella fonetica”, spiega.

Negli studi futuri, Rush spera di aiutare i pazienti con insonnia. “Non solo li aiuterà ad addormentarsi, ma anche a riposare meglio mentre dormono”, osserva. Allo stesso modo, questo progresso può aiutare le persone con malattie mentali, come Disturbo post traumatico da stressche hanno difficoltà a dormire.

cavalluccio marino e apprendimento

La parte del cervello a forma di cavalluccio marino, chiamata ippocampo (dalla parola greca per cavalluccio marino), è estremamente importante quando si tratta di apprendimento e memoria. I roditori sono spesso utilizzati dalla comunità scientifica per studiare il comportamento di apprendimento e sonno dell’ippocampo.

I topi, ad esempio, sono particolarmente bravi a ricordare la strada per il cibo nel mezzo di un labirinto. L’ippocampo è una componente essenziale di questo processo.

Il dottor Juan Ramirez Villegas, un borsista post-dottorato presso l’Istituto austriaco di scienza e tecnologia, usa i roditori per esplorare come funziona il cervello dei mammiferi. conservare i ricordiUn lavoro che può contribuire alla lotta contro malattie umane come il morbo di Alzheimer.

nell’ambito del progettoSognareFinanziato da Horizon, Ramírez-Villegas ha scoperto che un’altra parte del cervello, il tronco encefalico, svolge un ruolo chiave nell’interazione con l’ippocampo e viene attivata prima. “Sembra che il tronco cerebrale formi una sorta di decorazione in modo che l’ippocampo possa riattivare i ricordi nelle diverse fasi del sonno”, dice.

READ  Malargüe rispetta l'ordinanza distrettuale per l'esercizio della medicina veterinaria - comune di Malargüe

Con gli elettrodi, Ramirez-Villegas ha registrato l’attività cerebrale dei topi mentre attraversavano un labirinto e più tardi mentre dormivano. Il sonno consente al cervello di riprodurre gli eventi quotidiani e di archiviarli come ricordi a lungo termine. “È impressionante che le cellule vengano attivate durante il sonno nello stesso ordine in cui erano durante l’apprendimento, anche se sono più compresse durante il sonno”, afferma.

processo di memoria

Questa scoperta è stata sorprendente perché indicava che il tronco cerebrale può stimolare e modificare configurazione della memoria. Questo sembra essere il caso sia dei roditori che dei primati, e quindi è probabile che sia il meccanismo cerebrale principale dei mammiferi, compreso l’uomo.

Questa ricerca, oltre ad essere essenziale per comprendere la funzione di base del cervello, potrebbe portare anche benefici clinici. “Stiamo rivelando i principi di base dei processi di memoria, che possono essere utilizzati per mitigare gli effetti delle malattie che colpiscono la memoria”, aggiunge Ramirez Villegas.

La ricerca descritta in questo articolo è stata finanziata con finanziamenti dell’Unione Europea. L’articolo è stato originariamente pubblicato in formato orizzonteGiornale di ricerca e innovazione dell’Unione europea.

Puoi seguire Paese della salute e del benessere in FacebookE il Twitter E il Instagram.