Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un cameraman e produttore di Fox News è stato ucciso in un attacco fuori Kiev mentre copriva l’invasione russa.

Il veterano veterano della zona di guerra Pierre Zakrevsky stava lavorando con il giornalista Benjamin Hall quando la sua auto è stata colpita da un incendio alla periferia di Kiev.

serie americana Fox News Martedì è stata annunciata la morte di un fotografo nella periferia di Kiev Pierre Zakrzewski52 anni, giornalista ucraino Oleksandra KovchinovaE il Coprendo l’invasione russa dell’Ucrainae dove anche il suo compagno è stato ferito, Benjamin Hall.

“È con grande tristezza e dolore che condividiamo la notizia della scomparsa questa mattina del nostro amato fotografo, Pierre Zakrevsky. Pierre è morto a Horenka, alla periferia di Kiev”.Susan Scott, CEO della catena, ha dichiarato in una nota.

Scott ha spiegato che Zakrzewski e Hall, che sono in Ucraina dall’inizio di febbraio, Stavano raccogliendo informazioni lunedì quando la loro auto è stata colpita a fuoco.

Zakrzewski era un giornalista di guerra veterano che ha coperto molte guerre, tra cui IraqE il Afghanistan E il Siria.

La produttrice ucraina Oleksandra Korshinova è stata assassinata mentre copriva l'invasione russa nella regione di Kiev.
La produttrice ucraina Oleksandra Korshinova è stata assassinata mentre copriva l’invasione russa nella regione di Kiev.

“La sua passione e il suo talento di giornalista erano impareggiabili (…) oggi è stata una giornata straziante per lui Fox News E a tutti i giornalisti che rischiano la vita per diffondere la notizia”.Scott ha confermato.

salaper questa parte, Ancora in ospedale in UcrainaSebbene la gravità delle sue ferite non sia stata specificata.

La CNN ha espresso la sua solidarietà alle vittime e Ha rilasciato una dichiarazione emotiva sui suoi social network: “I nostri pensieri sono con le famiglie, gli amici e i colleghi del fotografo Pierre Zakrevsky e della produttrice Oleksandra Korchenova che hanno perso la vita durante la guerra in Ucraina per la Fox. A Benjamin Hall: la CNN è con te e i tuoi cari. Ci impegniamo a fornire tutto il supporto che possiamo”.

Benjamin Hall è stato trovato ferito fuori Kiev
Benjamin Hall è stato trovato ferito fuori Kiev

In questo modo, c’è già la conferma Almeno 5 giornalisti uccisi nel conflitto in Ucrainaha affermato martedì la commissaria per i diritti umani del parlamento ucraino, Lyudmila Denisova, che ha incolpato le forze russe per gli eventi.

READ  I comandanti russi si sono indignati per il rifiuto dei soldati di combattere in Ucraina

Gli altri tre corrispondenti morti sono il corrispondente militare ucraino Victor dubbio (Ucciso durante i combattimenti nei pressi di Mykolaiv), cameraman del canale televisivo ucraino in diretta Yevhen Sakon (ucciso durante attacchi missilistici a Kiev) e giornalista documentarista americano Brent RenaultE il Ucciso a colpi di arma da fuoco a IrvineÈ un sobborgo in prima linea di Kiev che ha visto alcuni dei combattimenti più aspri dall’invasione russa dell’Ucraina.

Renault50 anni, lavorava studi del tempo Su un progetto sui problemi globali dei rifugiati, ha detto al notiziario. Un altro giornalista, definito dalla International Federation of Journalists as Juan Arredondo, Fu ferito nello stesso attacco.

Brent Reno, uno dei cinque giornalisti morti nel conflitto
Brent Reno, uno dei cinque giornalisti morti nel conflitto

Ferito anche un ucraino che si trovava nella stessa macchina degli americani, secondo un medico che si trovava sul posto.

Reno, 51 anni, ha collaborato al New York Times fino al 2015, secondo i media statunitensi in una dichiarazione., in cui ha anche chiarito che non era previsto dai media per questa copertura. “Siamo sconvolti dalla notizia della sua morte”, ha affermato il quotidiano americano nel suo testo.

Sabato scorso, Reporter senza frontiere ha presentato il suo nuovo centro a Leopoli, nell’Ucraina occidentale. Ha lo scopo di aiutare i giornalisti in difficoltà e aiutare i media ucraini indipendenti a continuare a operare ed evitare la censura.

All’epoca dicevamo che anche allora era un miracolo che nessun giornalista fosse ucciso, perché molte troupe televisive furono deliberatamente prese di mira. Vediamo molto bene che i pericoli che abbiamo menzionato non erano immaginari”, ha detto Christophe DeloiresSegretario Generale della ONG.

READ  Sondaggi in Perù: con oltre il 99% dei record esaminati, Castillo mantiene un vantaggio su Fujimori

Delaware ha preso atto della sua richiesta a tutti i paesi belligeranti in generale, ed “è chiaro alla Russia, che è la potenza aggressore”, di rispettare la risoluzione 2222 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla protezione dei giornalisti nei conflitti armati.

Continuare a leggere: