Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scopri i segreti della foca monaca, l’animale più sfuggente del Mediterraneo

Scopri i segreti della foca monaca, l’animale più sfuggente del Mediterraneo

Il peso di questo animale può raggiungere i 350 chilogrammi e la sua lunghezza raggiunge i tre metri. È caratterizzato inoltre da un colore bruno uniforme intervallato da una macchia bianca irregolare sul ventre.
Daniele Injmi Daniele Injmi Meteorite Italia 6 minuti

La foca monaca, nota per il suo aspetto amichevole e aggraziato, è l’unica specie di foca che si trova oggi nel Mar Mediterraneo.. È però uno dei cento mammiferi più a rischio di estinzione e per questo è considerato un animale protetto. Attualmente ne restano solo pochi esemplari in natura.

Il peso di questo animale può raggiungere i 350 chilogrammi e la sua lunghezza raggiunge i tre metri. Anche È caratterizzato da un colore bruno uniforme intervallato da una macchia bianca irregolare sul ventre. Il muso, dal canto suo, ha forma arrotondata, con setole molto lunghe.

Il termine “sigillo della monaca” deriva dal colore della sua pelliccia, che ricorda l’usanza del clero.. Nell’antica Grecia era un animale protetto da Apollo e Poseidone.

Dove possiamo trovarlo?

Questi mammiferi vivono in alcuni angoli del Mediterraneo orientale, tra il Mar Egeo e il Mar Ionio, e lungo le coste della Mauritania, dove si possono ancora osservare gruppi fino a cinquanta o sessanta animali. Nel Mediterraneo, le coste della Grecia e della Croazia sono le più frequentate per potenziali avvistamenti. In Italia è presente nelle isole del Mar Tirreno, in Sicilia, soprattutto alle Eolie, in Sardegna e in Basilicata.

Un luogo tipico dove in alcuni periodi dell'anno è possibile avvistare la foca monaca.
Un luogo tipico dove in alcuni periodi dell’anno è possibile avvistare la foca monaca.

Fino a pochi decenni fa si trovavano sulla costa mediterranea spagnola. A quel tempo erano presenti anche in tutte le Isole Canarie, ed Attualmente ci sono progetti per reintrodurre la foca monaca (Monachus Monachus) Sull’isola di Lobos

Riproduzione della foca monaca

Le foche monache raggiungono la maturità sessuale a circa cinque anni di età. Di solito si accoppiano durante i mesi estivi o autunnali. La gravidanza dura undici mesi e nasce un solo vitello.

READ  Il Venezuela ha vinto il secondo posto in un concorso di progettazione robotica tenutosi in Italia

La nascita avviene solitamente all’interno di una grotta protetta o su una spiaggia deserta. I piccoli nascono neri e cambiano mantello solo dopo poche settimane e vengono allattati al seno per circa diciassette mesi. Una volta completato lo svezzamento possono entrare in acqua per la prima volta.

A causa della forma del bacino che non gli permette di sollevare la pancia da terra, si muove lentamente e goffamente a terra. Ma Diventa molto veloce nell’acqua, soprattutto quando deve catturare la preda.

In acqua può immergersi fino a una profondità di cento metri e trattenere il respiro per dieci minuti. Si nutre di polpi, aragoste, murene, tonni, triglie, sarde e altri pesci.

Perché è in pericolo di estinzione?

Attualmente ci sono solo 500 foche monache rimaste allo stato selvatico, il che le rende in grave pericolo di estinzione.. In passato, oltre ad essere considerati nemici mortali dai bracconieri, venivano cacciati per la loro pelle e il loro grasso, poi trasformati in olio.

Inoltre è diventata molto rara nel Mediterraneo a causa del turismo di massa Che ha praticamente eliminato le zone di riproduzione, soprattutto con le imbarcazioni da diporto.

ma questo non è tutto: In alcune zone cade nelle reti da pesca e diventa vittima dell’inquinamento ambientale. I rifiuti di plastica che puoi ingerire accidentalmente possono danneggiare il tuo sistema digestivo e persino causare la morte.

READ  Genetica clinica: sì questa volta?
Foca monaca
Questi mammiferi vivono in alcuni angoli del Mediterraneo orientale, soprattutto tra il Mar Egeo e il Mar Ionio. Ha una personalità molto sfuggente.

Fortunatamente, Attualmente stiamo assistendo ad un miglioramento delle condizioni di vita delle foche monache, grazie ad una maggiore educazione ambientale Dalle persone e da altri fattori. I recenti avvistamenti di esemplari in acque dove non si vedevano da diversi decenni sono di buon auspicio.

Nel frattempo, i ricercatori continuano a monitorare gli animali utilizzando le più recenti tecnologie digitali. Il monitoraggio delle foche monache non è un compito facile. Ha un carattere timido e un po’ sospettoso. In caso di incontri ravvicinati gli esperti sconsigliano di avvicinarsi alla foca e di fotografarla da lontano.