Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Incredibili progressi nella medicina / di Antonio Las Heras

Incredibili progressi nella medicina / di Antonio Las Heras

Arthur C. Clarke, Isaac Asimov o Ray Bradbury potrebbero aver scritto al riguardo. Ebbene, la cosa tangibile è che oggi questi argomenti non vengono studiati, ma esistono già delle applicazioni pratiche per essi.

Usa i cuori di maiale

Tanto che è stato appena segnalato Lawrence Fawcett58 anni, che ha ricevuto Trapianto di cuore di maiale Geneticamente modificato, morì sei settimane dopo l’operazione Università del Maryland, Stato unito. Ciò significa che questa persona ha trascorso un mese e mezzo convivendo con un cuore che non solo gli era estraneo, ma estratto da un animale: un maiale.

Perché un maiale e non un altro animale? Succede che la forma del cuore di maiale è molto simile a quella del cuore umano. Per questo motivo, e tenendo conto della relativa facilità di ottenere campioni, i cuori di maiale vengono utilizzati da diversi anni, ad esempio, nell’Unità di Anatomia dell’Università Nazionale della Colombia come elemento pedagogico con ottimi risultati.

Fawcett era un marine in pensione che ha subito un trapianto di cuore a causa di una condizione cardiaca che lo rendeva non idoneo per un trapianto di cuore umano. Sebbene all’inizio l’organo avesse mostrato segni di miglioramento, negli ultimi giorni ha iniziato a mostrare sintomi di rigetto, che lo hanno portato alla morte.

Dato che questo è il secondo caso in cui un paziente muore in circostanze simili, può sembrare scoraggiante continuare tali pratiche. Ma la storia della medicina dimostra che non è così.

Da quanto tempo sei la persona che sei? Cristiano Barnard (1922/2001) Hai avuto il primo trapianto di cuore? Solo 18 giorni! Attualmente ci sono riceventi di trapianto che vivono per anni e decenni. Gli inizi hanno sempre bordi frustranti. Non devi lasciarti sconfiggere da esso. Gli scienziati lo sanno molto bene.

Le statistiche attuali indicano che il tasso di sopravvivenza dei riceventi un trapianto di cuore fino a 10 anni supera il 60%. Se non è possibile trapiantarli, il 5% di loro vive un anno. Il tempo di sopravvivenza più lungo con lo stesso organo trapiantato è stato: rene, 33 anni; Fegato 26 anni; Midollo osseo 22 anni; Cuore 21 anni; Il pancreas ha 17 anni e il polmone ha 11 anni.

IL trapianto d’organo (Così chiamati quelli che provengono da un animale e vengono trapiantati nel corpo umano), che utilizza organi di maiale geneticamente modificati, offre una potenziale soluzione alla carenza di organi necessari per i trapianti umani. Il primo a prendere il cuore di un maiale David Bennet, Morì due mesi dopo l’intervento chirurgico. Questi trapianti di organi sono ancora oggetto di studio e sviluppo.

Nel gennaio 2022, l’Università del Maryland ha eseguito il primo trapianto al mondo di cuore di maiale geneticamente modificato in un essere umano. In quel caso, il paziente era Bennett, un americano di 57 anni che era malato terminale e morì due mesi dopo l’intervento.

Ovviamente, gli xenotrapianti rappresentano una vera sfida per il sistema immunitario del ricevente perché tendono ad attaccare l’organo estraneo. Per ridurre questo rischio, gli organi dei suini sono stati geneticamente modificati, il che rappresenta anche un notevole progresso.

I ricercatori spiegano che questi animali sono i donatori di organi più adatti a causa delle loro dimensioni, della rapida crescita e dell’elevato numero di figli.

Compatibilità genetica

Tieni presente che lIl sequenziamento del genoma di questi mammiferi ci permette di scoprire che condividono oltre il 90% di somiglianza genetica con gli esseri umani.. Per ottenere il cuore di maiale utilizzato in questi trapianti, gli scienziati hanno rimosso tre geni suini che innescano gli attacchi del sistema immunitario umano aggiungendo sei geni umani che aiutano il corpo ad accettare l’organo.

READ  Prove di nove uomini di Neanderthal sono state trovate in una grotta in Italia

Recentemente sono stati eseguiti anche trapianti di organi Reni di maiali geneticamente modificati Nei pazienti cerebralmente morti. Non è destinato a sostituire gli organi di donatori umani, ma dovrebbe essere utile nel fornire ulteriore tempo di sopravvivenza alle persone mentre rimangono in lista d’attesa.

Il Transplant Institute del Langone Hospital della New York University ha annunciato nel settembre di quest’anno che un rene di maiale trapiantato in un paziente cerebralmente morto “ha funzionato per un record di 61 giorni”.

Antonio Las Heras, Dottore in Psicologia Sociale, Master in Psicoanalisi, filosofo e storico. “Dare to Live Fully” è il suo nuovo libro