Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scandalo in Perù: il presidente Castillo si è offerto di consegnare il passaporto della moglie tra copie di fuga

nel mezzo scandalopresidente peruviano Castello di PietroVenerdì, ha confermato che sua moglie, la First Lady Lilia Paredes, era pronta a consegnare il suo passaporto Nel caso in cui la magistratura abbia imposto un impedimento all’uscita dal Paese. Questo è il modo in cui ha cercato di piegare le versioni di Presunto tentativo di fuga Nel mezzo di un’indagine giudiziaria scuote la sua amministrazione.

La sorella della moglie del presidente e la sorella di sua moglie, Yenifer ParedesDetenuto temporaneamente per il suo presunto coinvolgimento nella rete di corruzione e riciclaggio di denaro. Il presidente affronta fino a cinque indagini fiscali con la moglie. In questo contesto è arrivata la giustizia prendendo d’assalto il palazzo del governo Alla ricerca di una guida.

Di fronte alla prospettiva di un’escalation delle indagini e alle forti accuse dell’opposizione, Castillo ha affrontato le voci mentre lavorava a Lima. “oggi Sicuramente vuoi caricare alcune richieste di ostacolo Lasciando il paese di mia moglie. Devo dirti che è pronta nelle prossime ore a consegnare il proprio passaporto per dimostrarlo Non lascerà il Paese in nessun momento e dovrà sottomettersi non solo alla giustizia, ma anche a dimostrare la sua innocenzaespresso.

Pedro Castillo ha condannato i tentativi di destabilizzare l’opposizione.

La moglie del presidente Castillo non ha ancora un’indagine aperta, ma i pubblici ministeri anticorruzione presumono che sarà un membro di un presunto individuo. Un’organizzazione criminale dedita a concedere concessioni di lavori pubblici a società private in cambio di tangenti.

“Attraverso le indagini e le procedure svolte è stata osservata un’organizzazione criminale dedita alla commissione di diverse modalità criminali”ha confermato la decisione del giudice della Corte suprema di giustizia penale specializzata, Raul Giustino Romeroche ha autorizzato la perquisizione e l’arresto della cognata.

READ  Google Pay: salva, paga e gestisci

Pochi giorni fa, l’operazione nel palazzo del governo non ha precedenti nella storia del Perù. Dove la giustizia non è entrata nella sede dell’autorità esecutiva per arrestare nessuno.

Secondo le indagini in corso e le denunce presentate, la sorella della first lady, Yénifer Paredes, e altri uomini d’affari ed ex funzionari del governo parteciperanno all’organizzazione. Castillo ha però denunciato un nuovo “attacco” del sistema giudiziario contro di lui e la sua famiglia.

Il raid al Palazzo del Governo in Perù è stato senza precedenti.
Il raid al Palazzo del Governo in Perù è stato senza precedenti.Commercio (Perù) Commercio (Perù)

Il presidente, che è salito al potere da una coalizione di sinistra, lo ha fatto La Procura della Repubblica ha aperto sei indaginiCinque di loro erano per presunti reati di corruzione commessi durante il suo mandato e uno per un presunto reato civile verificatosi nel 2012.

I settori dell’opposizione hanno messo in discussione così tanto l’amministrazione di Castillo e hanno espresso dubbi sul suo mandato che ha una “incapacità morale” di entrare in carica. È un numero oscuro, da tempo messo in discussione dai giuristi più esperti del Paese, e che è ancora valido nella costituzione peruviana.

Castillo, insegnante rurale e sindacalista, Ha già superato due tentativi parlamentari di rimuoverlo dall’incarico. Fin dal suo insediamento nel 2001, settori dell’opposizione lo hanno accusato di corruzione oltre che di “tradimento della patria”.

Il presidente ha ritenuto di dover affrontare “accuse di colpo di stato” da parte delle forze di opposizione e ha sottolineato che dopo più di un anno di amministrazione non ci sono prove di corruzione nei suoi confronti.

Anche la First Lady Lilia Paredes È comparso il mese scorso davanti a una commissione parlamentare d’inchiesta. Ma la moglie del presidente ha rifiutato di rispondere ai deputati “su raccomandazione” del suo avvocato. La donna aveva già annunciato alla Procura della Repubblica dello stesso caso.

READ  Delta variabile: avvertono in Gran Bretagna che ...

La Procura peruviana ha chiesto 36 mesi di custodia cautelare per Yénifer Paredes, La cognata del presidente del Paese, Pedro Castillo, accusata di aver commesso riciclaggio di denaro “e altre lamentele” contro lo stato”. Paredes, 26 anni, è stata cresciuta “come una figlia” dall’attuale coppia presidenziale, che lei considera quasi come i suoi genitori.

22 luglio 2022, Lima, Perù: Lima, 22 luglio 2022. Yénifer Paredes, cognata di Pedro Castillo, appare davanti al Comitato di sorveglianza del Congresso.  .. Foto: Renzo Salazar POLITICA Europa Stampa / Contatti / El Comercio
22 luglio 2022, Lima, Perù: Lima, 22 luglio 2022. Yénifer Paredes, cognata di Pedro Castillo, appare davanti al Comitato di sorveglianza del Congresso. .. Foto: Renzo Salazar POLITICA Europa Stampa / Contatti / El ComercioEuropa Press / Contatti / El Comerci – Europa Press

In questo senso, domenica la magistratura terrà l’udienza di custodia cautelare contro Yénifer Paredes e contro il sindaco di Angoya, José Medina Guerrero, ha annunciato il giudice via Twitter,

In questo momento, Paredes incontra a Un ordine di custodia cautelare di dieci giorni. Dopo aver annunciato l’offerta carceraria per i prossimi tre anni, l’imputata ha confermato la sua disponibilità a collaborare con la giustizia, secondo il quotidiano “El Comercio”.

“In mia difesa, devo dire che fin dall’inizio ero a conoscenza di questo caso, ho collaborato con il sistema giudiziario, sono andato all’ufficio del procuratore generale, sono andato al Congresso ed ero sempre pronto a rilasciare le mie dichiarazioni”, ha affermato. Circa davanti alla Camera d’Appello.

La sorella del presidente ha messo in dubbio il processo giudiziario e lo ha detto In “soli” dieci giorni l’hanno citata quattro volte per pubblicizzare. “Sono rimasto qui e non ho fatto molto come ha detto il pubblico ministero. In ogni caso, sono sempre pronto a collaborare”, ha detto.

Con informazioni da Télam e DPA