Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti raddoppiano i bombardamenti sullo Yemen  Per il secondo giorno consecutivo

Gli Stati Uniti raddoppiano i bombardamenti sullo Yemen Per il secondo giorno consecutivo

Sabato, per il secondo giorno consecutivo, gli Stati Uniti hanno lanciato bombardamenti selettivi sulle posizioni dei ribelli Houthi nello Yemen.Tuttavia le richieste provenienti da diversi paesi del Medio Oriente e dalle Nazioni Unite non si sono fermate per il timore che questa escalation militare potesse sfociare in una guerra regionale.

Il primo intervento è avvenuto la mattina presto Sanaa, quando il cacciatorpediniere della marina americana USS Carney lanciò missili Tomahawk per l'attacco terrestre, secondo una dichiarazione del Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), che indicava che l'azione era Diretto contro un radar utilizzato dagli Houthi.

Washington non ha chiarito lo scopo dell'attacco, anche se testimoni oculari hanno riferito all'agenzia di stampa Evie Due proiettili hanno colpito la base aerea di Al-Dailami, a nord di Sanaa, la capitale dello Yemen controllata dai ribelli dal 2014. Il comando centrale americano si è limitato a chiarire di aver effettuato un'operazione di follow-up contro un obiettivo militare specifico collegato agli attacchi compiuti venerdì, in collaborazione con il Regno Unito, con l'obiettivo di indebolire la capacità degli Houthi di attaccare le navi mercantili nel Mar Rosso.

Per questa parte, La ribellione Houthi nello Yemen ha confermato che l’attacco non ha avuto conseguenze. Il viceministro dell'Informazione Houthi, Nasr al-Din Amer, ha dichiarato alla rete televisiva araba: “Non abbiamo prove di vittime o perdite umane o materiali. Inoltre, la base era fuori servizio sabato”. Al JazeeraHa promesso che il gruppo avrebbe risposto con forza ed efficacia.

Secondo round di attacchi

Poi Nel pomeriggio si è verificato un secondo bombardamentoPresumibilmente lanciato dagli Stati Uniti, prendendo di mira la base navale di Ras Kazib situata nella città costiera di Hodeidah, nello Yemen occidentale. Da lì i ribelli hanno lanciato decine di attacchi da metà novembre sul Mar Rosso e sul Golfo di Aden. Finora non è nota la portata dell’azione che Washington non ha annunciato, anche se è avvenuta pochi minuti dopo che gli Houthi avevano lanciato un missile dal porto di Hodeidah verso il Mar Rosso meridionale.

READ  Dani Alves: Le potenti testimonianze e la scena del primo giorno del processo :: Ole

E venerdì, dopo i primi bombardamenti in Yemen, Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Bahrein, Canada, Paesi Bassi, Danimarca, Germania, Nuova Zelanda e Corea del Sud Hanno giustificato l'azione in una dichiarazione congiunta, sostenendo di averlo fatto in difesa del commercio internazionale e di coloro che attraversano il Mar Rosso.. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha aggiunto quel giorno in un’altra dichiarazione: “Non esiterò a ordinare ulteriori misure per proteggere il nostro popolo e il libero flusso del commercio internazionale, se necessario”.

Nel frattempo, il portavoce militare Houthi, Yahya Saree, ha affermato in un comunicato televisivo che questi attacchi non dissuaderanno il suo gruppo dal continuare a impedire la navigazione delle navi commerciali legate a Israele o di qualsiasi nave diretta a un porto israeliano attraverso il mare. Il Mar Rosso solidale con i palestinesi della Striscia di Gaza dopo l'aggressione Lo scoppio della guerra Tra le forze israeliane e il movimento islamico Hamas.

Timori di escalation regionale

In questo modo, però, la tensione aumenta Sabato diversi paesi del Medio Oriente hanno nuovamente lanciato appelli alla moderazioneTemono che questo scambio di attacchi possa portare a una guerra regionale, nonostante l’insistenza di Washington sul fatto di non voler entrare in conflitto con gli Houthi sostenuti dall’Iran.

In questo senso, il presidente dell'Iraq Abdul Latif Rashid Ha sottolineato la situazione. Il presidente ha sottolineato: “Condanniamo fermamente i tentativi di espandere la guerra e sottolineiamo che avventure ardenti in questo caso potrebbero bruciarci tutti”.Secondo un messaggio della presidenza irachena sul sito di social networking X.

Il Ministero degli Affari Esteri libanese ha lanciato un appello alla distensione per garantire la stabilità in Medio Oriente. Il Ministero libanese ha avvertito in una dichiarazione che “non riuscire ad affrontare le vere cause di questa escalation, vale a dire il cessate il fuoco globale dell’aggressione israeliana e la guerra a Gaza, potrebbe espandere il cerchio del conflitto, come ha già cominciato ad accadere di recente”.

READ  Israele ha lanciato un intenso raid aereo contro Hamas nella Striscia di Gaza e ha distrutto il sistema dei tunnel

Si è unito anche il capo della missione delle Nazioni Unite in Yemen, Hans Grundberg, esprimendo la sua profonda preoccupazione per l’escalation militare e avvertendo del suo impatto sugli sforzi per raggiungere la pace nel Paese arabo, immerso dal 2014 in una guerra devastante che ha causato una grave crisi umanitaria.