Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo tsunami colpisce Tonga dopo la massiccia eruzione vulcanica nell’Oceano Pacifico

Nuku’alova. – Uno tsunami causato da una massiccia eruzione vulcanica ha colpito Tonga nell’Oceano Pacifico sabato.

I video sui social media mostrano un taglio dell’acqua in una chiesa e in diverse case. Testimoni hanno anche descritto la caduta di cenere sulla capitale, Nuku’alofa.

Ore fa, un allarme tsunami ha fatto precipitare i residenti di questo paese Stai al sicuro nelle aree più alte.

eruzione vulcanica sottomarina Honga Tonga Honga Happi Ha causato forti onde nel Pacifico meridionale.

Lo Tsunami Observatory con sede negli Stati Uniti ha affermato che le onde di tsunami sono state rilevate nella capitale Tonga e nella capitale delle Samoa americane. L’eruzione del sottomarino Hongga Tonga – vulcano Hong Hapai, situato a circa 65 chilometri a nord di Nuku’alofa, ha causato uno tsunami con un’altezza di 1,2 metri, Lo ha detto l’Australian Bureau of Meteorology. L’agenzia ha affermato che sta continuando a monitorare la situazione, ma non è stato emesso alcun allarme tsunami per la terraferma, le isole o i territori australiani.

‘Urla ovunque’

Una residente, Mir Taufa, ha detto che l’esplosione è avvenuta mentre la sua famiglia si stava preparando per la cena. Suo fratello minore pensava che fossero bombe esplose nelle vicinanze.

“Il mio primo istinto è stato di mettermi al riparo sotto il tavolo, ho afferrato la mia sorellina e ho urlato ai miei genitori e agli altri in casa di fare lo stesso”. Secondo i dati raccolti dal sito di notizie Roba.co.nz.

La prossima cosa che sapeva, aggiunse Taufa, era che l’acqua scorreva in casa sua.

Puoi sentire urlare ovunque, Le persone gridano per la loro sicurezzaPer portare tutti su un terreno più elevato”.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Secondo il Geological Survey of Tonga, pennacchi di gas, fumo e cenere emessi dal vulcano hanno raggiunto i 20 chilometri nel cielo.

Gli strumenti hanno rilevato uno tsunami di 83 cm nella capitale di Tonga, Nuku’alofa, e onde di 60 cm a Pago Pago, la capitale delle Samoa americane.Lo ha detto il Pacific Tsunami Warning Center. L’organizzazione con sede negli Stati Uniti ha successivamente annullato gli avvisi sul territorio statunitense nelle Samoa americane e nelle Hawaii, ma ha affermato che gli tsunami rappresentano ancora una minaccia per le parti dell’Oceano Pacifico più vicine al vulcano.

Le Figi hanno emesso un allarme tsunami, esortando i residenti a evitare la costa “a causa delle forti correnti e delle onde pericolose”. Jese Tuisinu, giornalista televisivo di Fiji One, ha pubblicato un video su Twitter che mostra grandi onde che colpiscono la riva, mentre le persone cercano di sfuggire alle acque che si avvicinano alle loro auto. “È letteralmente buio in alcune parti di Tonga e le persone si stanno precipitando in salvo dopo l’esplosione”, ha detto.

L’Agenzia per la gestione delle emergenze della Nuova Zelanda ha emesso un avviso sull’attività dello tsunami sulle sue coste settentrionali e orientali e si prevede che le aree subiranno correnti insolitamente forti ed eruzioni costiere inaspettate.

Venerdì, il Tonga Geological Survey ha dichiarato in un post su Facebook che il vulcano ha rilasciato cenere, vapore e gas fino a 20 chilometri nell’aria. Il suo diametro è di 260 km.

Lo ha detto il professor Shane Cronin, vulcanologo dell’Università di Auckland L’eruzione è stata una delle più grandi eruzioni del vulcano Tonga negli ultimi 30 anni.

READ  È stato riportato che il vaccino Novavax è efficace al 90% in...

“È un evento molto grande, almeno una delle più importanti eruzioni vulcaniche dell’ultimo decennio”, ha detto Cronin alla BBC.

“La cosa più sorprendente è la velocità e la violenza con cui si diffonde. Questo era più grande, più largo e produceva più cenere. Mi aspetto che ci saranno molti centimetri di cenere depositati a Tonga”, ha aggiunto l’esperto.

L’esplosione di otto minuti è stata così violenta che si è sentito come “un tuono è forte” alle Fiji, a più di 800 chilometri di distanza, secondo i funzionari di Suva, la capitale.

L’Ufficio nazionale di emergenza (Onemi) ha emesso un’allerta tsunami per la costa dell’isola cilena dopo l’eruzione di un vulcano sull’isola di Tonga in Oceania. Il pericolo minaccia le isole cilene di Rapa Nui (Pasqua), Juan Fernandez, San Felix e le basi antartiche di Pratt e O’Higgins.

https://www.youtube.com/watch?v=XTeeAl2m-A

Reuters e BBC World