Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un giornalista palestinese di Al-Jazeera è stato ucciso durante un’operazione israeliana in Cisgiordania | Hanno condannato l’assassinio dell’esercito israeliano, Shirin Abu Okla

La giornalista veterana di Al Jazeera Sherine Abu Okla è stata martirizzata Questo è mercoledì Durante la copertura di un’incursione dell’esercito israeliano nel campo profughi palestinese di Jeninin Cisgiordania.

Il governo del Qatar ha affermato che la giornalista 51enne è stata “uccisa deliberatamente” e “a sangue freddo” dalle forze israeliane, ma il primo ministro del Qatar, Naftali Bennett, ha affermato di essere stata “probabilmente” uccisa dal fuoco palestinese e ha suggerito un’indagine congiunta . I giornalisti che erano con Abu Oqla hanno denunciato l’assenza di uomini armati palestinesi sulla scena.

Abu Akleh, cristiana palestinese che era anche cittadina americana, è stata una figura di spicco al servizio della Rete araba, dove ha lavorato dalla seconda intifada nel settembre 2000.

Testimonianze dei giornalisti sul posto

Un altro giornalista di Al-Jazeera, Ali Al-Samudi, è rimasto ferito nello stesso incidente.. Il produttore ha detto che non c’erano uomini armati palestinesi nell’area quando il suo partner è stato ucciso.

Un fotografo dell’Afp presente sul posto ha confermato l’uccisione di Abu Akleh e della sua compagna Indossavano giacche di stampa Quando sono iniziate le riprese.

La Federazione internazionale dei giornalisti, come riportato da Al-Jazeera, ha affermato che presenterà il caso di Abu Okla davanti alla Corte penale internazionale. “Ancora una volta, uomini armati israeliani hanno attaccato giornalisti che indossavano giacche di stampa chiaramente identificate”, ha affermato il sindacato in una nota.

Al-Jazeera ha invitato la comunità internazionale a ritenere Israele responsabile dell’uccisione “deliberata” del giornalista.

“In un flagrante omicidio che viola le leggi e le norme internazionali, le forze di occupazione israeliane hanno ucciso a sangue freddo il corrispondente di Al-Jazeera” nei territori palestinesi”, ha detto la televisione.

READ  Variante IHU: quanto è pericolosa secondo gli esperti? | Cronaca

Dichiarazione dell’esercito israeliano

L’esercito israeliano ha confermato di aver effettuato un’operazione Mercoledì mattina nel campo profughi di Jenin, una roccaforte dei gruppi armati palestinesi nella Cisgiordania occupata settentrionale, ma ha negato di aver sparato ai giornalisti.

L’esercito ha affermato che esiste un Uno scontro a fuoco tra sospetti e forze dell’ordineE sta “indagando sull’incidente e vedendo la possibilità che i giornalisti vengano attaccati da uomini armati palestinesi”.

“(L’esercito) ovviamente non attacca i giornalisti”.Lo ha detto un ufficiale dell’esercito israeliano.

Una richiesta di giustizia per l’omicidio di Abu Aqla

L’Autorità Palestinese, Mahmoud Abbas, ha descritto l’uccisione del giornalista come una “esecuzione”. Come parte degli sforzi israeliani per nascondere la “realtà” della sua occupazione della Cisgiordania.

Allo stesso modo, un rappresentante di Hamas islamico ha descritto l’operazione come un “assassinio premeditato”.

Da parte sua, mercoledì il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi ha chiesto “l’apertura di un’indagine immediata e trasparente” affinché i responsabili dell’uccisione di Abu Akleh possano essere giustiziati.

Deve essere svolta un’indagine immediata e trasparente. “Cosa ha portato alla punizione degli autori dei due crimini contro Sherine Abu Oqla e Ali al-Samudi nella città occupata di Jenin”, ha detto il ministro giordano sul suo account Twitter.

Safadi ha sottolineato che “questo è un crimine orribile che deve essere indagato in modo trasparente e i suoi autori devono essere assicurati alla giustizia”.

Il ministro giordano ha detto: “Che Dio abbia pietà del defunto, che negli anni si è distinta come giornalista professionista e voce della verità che ha coperto le sofferenze del fraterno popolo palestinese”.

Israele chiede un’indagine congiunta

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha confermato che il suo Paese vuole partecipare a “un’indagine sulla morte della giornalista Shirin Abu Akle”..

READ  Tensione nel Golfo di Oman: la nave dirottata diretta in Iran è stata abbandonata dagli aggressori

“I giornalisti nelle aree di conflitto devono essere protetti e abbiamo la responsabilità di arrivare alla verità”, ha aggiunto.

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Israele, Tom Niedes, ha twittato di essere “profondamente rattristato per la morte della giornalista americana e palestinese Shireen Abu Akleh” e ha chiesto “un’indagine completa sulle circostanze della sua morte”.

Bennett accusa i “palestinesi armati”

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha affermato che gli uomini armati palestinesi nel campo di Jenin erano “probabilmente” responsabili dell’uccisione del corrispondente di Al-Jazeera.

“Sulla base delle informazioni che abbiamo raccolto, sembra probabile che i palestinesi armati, che all’epoca aprirono il fuoco indiscriminatamente, fossero responsabili della sfortunata morte del giornalista”, ha detto Bennett in una nota.

Tuttavia, finora Non ci sono testimonianze che confermino la presenza di militanti palestinesi che sono rimasti feriti nel campo profughi.

Un periodo di crescente tensione tra Israele e Palestina

La morte di Abu Aqla arriva circa un anno dopo Un attacco aereo israeliano ha distrutto l’edificio a Gaza Dove si trovavano gli uffici del canale e dell’Associated Press.

Israele ha informato prima dell’attentato e ha giustificato che la torre ospita anche gli uffici di membri chiave di Hamas, che governa la Striscia di Gaza, un’area sotto l’assedio israeliano.

L’uccisione del giornalista arriva anche in un momento di accresciuta tensione tra israeliani e palestinesi. Dal 22 marzo Israele è stata bersaglio di una serie di attacchi che hanno ucciso almeno 18 persone.

Due di questi attacchi sono stati effettuati da arabi israeliani e quattro da palestinesi, inclusi tre giovani di Jenin, dove l’esercito israeliano ha intensificato le sue operazioni nelle ultime settimane.

READ  Incendio nel Bronx uccide 19 persone, di cui nove minorenni