Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatori argentini all’estero firmano una dichiarazione in difesa della scienza locale  Criticano la posizione del candidato Javier Miley definendolo “anti-scientifico” e “ignorante”.

Ricercatori argentini all’estero firmano una dichiarazione in difesa della scienza locale Criticano la posizione del candidato Javier Miley definendolo “anti-scientifico” e “ignorante”.

I ricercatori che lavorano all’estero hanno fatto una dichiarazione in difesa della scienza argentina. A parte le posizioni politiche – poiché queste persone si rendono conto di avere ideologie più diverse – sono accomunate dalla “paura” di fronte all’avanzata dell’estrema destra e alla possibilità che il candidato Javier Miley venga eletto presidente alle prossime elezioni. Il memorandum collettivo è già stato firmato da più di 1.400 laureati argentini di università pubbliche che attualmente lavorano in aziende internazionali riconosciute come Microsoft o Meta. L’elenco comprende anche nomi come Juan Martin Maldacena, il fisico nato a Buenos Aires che sulla scena mondiale viene spesso considerato un potenziale vincitore del Premio Nobel.

L’annuncio inizia così: “Siamo uomini e donne argentini. Ci siamo formati in Argentina. Lavoriamo all’estero nel campo della scienza e della tecnologia delle costruzioni. Abbiamo ideologie politiche di partito diverse, eppure siamo uniti dalla preoccupazione per alcuni dei menzogne ​​promosse dalla campagna elettorale in Argentina che mettono a nudo le possibilità di… La crescita futura di cui godrà il nostro Paese è a rischio E poi, in un altro paragrafo, il testo prosegue sottolineando il ruolo chiave che svolge il Paese in tutte le potenze globali per promuovere lo sviluppo della scienza e delle società”. È un errore per gli Stati Uniti, la Cina, la Russia, la Corea del Sud, oppure “I paesi europei sono potenti senza che lo Stato investa in modo significativo e sostenibile nelle scienze di base e applicate, stimolando cooperazione tra centri di ricerca pubblici e imprese private”.

Rispondendo ad una domanda sull’origine dell’iniziativa, il Preside della Facoltà di Scienze Esatte e Naturali dell’UBA ha dichiarato: Guillermo DuranCommenta: “È un’iniziativa di ricercatori che lavorano all’estero. Inizialmente è iniziato come suggerimento delle scienze esatte, ma in seguito si è esteso a specialisti di altri campi. In risposta alla preoccupazione causata dall’avanzamento di una certa retorica di destra contro la scienza, la tecnologia, le università pubbliche e l’istruzione in generale.“.

READ  Nuove tecnologie per migliorare la salute e il benessere degli anziani

Sebbene abbia avuto origine da un gruppo WhatsApp al quale partecipano più di cento laureati dell’UBA (Facoltà di Scienze Esatte e Naturali) residenti all’estero, si è poi ampliato includendo i membri del programma Raíces che, oltre a promuovere il rimpatrio dei cervelli all’estero, crea reti di contatti per coloro che decidono di restare ad altre latitudini, ma sono attaccati all’Argentina.

Ideologie diverse, stesso grido

Un aspetto fondamentale da evidenziare è l’eterogeneità ideologica di coloro che finora hanno aderito al testo. “Si tratta di una dichiarazione politica, firmata da persone del kirchnerismo, ma anche da persone che in altre occasioni hanno sostenuto iniziative di opposizione.“, sottolinea Giuseppe Westfried, fisico (UBA), residente in Francia dal 1976 e Direttore della Ricerca presso il CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique, organismo equivalente a Conicet). Il documento è prezioso proprio per la sua intersezionalità, perché rappresenta i più diversi indicatori di partito che, in un modo o nell’altro, riconoscono l’importanza del ruolo dello Stato nella promozione della scienza e della tecnologia.

Oltre alla mancanza di un nome esplicito nel testo, a Fernando Mordi Gurrieri – Biologo (UBA) e neuroscienziato residente in Francia – Il segnale è chiaro. “Il memorandum è collettivo e il nostro interesse a firmarlo nasce in risposta a dichiarazioni antiscientifiche e contrarie alla preservazione del sistema scientifico e dell’istruzione universitaria in Argentina. Si esprime soprattutto dallo spazio di Javier Maile, ma anche attraverso altre voci che cercano costantemente di screditare il lavoro di ricercatori ed educatori.“, precisa il professore dell’Università di Tours.

Stato architettonico

I revisori concordano sul fatto che nessuno dei paesi considerati “avanzati” sarebbe stato in grado di raggiungere questo livello di progresso se lo Stato non avesse partecipato attivamente attraverso canali di incentivi, promozione e fondi. “Sulla base dell’esperienza di vita in altri paesi, non esiste possibilità di una nazione seria se non ci sono forti investimenti pubblici in questi settori”, afferma Duran. Nello stesso senso Westfried dice:L’esperienza internazionale suggerisce che senza Stati non è possibile mantenere linee di indagine non solo governative ma anche private. “Abbiamo tutti esperienze molto positive che provengono dalle agenzie nazionali e dai sussidi che queste incoraggiano”.

READ  Il popolare sandwich noto per essere innocente in Spagna ed è stato collegato al cancro del colon

Da Internet, viaggi spaziali e intelligenza artificiale, fino ai medicinali e agli iPhone; Tutto, almeno all’inizio, richiede uno stato architettonico che progetta e motiva. Mario Borgna, biologo laureato all’UBA e attualmente direttore del Centro di microscopia molecolare presso il National Institutes of Health (NIH), condivide l’esempio negli Stati Uniti. “Il governo fornisce denaro alla scienza di base, e ciò accade perché non tutto ciò che viene ricercato ha un beneficio economico immediato”, afferma. Lui continua: “Gli Stati Uniti mantengono la maggior parte dei finanziamenti per la ricerca medica nel mondo. Attraverso il National Institutes of Health, le sovvenzioni vengono distribuite ai ricercatori accademici presso università e centri. “È la base che consente all’industria farmaceutica di progettare trattamenti e medicinali che alla fine raggiungano le persone”, spiega.

In effetti, è stata la conoscenza di base di virus come il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) che ha consentito la progettazione rapida di vaccini durante la pandemia di Covid e quindi milioni di vite sono state salvato. . Allo stesso modo, attraverso la NASA (che le voci dissenzienti citano spesso come esempio), il mandato nordamericano promuove lo sviluppo di prodotti più diversificati incoraggiando la ricerca applicata ma anche quella di base. “Riteniamo che il sostegno statale alla scienza sia essenziale, perché ciò porta a contributi su questioni di salute, ambiente, economia e industria. I paesi sviluppati che solitamente ammirano l’Argentina lo sono perché l’integrazione sociale è garantita”, continua Murdi Guerrieri.

Tra i professionisti scientifici che hanno firmato questo memorandum, il 24% svolge la propria attività negli Stati Uniti, seguito da coloro che svolgono la propria attività in altri paesi come Brasile (13%), Spagna (11%), Francia (9%) . ) e Germania (8%). Il quadro delle migrazioni di massa (guidate da governi dittatoriali o neoliberisti) comprende anche altre destinazioni come il Regno Unito, l’Italia, la Svizzera e Israele.

READ  La nanotecnologia nel vetro esiste da quasi 2000 anni

La domanda rimane aperta: saranno questi gli stessi paesi che riceveranno le menti argentine se Miley vincesse ad ottobre?

[email protected]