Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La metà delle piante europee scomparirà a causa del cambiamento climatico

La metà delle piante europee scomparirà a causa del cambiamento climatico

Un aumento della temperatura di 2 gradi farà scomparire dalla neve il 53% delle stazioni sciistiche europee

L’inverno è alle porte ma la neve si allontana dalle stazioni sciistiche. Aspettative di un aumento della temperatura di due gradi a causa dei cambiamenti climatici Il 53% delle stazioni sciistiche in Europa sarà a rischio di estinzioneIncluse le stazioni spagnole per mancanza di neve. Altri due gradi e la percentuale sale al 98%, secondo le conclusioni di uno studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change.

Le principali località sciistiche di paesi come Austria, Italia e Germania sono rimaste senza neve lo scorso gennaio dopo aver raggiunto livelli record di caldo. Lo stesso vale in Svizzera, dove l’ondata di caldo che ha colpito l’Europa ha portato a un livello record di zero gradi Celsius: 5.298 metri, con un incremento di 114 metri rispetto all’anno precedente.

L’Europa rappresenta la metà delle stazioni sciistiche del mondo, che dipendono da una copertura nevosa affidabile e prevedibile, il che le rende altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici. Hughes-François dell’Università di Grenoble e colleghi hanno appena completato un’analisi completa di 2.234 comprensori sciistici in 28 paesi europei Da valutare variazioni del manto nevoso al di sotto dei 2°C e rialzo della temperatura fino a 4°C. Con questi dati, tra il 53% e il 98% delle località si trova ad affrontare un rischio molto elevato di insufficiente approvvigionamento di neve.

L’Europa ospita l’80% delle stazioni sciistiche del mondo con oltre 1 milione di sciatori (43% nelle Alpi), il che significa 209 milioni di visite di sciatori nel 2019, prima della pandemia di coronavirus, e la bolletta più alta 30.000 milioni di euro all’anno.

READ  Unilever celebra la Giornata internazionale della felicità con la pubblicazione dei Dieci comandamenti per migliorare il benessere personale

Un modo in cui le stazioni sciistiche possono rispondere a questi cambiamenti è investire nell’innevamento artificiale, che potrebbe garantire una fornitura affidabile di neve durante alcuni periodi dell’anno in alcune aree. L’utilizzo dell’innevamento artificiale sul 50% dell’area della stazione ridurrebbe tuttavia la percentuale di stazioni a rischio di circa il 25%. Aumenterà la spesa energetica e le emissioni di carbonio. Si prevede che la domanda totale di elettricità per la produzione del ghiaccio aumenterà in media del 18% per un aumento della temperatura di 2°C e del 24% per un aumento della temperatura di 4°C. Naturalmente, lo studio conferma anche che la parte principale di L’impronta di carbonio è associata ai trasporti Dal luogo di residenza del turista e non alla produzione di neve.

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale, la temperatura media annuale nella penisola iberica dovrebbe aumentare tra 1,1 e 2 gradi Celsius. Negli scenari con le più elevate emissioni di gas serra, si prevede che questo riscaldamento supererà i 4°C entro la fine del 21° secolo.

di serie

Progetto Fiducia

saperne di più