Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali cereali vengono dall’Ucraina?  La Spagna è il miglior cliente solo dopo la Cina

Quali cereali vengono dall’Ucraina? La Spagna è il miglior cliente solo dopo la Cina

I paesi dell’Europa orientale si uniscono per vietare l’ingresso Fagioli dall’Ucraina. L’ultima è stata la Bulgaria, che ha ascoltato le preghiere dei suoi agricoltori ed è diventata il quarto paese a vietare il grano, coltivato principalmente sul suolo ucraino perché da allora ha causato un calo dei prezzi del grano. Viene prodotto senza limiti e tariffe obbligatorie Per le importazioni nell’Unione europea da paesi terzi.

Fu il primo ad opporsi a Cale e Kanto Ungheria, che ha appena confermato che si opporrà anche all’importazione di un massimo di 25 prodotti ucraini fino a giugno, tra cui miele, prodotti a base di carne e uova, sebbene consentirà il transito verso altri paesi europei. Dopo pochi giorni lo hanno fatto Polonia E Slovacchia, sfidando gli ordini di Bruxelles. Questa decisione unilaterale è arrivata al punto che la stessa Commissione europea ha già richiesto maggiori informazioni alle autorità di questi paesi per determinare se l’azione intrapresa sia illegale. non dimenticarlo La politica commerciale è esclusiva dell’Unione europea.

L’intero combattimento viene osservato da vicino sotto i miei occhi Spagna, il secondo miglior cliente in Ucraina solo dopo la Cina. L’Associazione agricola dei giovani agricoltori mette in guardia contro un “passaporto di Bruxelles”. Asaga lo ha avvertito L’ingresso di grano dall’Ucraina porta ad una diminuzione del prezzo del grano. Per questo chiede al governo di Pedro Sánchez e, di conseguenza, al ministero dell’Agricoltura, della pesca e dell’alimentazione, guidato da Luis Planas, di definire, in linea con gli altri paesi europei, una posizione chiara per difendere gli interessi della Spagna. settore cerealicolo.

La Spagna guida la lista degli acquirenti di grano ucraino

Dei dieci milioni di tonnellate di prodotti agricoli che attraversano il Mar Nero, l’Ucraina ha esportato. La Spagna è registrata come il paese in cui sono arrivate le navi più cariche, secondo i dati delle Nazioni Unite pubblicati all’inizio di novembre dello scorso anno. In particolare, è in cima ai paesi di spedizione, con Arrivi di navi per 1,9 milioni di tonnellateDi cui 864mila tonnellate di mais, 740mila tonnellate di girasole e 730mila tonnellate di grano.

READ  Gli immigrati in Italia generano il 9% del PIL, una percentuale più alta rispetto all'economia ungherese

Seguono Turchia con 1,3 milioni di tonnellate, seguita da Cina con un totale di 1,1 milioni di tonnellate, Italia con 893 mila tonnellate, Paesi Bassi con 647 mila tonnellate, Egitto con 428 mila tonnellate, Bangladesh con 269 mila tonnellate, Germania, India e Romania. Inoltre, tra le 150.000 e le 250.000 tonnellate di prodotti sono state spedite in Israele, Libia, Francia, Corea del Sud, Tunisia, Indonesia, Algeria e Belgio.

Spagna, un paese a corto di grano e nel bel mezzo di una siccità

L’interesse della Spagna per il grano ucraino è dovuto al fatto che siamo un Paese in deficit, aggravato dagli effetti della siccità che possono far aumentare i prezzi dei prodotti di base. Per essere più precisi, secondo i calcoli pubblicati dallo Spanish Grain Balance, corrispondenti alla campagna 2022-2023, il nostro Paese necessita di circa 37,73 milioni di tonnellate a fronte di una produzione nazionale di circa 24 milioni di tonnellate. In altre parole, la necessità di importare ha imposto l’importazione di circa 14,73 milioni di tonnellate. L’obiettivo più importante di tutti questi cereali è quello di rifornire una delle nostre grandi industrie agroalimentari: il settore delle carni suine, che può interessare anche il settore delle carni.

L’Unione Europea eroga 100 milioni di euro di aiuti

L’Unione Europea sta aiutando con 100 milioni di euro Polonia, Ungheria, Bulgaria, Romania e Slovacchia, insoddisfatte delle dimensioni delle perdite che ha causato nelle loro economie dopo il “surplus” delle importazioni di grano dall’Ucraina. Questi paesi hanno chiesto all’esecutivo comunitario di reintrodurre le tariffe per alleviare questa situazione, mentre allo stesso tempo, parallelamente, Bruxelles studia la legalità del veto temporaneo annunciato da Polonia e Ungheria Per le importazioni di cereali e altri prodotti agroalimentari dall’Ucraina. A questo proposito, il presidente della Commissione ha avvertito che le misure “unilaterali” possono solo “funzionare a favore degli oppositori dell’Ucraina” e non devono “minare il fermo sostegno” dell’Ue.

READ  La Fed inizia a diminuire e in meno di un anno aumenterà i tassi