Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G7 è preoccupato per la “coercizione economica” cinese.

Il G7 è preoccupato per la “coercizione economica” cinese.

La dichiarazione programmatica del G7 includerà una “sezione specifica sulla Cina” con un elenco di preoccupazioni che include “la coercizione economica e altri comportamenti che abbiamo visto specificamente in [República Popular China]il funzionario ha detto venerdì.

La fonte ha affermato che “una dichiarazione separata sulla sicurezza economica discuterà più strumenti” utilizzati per contrastare tali sforzi, tra cui la pianificazione e il coordinamento. In ogni caso, questi dati dovrebbero andare oltre i dati precedenti del G7.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto della Cina il fulcro della sua politica estera, lavorando per evitare che relazioni tese e competitive degenerino in un conflitto aperto, anche su questioni come Taiwan.

Il G7, che comprende anche Canada, Francia, Germania, Italia e Regno Unito, è strettamente legato economicamente alla Cina, primo esportatore mondiale e mercato chiave per molte delle sette società.

Il mese scorso, la Cina ha definito una dichiarazione dei ministri degli esteri del G7 che affronta questioni simili “piena di arroganza e pregiudizio contro la Cina” e ha presentato denunce al Giappone, che ospita il G7 quest’anno.

Sotto il predecessore di Biden, il presidente repubblicano Donald Trump, le dichiarazioni del G7 spesso forniscono solo un riferimento superficiale alle questioni relative alla Cina. Il governo Biden ha insistito per dichiarazioni più dirette.

La dichiarazione congiunta rilasciata ogni anno dai leader del G7 mira a segnalare che le nazioni forti si allineano su una serie di questioni politiche ed economiche.

I membri del G7 abbracceranno anche le prospettive di un’ulteriore cooperazione con la Cina in settori come il clima.

“Non sosteniamo la separazione delle economie statunitense e cinese, sosteniamo la riduzione del rischio e sosteniamo la diversificazione”, ha affermato il funzionario statunitense. “Questo principio è molto unificante”.

READ  L'Unione Europea sta cospirando per fissare un tetto al prezzo del gas entro la fine dell'anno

I negoziati sul linguaggio esatto delle dichiarazioni congiunte dei leader sono ancora soggetti a diplomazia e perfezionamento prima che vengano rilasciati durante il vertice.

L’incontro del G7 sarà una prova di quanto i membri, e tutte le ricche democrazie, siano d’accordo su un approccio comune alla Cina, la seconda economia mondiale.

Le condizioni in Cina sono state uno dei temi principali dei colloqui attualmente tenuti dai leader finanziari del G7 a Niigata, in quanto si concentrano sulla riduzione dell'”eccessiva dipendenza” delle catene di approvvigionamento dei loro paesi dalla produzione cinese, anche attraverso la partnership con i paesi a basso e medio paesi di reddito. paesi di reddito.

Alcuni paesi sono scettici quando si tratta di firmare le politiche sostenute dal governo Biden, come i controlli sugli investimenti esteri in Cina.

Queste politiche sono formulate in parte per aiutare a impedire all’esercito cinese di accedere a strumenti che può utilizzare per ottenere la superiorità tecnologica, e sono viste da molti nell’amministrazione Biden come complementari ai controlli sulle esportazioni che limitano l’accesso ad alcuni semiconduttori e hanno lo stesso obiettivo. .

“Naturalmente, ogni membro del G7 traccerà in una certa misura il proprio percorso verso la Cina, ma ci sono anche una serie di principi che uniscono il G7 in un approccio comune alla Cina”, ha affermato il funzionario statunitense.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen, che è in Giappone per una riunione dei ministri delle finanze del G7, ha dichiarato giovedì che la Cina ha chiaramente usato la coercizione economica con Australia e Lituania.

L’incontro è stato segnato dalla mancanza di progressi nei negoziati sul tetto del debito degli Stati Uniti. Un incontro programmato per venerdì tra Biden e i massimi legislatori è stato rinviato all’inizio della prossima settimana poiché Democratici e Repubblicani di Biden cercano un compromesso per evitare un catastrofico inciampo.

READ  La guerra russa e l'Ucraina hanno colpito anche i milionari russi - Affari - Economia