Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia e Svezia si contendono la prima strada per ricaricare le auto elettriche mentre girano

Italia e Svezia si contendono la prima strada per ricaricare le auto elettriche mentre girano

Alcune bobine sotto l’asfalto inviano elettricità all’auto


  • Funziona senza contatto fisico, utilizzando un campo magnetico creato tra le bobine montate sotto l’asfalto e nel veicolo.


  • I paesi nordici vogliono avere 3.000 km di queste strade nel 2045, un progetto che inizierà nel 2025


  • Oggi ogni chilometro di queste strade costa circa due milioni di euro

La ricarica dalla strada alle auto elettriche che le guidano potrebbe essere più vicina di quanto pensiamo. C’è infatti una disputa tra Italia e Svezia per vedere chi apre per primo un’ampia area di strada ad uso pubblico con queste caratteristiche.

Questa carica dinamica consentirà viaggi a lunga distanza e in auto con batterie più piccole di quelle attuali. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’elettricità che raggiungerà la batteria non sarà sufficiente per far muovere l’auto. Faciliterebbe anche il sovraccarico attraverso i diversi tratti – principalmente in discesa o su tratti pianeggianti – che potrebbero addirittura ricaricare le batterie, seppur lentamente.

Tre tipi

Coloro che l’hanno preso sul serio sono stati, ovviamente, gli svedesi che lo volevano Fino a 3.000 km di questo tipo di strade entro il 2045 Nel cosiddetto ERS o Electric Highway System. attualmente, prima estensione della sua autostrada “europea” – denominata E20 – è già in fase di appalto Realizzazione lavori di climatizzazione nel 2025. È una divisione situata tra le tre principali città del paese: Stoccolma, Göteborg e Malmö.

La strada conterrà servizi di pagamento intelligenti foto di STELLANTIS

Tuttavia, gli svedesi sembrano avere dei dubbi al riguardo Qualsiasi tipo di ricarica installare. Valutano tre diversi tipi:

catenaria. dentro è Viene utilizzata la linea di cavi aerei Posa di tram per fornire elettricità ai veicoli. Per le sue caratteristiche è stato finora considerato più adatto al trasporto a lunga distanza e pesante. È il meno pratico a causa dell’altezza disuguale dei veicoli (se è destinato ad essere utilizzato anche per furgoni, SUV, auto …). Già nel 2016 a Gavle (Svezia centrale) è stata aperta una strada di due chilometri che utilizza linee elettriche aeree. Affinché i composti si propaghino, hanno bisogno di un pantografo sopra per contattarli.

READ  I paesi dell’Unione Europea si rifiutano di sospendere i loro aiuti per combattere l’inflazione

conduttore. Un braccio mobile scende dal veicolo per collegarlo ad un tipo di binario tipo graduato per ottenere energia. Ha più manutenzione e a priori sembra un po’ dura. Tuttavia, è stato uno dei primi corridoi di ricarica elettrica al mondo, dal 2018 trafficverket – qualcosa di simile alla Direzione Generale del Traffico ma con i poteri dei lavori pubblici – ha installato uno di questi tramezzi per una corsa di prova tra l’area di scarico dell’aeroporto di Arlanda a Stoccolma e l’area logistica di Rosersberg.

induttivoÈ il più avanzato e moderno. In esso, alcuni file sono posizionati sotto l’asfalto. Facendo passare energia attraverso quelli bobina, viene creato un campo magnetico che invia quell’elettricità a un’altra bobina situata nella parte inferiore dell’auto Senza contatto fisico o contatto esterno. Questa bobina di bordo utilizza a sua volta quell’elettricità per caricare la batteria. La Svezia ha già costruito un tratto stradale di prova utilizzando questa tecnologia nella città insulare di Visby nel 2020.

Gli svedesi hanno condotto uno studio incentrato principalmente su camion e trasporto merci e ne hanno tratto conclusioni diverse.

1-Simulando modelli di veicoli 412, hanno scoperto che è possibile una combinazione di carico dinamico e locale Riduci le dimensioni della batteria fino al 70%.

2 operazioni Perché il sistema funzioni, solo il 25% delle strade del paese dovrebbe essere adattato.

Anche le 3 auto possono beneficiare del sistema.

4- Saranno necessarie batterie con autonomia diversa nei veicoli a seconda di dove vivi. Nel Aree rurali -Ci sono a volte molto distanti dai centri abitati – sarebbe necessario averli Batterie con il 20% in più di autonomia e quindi più capienti.

induzione in Italia

In Italia, la multinazionale Stellantis sta promuovendo un progetto pilota presso il circuito “Arena del Futuro” nella città di Chiari. E sono sicuri in quale dei tre tipi di percorsi elettrici investire: DWPT (Dynamic Wireless Power Transmission), altrimenti noto come ricarica induttiva. Tutti i veicoli dotati delle bobine che abbiamo spiegato sopra possono funzionare al suo interno. The Automotive Group realizza questi lavori in collaborazione con altre importanti aziende e istituzioni come Iveco, electreon o ABB, il tutto coordinato dalla A35 Brebemi, di proprietà di Aleaticaun operatore globale di infrastrutture di trasporto dedicato a soluzioni di mobilità sostenibili e innovative.

READ  Herrera partecipa alle riunioni del G20 per esprimere la sua posizione sull'imposta sulle società digitali

In Italia hanno già effettuato test soddisfacenti su auto e autobus foto di STELLANTIS

nel loro I test sono stati effettuati, tra gli altri, con i nuovi autobus elettrici Fiat 500 e Iveco, Tutti attrezzati per testare il sistema, è stato dimostrato Può viaggiare alle normali velocità autostradali Senza consumare l’energia immagazzinata nella batteria e anche con la ricarica in movimento.

accanto a, L’efficienza del flusso di energia dalla banchina al veicolo è simile a quella raggiunta nelle stazioni di ricarica rapida. Certo, questo consumo e questo carico hanno un costo. Ma come il modo Includerà servizi di pagamento intelligenti integrati, non sarebbe necessario che il conducente smetta di pagare, come avviene, ad esempio, oggi sulle autostrade. I pagamenti vengono effettuati grazie a tecnologie come il 5G e l’intelligenza artificiale, che facilitano lo scambio di informazioni tra il veicolo e la piattaforma di gestione del sistema.

Finalmente, Le misurazioni dell’intensità del campo magnetico generato mostrano che non vi è alcun effetto Né l’autista né i passeggeri.

benefici

Il sistema presenta importanti vantaggi collaterali. In particolare, è alimentato da corrente continua (DC), il che significa che:

-Lui Ridurre la perdita di energia nel processo di distribuzione dell’energia.

Garantita l’integrazione diretta con fonti energetiche rinnovabili.

Sono ammessi cavi in ​​alluminio per la distribuzione dell’energia. L’alluminio costa meno della metà del rame, è più facile da ottenere, più facile da riciclare e si adatta a un’economia circolare.

Permette anche l’uso di cavi più sottili rispetto a quelli utilizzati in AC, il che significa vantaggi in termini di peso e dimensioni in macchina.

Infine, questa tecnologia è molto versatile per adattarla ad altre infrastrutture come parcheggi o nei porti e negli aeroporti, utilizzati per la logistica.

Per quanto riguarda le sue applicazioni future, In Italia si sta valutando l’utilizzo sulle linee urbane degli autobus come una delle sue possibili applicazioni. Hanno percorsi fissi preimpostati e questo sistema induttivo ridurrà al minimo le spese notturne.

READ  La Spagna triplica il suo deficit commerciale fino a novembre a 63.603 milioni

Anche Renault

Il produttore francese ha anche costruito una piccola strada di prova con ricarica induttiva dinamica nel 2017 e alcuni dei suoi modelli avevano questa capacità di ricarica. Questo percorso aveva solo 100 metri di strada nei pressi di Versailles e permetteva di ricaricare l’auto a velocità fino a 100 km/h. Già a quel tempo aveva un sistema di identificazione degli utenti per consentire il commercio solo per quei veicoli autorizzati. La verità è che dalle prime informazioni rivelate dal marchio quell’anno, la Renault non ne ha più parlato.

Anche la Renault ha avviato le proprie indagini nel 2017. Foto Renault

Inoltre, anche Regno Unito, Stati Uniti e India stanno raddoppiando i loro sforzi per costruire strade elettrificate.

Sono pratici?

Certo, poter eliminare o almeno coprire parte dei nostri viaggi con la ricarica induttiva su strada sarebbe il sogno di un utilizzatore di veicoli elettrici. attualmente Non lo vedremo presto in tempo Per prima cosa: il costo di questa infrastruttura. da Aleatica è stimata oggi intorno ai due milioni di euro al chilometro. È vero che quando il sistema diventerà pubblico i costi scenderanno, ma non è più solo l’installazione, ma Anche i pagamenti degli utenti per chilometro tendono ad essere più elevatiDal momento che tutte le aziende coinvolte vorranno ovviamente la loro parte di torta, rendendo il costo per chilometro più costoso per l’utente.

Sì, lo vediamo Pratico per circuiti chiusi, come logistica e trasportio a Trasporto di massa come le linee di autobus urbane.

D’altra parte, se con questo sarà possibile ridurre le dimensioni delle batterie installate nei veicoli, e quindi il loro prezzo, i vantaggi inizieranno ad accumularsi, perché l’energia solare rinnovabile e l’energia eolica richiederanno consumi enormi come l’accumulo di elettricità generata attraverso tali metodi.