Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La realtà dominerà i piani di spesa del prossimo governo italiano | Opinione

Il prossimo potenziale governo italiano ha grandi piani di spesa. Una coalizione di partiti di destra sembra vincere le elezioni generali di settembre, nominando Giorgia Meloni del partito nazionalista italiano Fratellanza primo ministro. L’alto debito pubblico e la sorveglianza dell’UE perforeranno i palloni più sperimentali del gruppo.

L’improvvisa caduta dell’amministratore delegato Mario Draghi il mese scorso apre la strada a un altro governo italiano. Secondo i sondaggi, la coalizione che comprende Fratelli d’Italia, Lega (anti-immigrazione Matteo Salvini) e Forza Italia guidata dall’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, otterrà il 49% dei voti, davanti ai suoi rivali politici divisi. Il partito di Meloni, che affonda le sue radici nel neofascismo del dopoguerra, si oppone all’agenda di Draghi e ha un passato euroscettico, potrebbe ottenere il 24% dei voti.

Una delle priorità della coalizione è ridurre le tasse per aumentare la domanda dei consumatori. Sebbene il gruppo non abbia ancora pubblicato una dichiarazione ufficiale, i suoi piani prevedono l’estensione di un’aliquota unica del 15% per i lavoratori autonomi che guadagnano fino a 100.000 euro all’anno, rispetto agli attuali 65.000 euro. Questo pratico. Tuttavia, secondo il professore di economia Massimo Baldini, un piano più audace per estendere il trattamento a tutti i lavoratori e ai pensionati potrebbe ridurre le entrate fiscali del governo di circa 40 miliardi di euro, ovvero più del 2% della produzione annua dell’Italia. Ciò renderebbe difficile ridurre il debito pubblico, che quest’anno ammonta al 147% del PIL.

La coalizione Meloni vuole anche riadattare il piano di ripresa dalla pandemia da 200 miliardi di euro concordato con la Commissione europea. È vero, la guerra in Ucraina suggerisce che si potrebbero spendere più soldi per le infrastrutture energetiche. Tuttavia, qualsiasi cambiamento avrebbe bisogno del sostegno di Bruxelles, mettendo a repentaglio la spesa di denaro fondamentale per rilanciare la crescita dell’Italia.

READ  Il prezzo dell'elettricità scende del 54% domenica

Infine, Meloni auspica anche una maggiore presenza statale in Italia SA. Ciò potrebbe mettere a rischio le privatizzazioni concordate, come quelle del successore di Alitalia, ITA, e della Banca Monte dei Paschi di Siena.

Tuttavia, l’Italia ha bisogno del sostegno degli investitori per rifinanziare il proprio debito. I mercati nervosi hanno costretto l’ex CEO anti-establishment a fermare i costosi progetti finanziari nel 2018 e nel 2019. Inoltre, la Banca centrale europea ha indicato a luglio che sarebbe intervenuta per sostenere i paesi che affrontano attacchi speculativi solo se rispettassero le regole finanziarie e lo facessero Così. Non fanno saltare in aria le loro finanze pubbliche. E torna l’aumento del debito statale, con una differenza attiva dighe Le obbligazioni tedesche a 10 anni, che sono raddoppiate a 200 punti base in un anno, suggeriscono che l’Italia non può dare per scontati i mercati obbligazionari. Questi vincoli esterni faciliteranno qualsiasi misura fiscale drastica.

Gli autori sono editorialisti per Reuters. le opinioni sono tue Tradotto da Carlos Gomez Abajo è una responsabilità cinque giorni