Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“I profitti guadagnati dalle aziende non vengono reinvestiti nel sistema sociale”.

Mariana Mazzucato, economista di origine italiana. / Rc

Richiede un aumento delle tasse direttamente derivate dalla speculazione e un maggior ruolo del lavoratore in ogni azienda

José Maria Barista

La sua retorica era abbastanza chiara a favore di un altro capitalismo in cui l’intervento sul lavoro è migliorato, l’aumento delle tasse sulle plusvalenze o il ruolo crescente delle donne nell’economia. Mariana Mazzucato (Roma, 1968) racconta la realtà economica post-pandemia colpita dall’inflazione giorni prima di partecipare a #WomenNOW, il convegno sulla leadership femminile organizzato da Vocento il 16-17 giugno a Madrid.

Dopo aver superato la crisi epidemica, ora arriva la crisi inflazionistica. In che modo il continuo aumento dei prezzi influisce sull’economia?

Il problema in sé non è l’inflazione. Il problema è l’origine dell’inflazione. Quando c’è inflazione dovuta alla crescita dell’economia, va bene. Ma quello che abbiamo ora è l’inflazione, perché abbiamo molte compagnie energetiche che cercano profitti, a cui è stato permesso di aumentare i loro prezzi, anche se i loro costi reali non stanno aumentando allo stesso ritmo. Si potrebbe pensare che i governi sarebbero preparati ad affrontare questa situazione. Ma queste aziende dicono che o aumenti i costi per i consumatori o fallirai. Quindi ci sono diversi paesi nel mondo che interagiscono in modi diversi. Nel Regno Unito, ad esempio, non hanno fatto quasi nulla e hanno permesso ai consumatori di ottenere bollette energetiche più elevate, il che è un problema enorme, come in molti paesi, perché i salari reali non sono aumentati negli ultimi 30 anni. Abbiamo anche consentito a molte piccole imprese di fallire a causa di questi costi elevati, perché è un approccio orientato al mercato e non funziona. Tutto ciò significa che assisteremo a disordini civili perché le persone sono molto arrabbiate in tutta Europa.

READ  Uomini mascherati hanno dato fuoco all'ingresso dell'ex fontana tedesca in Plaza Italia

Quali sono le misure da adottare per porre rimedio a questa situazione? Assistenza selettiva o generale?

Il problema è che sono ancora reattivi ora. Naturalmente, la prima cosa che dovresti fare è aiutare prima i più vulnerabili. E non sono solo i più vulnerabili, ma anche molti posti di lavoro della classe media, ad esempio, che vengono assunti in economie in cui la composizione strutturale dell’economia non è corretta. Non condividiamo la ricchezza con tutti e permettiamo un capitalismo di tipo super-finanziario. E questo è stato uno dei problemi principali del capitalismo moderno, dove i profitti non vengono reinvestiti nel sistema, nella società stessa.

-Cosa vuoi dire?

Molte aziende utilizzano i loro guadagni per cose come riacquisti di azioni, aumentando così i prezzi delle azioni, le opzioni su azioni e i bonus dei dirigenti. Questa è una crisi di reinvestimento, che danneggia non solo i più vulnerabili, ma anche la classe operaia impiegata dalle società a scopo di lucro. Si tratta di riprogettare un sistema capitalista in cui si ha davvero un modo diverso di produrre ricchezza, in cui si investe in industrie e politiche di innovazione.

Dovremmo aumentare, mantenere o abbassare le tasse?

L’aumento dell’IVA è una forma di imposta regressiva perché penalizzi maggiormente i redditi più bassi. Se vogliamo una crescita a lungo termine, la cosa da fare è aumentare l’imposta sulle plusvalenze. Possiamo anche offrire agevolazioni fiscali per il tipo di capitale che investi effettivamente a lungo termine piuttosto che a breve termine. Il problema è che la maggior parte del reddito nel mondo aziendale non viene guadagnato attraverso l’imposta sul reddito delle società. Dovremmo tassare i dividendi in modo più naturale piuttosto che permettere che siano tassati meno. Perché questo è ciò che alimenta la finanziarizzazione dell’economia, perché molti soldi si fanno semplicemente trasferendo asset esistenti. E se vuoi diventare verde, dobbiamo assicurarci di tassare i materiali più della manodopera. Al momento non abbiamo una smart tax sulla composizione fisica della produzione. Se vuoi rimuovere il carbonio dall’acciaio e dal cemento, ad esempio, devi renderlo più redditizio.

READ  La Banca centrale europea ha rafforzato la vigilanza sulla Spagna a causa dell'aumento incontrollato dell'inflazione

Come sarà il tuo futuro capitalismo?

Ci sono diversi tipi di capitalismo. In alcuni paesi, i sindacati sono presenti nei consigli aziendali, come in Scandinavia. e altrove, come l’Italia, dove i sindacati stanno diventando sempre più deboli, con meno potere contrattuale. Quando si parla di capitalismo, non è solo un tipo di sistema che stiamo rimuovendo e abbandonando. Sono infatti esiti e decisioni che prendiamo all’interno delle aziende e delle istituzioni pubbliche, ma soprattutto nel modo in cui tutti gli agenti sociali si relazionano tra loro.

Quale dovrebbe essere il ruolo delle donne in questo contesto?

– Nell’ultima crisi, le donne hanno sofferto molto più degli uomini a causa del maggior carico di cure. Quando c’è una crisi, le persone che lasciano il lavoro part-time a volte hanno difficoltà a rientrare nel mondo del lavoro. Sappiamo che l’economia solidale manca di risorse sufficienti. Questa crisi ci ha mostrato l’immensa importanza della cura. Nel mio libro parlo di tutte le distorsioni quando confondiamo prezzo e valore.

Women of Santander Now: Conferenza sulla leadership femminile

Di quali leader abbiamo bisogno? Quali messaggi mandiamo in questi momenti di incertezza? Quali iniziative sociali saranno rilevanti per il futuro? A tutte queste domande, e molte altre, risponderanno rappresentanti nazionali e internazionali dei diritti umani, della cultura, della scienza, dello sport, dell’economia o dell’attivismo, che parteciperanno alla quarta edizione di Santander WomenNOW. L’incontro internazionale è organizzato da Vocento e si svolgerà a Madrid dal 16 al 17 giugno.

Con il titolo “Leadership in Turbulent Times”, Santander WomenNOW presenterà, tra gli altri partecipanti, Victoria Alonso, Head of Post-Production, Visual Effects, Animation e Executive Producer presso i Marvel Studios; la rispettata economista Mariana Mazzucato; Pau Gasol, Presidente, Fondazione Gasol; Ángeles Santamaría, CEO di Iberdrola Spagna; Fouzia Kofi, ex vicepresidente dell’Assemblea nazionale dell’Afghanistan; Adriana Cerezo, medaglia d’argento nel taekwondo olimpico a Tokyo o concorrente russo Lyubov Sobol. All’evento parteciperà anche la regista e attivista ambientale Alexandra Cousteau; Jeffrey Epstein, procuratore delle vittime Sigrid McCauley; lo psichiatra Luis Rojas Marcos; Laura Fernandez-Espeso, CEO, Medriapro Studio; Cynthia Germanotta, Presidente di Born This Way e madre di Lady Gaga; O la scrittrice Virginia Vito.

Santander WomenNOW è sostenuta da Banco Santander come partner globale, sponsorizzazione da DKV, Heineken, Iberdrola, Iberia, Inditex, L’Oréal Paris, collaborazione El Corte Inglés, Hotel Princesa Plaza Madrid, Multiópticas e Salesforce. La conferenza può essere seguita di persona nell’auditorium El Beatriz di Madrid. Per partecipare, ora puoi registrarti gratuitamente sul sito Web Congreso.womennow.es.

Inoltre, l’evento può essere seguito in diretta sulle pagine web di womennow.es, il portale mujerhoy.com, nonché sul sito web di questo giornale durante l’evento.